IL FRANTOIO DI VILLA ARVEDI

Fra gli ulivi e le viti delle colline veronesi a pochi chilometri dalla città di Verona e dal Lago di Garda il Frantoio di Villa Arvedi ripercorre storie di tradizione, nobiltà, amore e passione per agricoltura e natura.

Qui da secoli è attiva la produzione olearia. E qui si riflette quel pathos specializzato ed originale, che permette di dare continuità ad un lavoro antico oggi interpretato nei connotati, mai troppo eccessivi, di modernità. Occasione interessante ed esclusiva dunque quella dell’incontro con Giovanni Battista Antonio, erede diretto del “conte” Ottavio Arvedi. Importante legame che fin dalla tenera età gli ha trasmesso la passione per un’agricoltura di pregio e qualità. Marchio produttivo secolare si diceva, applicato da sempre nel latifondo di famiglia in Valpantena, ai piedi dei Monti Lessini. “L’Oleificio Arvedi è una struttura che affonda le sue radici nel 1200, epoca in cui era casa di proprietà di Alberto, Mastino, e Cangrande della Scala – spiega Giovanni Battista mostrando l’antico torchio all’entrata dello storico edificio – Da secoli il frantoio è in funzione per la produzione di extravergine garantito da 3500 ulivi di proprietà. Fra le nostre cultivar prevale il pregiato , senza dimenticare , Leccino e che si trovano principalmente nella vallata. L’ viene venduto direttamente in frantoio a Villa Arvedi oppure spedito e ogni anno segna il tutto esaurito. Dal 1824 – prosegue Arvedi – la mia famiglia ha acquisito la proprietà e da 4 generazioni si frangono anche olive di piccoli e medi produttori del territorio, garantendo un servizio efficiente pur mantenendo la tipologia di lavorazione tradizionale: il nostro olio è estratto a freddo con procedimento a presse e fiscoli, un sistema millenario di estrazione che si fonda sul principio fisico della pressione – approfondisce Arvedi – il nostro olio è il risultato di una lavorazione artigianale in cui l’intero processo, che va dalla coltivazione fino all’imbottigliamento, avviene al’interno del frantoio e nelle immediate vicinanze per ottenere la produzione di olio extra vergine di altissima qualità”. L’antico frantoio, con la sua alta ciminiera in mattoni è il cuore della proprietà terriera al cui fianco si erge la sontuosa villa seicentesca, costruita dai conti Allegri e poi acquistata dalla famiglia Arvedi. Ed è proprio l’attività produttiva che nel 1432 viene descritta come “possessione con casa merlata con torcolo da vino e torcolo da olio” e nel 1519, nell’atto di acquisto della famiglia Allegri, come “una pezza di terra aratoria con viti, olivi e altri alberi da frutto e non, con hospitio e pezza di terra casaliva murata coppata e solarata con cortivo stalle e orto”. Almeno due secoli prima della villa esisteva l’edificio produttivo che ininterrottamente ha funzionato fino ai nostri giorni. Questo contesto, di brillante attività agricola e qualità delle coltivazioni, ha dato lustro e potenza economica agli antichi proprietari, condizione di prestigio e benessere che ha consentito l’edificazione della villa, una  delle più grandi del Veneto. Il magnifico edificio, abitato tuttora dalla Famiglia Arvedi, è stato eretto a metà del 1600 su progetto dell’architetto Giovanni Battista Bianchi, così come appare oggi. Al suo interno si possono apprezzare gli splendidi saloni affrescati e strutture esterne dedicate tutt’oggi a principesche cerimonie ed eventi pubblici o privati. L’importante opera architettonica è inserita nel contesto originario di boschi di roveri e carpini, con alle spalle lo storico uliveto, in fronte un magnifico giardino all’italiana e a fianco l’antico frantoio in attività e in perfetto stato di conservazione. Insomma regalità e magia intersecano storia e tradizione con elegante disinvoltura rappresentativa.

"Tita" Arvedi titolare del Frantoio Villa Arvedi a Grezzana (Verona)

“Tita” Arvedi titolare del Frantoio Villa Arvedi a Grezzana (Verona)

“La cura delle coltivazioni e l’attenzione per la trasformazione, che mi ha insegnato mio padre – prosegue Giovanni Battista Arvedi – è l’essenza dell’amore per questo lavoro che vedo come una missione e che spero di trasmettere un giorno a mio figlio, il giovanissimo Ottavio”. Anche i presupposti per il futuro d’impresa non vengono meno a questi segnali di secolare continuità “Il 2018 è stata un’annata eccezionale – annuncia con soddisfazione Arvedi – sia per l’abbondante raccolto sia per l’altissima qualità delle olive. Il 2019 sarà invece un anno da celebrare per alcune date ricorrenti nella storia del frantoio. Insieme a mia moglie Tania, importante supporto in nuovi progetti per l’attività produttiva, abbiamo pensato, per il 2019, di realizzare una pezzatura speciale di 500 bottiglie con il miglior raccolto dell’anno da dedicare a mio padre Ottavio Arvedi, come gesto di amore e di ringraziamento”. Il circondario del sentimento costituisce il palinsesto fondamentale secolare che sostiene l’intensità espressiva di questo spazio. Elementi tangibili di attaccamento per terra, natura e tradizione, quali pezzi di materia lussureggiante e attiva in produzione di emozioni, si associano all’integrità degli affetti e dei pensieri che si articolano fra ricordi di genitori ed antenati. Ed ancora generazioni e legami pronti a sostenere, rilanciare raccogliere il testimone verso orizzonti ambiziosi e stimolanti in prospettiva delle nuove generazioni. Alimentando in questa catena di elementi costitutivi di una importante storia di famiglia, la spirale vincente dell’amore che, dal frantoio emozionale delle belle sensazioni, emerge, energizza ed evolve in poesia di lavoro, speranza ed esperienza.

Olio Extra Vergine di Oliva Arvedi

Il secolare uliveto di Villa Arvedi conta oltre 3500 esemplari delle cultivar Favarol, Leccino, Pendolino e Grignano. Il pregiato Olio del Frantoio Villa Arvedi è frutto della semplice spremitura a freddo delle olive mature raccolte a mano. E’ particolarmente pregiato per il basso tasso di acidità e per l’assenza di fitofarmaci nelle coltivazioni. Ha un profumo delicatamente fruttato e un sapore fragrante e gentile.

Il miglior raccolto dell’anno 2019  verrà celebrato con 500 bottiglie numerate dedicate alla memoria di Ottavio Arvedi.

Per la speciale occasione verrà proposto un olio extra vergine monovarietale di Grignano, l’olivo diffuso nel tratto orientale della provincia di Verona, da qualche anno annoverato fra gli  olivi più apprezzati d’Italia, capace di dare un extravergine dalle caratteristiche uniche.

Bottiglie di Olio di prima qualità Arvedi. Nell'immagine la storica "latta" ora oggetto da collezione

Bottiglie di Olio di prima qualità Arvedi. Nell’immagine la storica “latta” ora oggetto da collezione

Frantoio Villa Arvedi

Via Conti Allegri Localita’ Cuzzano 1  37023 Grezzana – Verona 

Tel. +39 045/907045 Cell. +39 3332670707  Fax +39 045/2375571  

E-mail: frantoioarvedi@gmail.com

Link all'articolo originale: http://www.giornaledelgarda.info/il-frantoio-di-villa-arvedi/

Nessun tag per questo articolo.

Lascia un commento