Salò, MuSa per la prima volta in attivo grazie all’esposizione dedicata alla Rsi

Un attivo di 100mila euro per il MuSa. E' stato l'anno dei record per il museo di Salò che per la prima volta dalla sua nascita chiude in attivo il suo bilancio. Il merito è soprattutto della nuova sezione permanente dedicata ai drammi e agli errori della Rsi, la Repubblica sociale italiana che ha visto il comune gardesano come capitale.

Quindi a Salò non c'è solo il degli Italiani quale punto di riferimento per la storia e la cultura ma anche il MuSa. Negli ultimi dodici mesi i visitatori del museo di Salò sono raddoppiati rispetto al 2022. A concorrere a questo risultato anche la mostra Passeggiata della linea. 100 protagonisti del disegno contemporaneo, la mostra A caccia del Pitocchetto, le Anatomie manifeste du Guido Airoldi e l'esposizione di pastelli di Attilio Forgioli.

La sezione dedicata all'Rsi è curata dalla storica Elena Pala in collaborazione con il del Centro Studi Rsi di Salò, Roberto Chiarini e del professore dell'Università degli Studi di Roma, Giuseppe Parlato.

>>> Clicca qui e ricevi direttamente sul cellulare le news più importanti di Brescia e provincia e le informazioni di servizio (incidenti, allerte sanitarie, traffico e altre informazioni utili) iscrivendoti al nostro canale Telegram <<<

>>> Clicca qui e iscriviti alla nostra newsletter: ogni giorno, dalle 4 di mattina, una e-mail con le ultime notizie pubblicate su Brescia e provincia <<<

L'articolo Salò, MuSa per la prima volta in attivo grazie all'esposizione dedicata alla Rsi proviene da BsNews.it – Brescia News.

Vai articolo originale: https://bsnews.it/2024/01/10/salo-musa-per-la-prima-volta-in-attivo-grazie-allesposizione-dedicata-alla-rsi/

Lascia un commento