Rifare lo Stato dal basso

Dal capitolo L’utopia di Sindaci imprenditori, sul progetto politico di .

L’ordine politico delle comunità è un progetto che lascia di stucco per la capacità di anticipare i problemi dello centralista ripresi della negli anni Novanta del secolo scorso e oggi issati a vessillo a destra come a sinistra. Basta scorrere le parole pronunciate alla chiusura della campagne del Movimento Comunità per le amministrative del 1956:

[…] rifare lo Stato dal basso, dai Comuni alle Comunità per poi giungere dalle Comunità alle Regioni, dalla Regione allo Stato. […] Roma […] oggi significa soltanto uno Stato mediocre e corrotto, incapace di garantire quel rinnovamento morale e materiale che milioni di italiani attendono da dieci anni.

Il suo programma prevede di «abbattere l’idolatria dello Stato e l’egemonia dei », di selezionare una nuova classe dirigente composta di sociologi, economisti, urbanisti. Al centro del progetto c’è un nuovo rapporto tra il singolo e la collettività, basato su quella Comunità che sarebbe stata come «un diaframma creativo tra l’individuo e lo Stato».

Link all'articolo originale: http://sindacospa.wordpress.com/2009/10/05/rifare-lo-stato-dal-basso/

Lascia un commento