Manutenzione agli edifici scolastici: si parte dai nido

Migliorìe in arrivo per quanto riguarda gli edifici scolastici desenzanesi: l’Amministrazione ha deciso di stanziare una cifra iniziale di 500.000 euro per finanziare un progetto che andrà a migliorare la tenuta sismica dell’asilo nido “Il Cucciolo”.

“E’ fondamentale specificare – afferma il sindaco – che dopo aver effettuato le analisi di vulnerabilità sismica su tutti i nostri edifici scolastici, è emerso chiaramente che il loro stato attuale è buono, collaudato e a norma. Tuttavia abbiamo voluto approfittare di una recente normativa del 2018 che ci consentiva di dotare dei nuovi standard antisismici le scuole: questo per dare seguito al nostro programma elettorale, per dotare di edifici 100% antisismici le generazioni future e per garantire la sicurezza ai nostri cittadini”.

Come detto, si parte con l’asilo nido di via Pace, “Il Cucciolo”, e a spiegare questa scelta ci ha pensato l’assessore ai Lavori Pubblici Giovanni Maiolo: “Eravamo tutti concordi nel partire da qui poiché all’interno ci stanno gli individui che sarebbero più in difficoltà in una situazione di emergenza come potrebbe essere quella di un sisma. A seguire poi ci occuperemo del “Pollicino” fino ad arrivare alle strutture degli alunni più grandi, che, tengo a sottolineare ancora una volta, sono comunque tutte a norma e in buono stato. Diciamo che dopo questi interventi le strutture guadagneranno il livello 1 di vulnerabilità antisismica, ovvero il massimo”.

Edifici che dunque diventeranno eccellenze dal punto di vista antisismico. E non poteva che esprimere la sua soddisfazione in merito anche l’assessore alle Politiche Educative Annalisa Colombo: “Credo che sia un grande risultato di squadra e che la programmazione e la pianificazione abbiano fatto la differenza: infatti i lavori al “Cucciolo” inizieranno nel giugno del 2020, questo per dire quanto tempo prima va organizzato un progetto del genere. Abbiamo già anche individuato la struttura “cuscinetto” in cui spostare i bimbi durante i lavori, ovvero l’area che per una parte ospita oggi il CAG; sarà ovviamente adeguata con bagni, tinteggiature e interventi di ordinaria amministrazione per accogliere al meglio i bambini”.

In conclusione, per quanto riguarda la parte pratica di ciò che si andrà a fare sulla struttura, l’ingegner Ferruccio Massardi, tecnico incaricato di fare le analisi di vulnerabilità sismica, ha spiegato che “le operazioni dovrebbero durare qualche mese per consentirci di posizionare le assi in acciaio di ultima generazione e per procedere a rendere al 100% antisismica la struttura del “Cucciolo”.”

Link all'articolo originale: http://www.gardanotizie.it/manutenzione-agli-edifici-scolastici-si-parte-dai-nido/

Lascia un commento