Falìe de càlem — Faville di ciliegi

I è falìe !
Falìe bianche
a sguandaià’n del celest!

Del filér dei càlemlé’n banda a le stradù,
en ventesèl
el ròba i fiur:
i fiur bianc dei càlem
fin a postai,
falìe alegre,
bianche, lezére,
‘n de l’aria del ciél.

Le vula contente
sul del sò bel nà,
brilantì bianc
dèntèr na primaéra
üsa a doprà culur
de sbambolà.

Le vulàn del vènt
a fa de sgarnéra,
èn dèn moment,
le sgaria,
spirituse,
el birulà del temp.


Faville(1) di ciliegi
Sono faville! /Faville bianche/ a svolazzare nel celeste!/
Dal filare dei ciliegi/ lì in parte allo stradone(2),/ un venticello/ ruba i fiori:/i fiori bianchi dei ciliegi/ fin ad appoggiarli,/ faville allegre, bianche, leggere, / nell’aria del cielo./
Volano contente/ solo del loro bell’andare,/ brillantini bianchi/ dentro una primavera/ abituate ad usare colori/ da imbambolare(3)./
Volano nel vento/ a far da scopa/ e in un momento/ frugano,/ spiritose,/ il rotolare del tempo.
Note:
(1) Le falìe nel dialetto bresciano sono prevalentemente riferite ai fiocchi di neve, anche se ci sono le scintille dello scoppiettare dei ceppi sul fuoco e quelle dei fabbri nel loro battere e lavorare il ferro
(2) da quando esistono le auto, la strada asfaltata, in dialetto, è stradù, stradone.
(3) sbambolà signficherebbe anche sventolare come nel dialetto veneto.

Prima pubblicazione il: 21 April 2020 @ 13:00

Link all'articolo originale: http://www.gardanotizie.it/falie-de-calem-faville-di-ciliegi/

Lascia un commento