Sirmione, farmacia: la nomina finisce davanti all’Anticorruzione

Esposto grillino all’Anac, per verificare la correttezza della nomina della dirigente della farmacia comunale di Sirmione, avvenuta alla fine del 2018. Il deputato del Movimento 5 Stelle Alberto Zolezzi ha infatti presentato una segnalazione all’Autorità nazionale anticorruzione per fare chiarezza sulla procedura attuata dall’Azienda Speciale Sirmione, che gestisce la farmacia comunale di via Verona, a Lugana.

«La trasparenza – scrive il deputatoe pentastellato – appare violata per la mancata pubblicazione dei punteggi dei candidati del concorso per il posto a tempo determinato, appaiono sospetti alcuni fatti relativi all’assenza di membri del consiglio di amministrazione in importanti sedute, appare anomalo il mancato svolgimento di un concorso per una nomina sostanzialmente dirigenziale e poi direzionale».

«Il sospetto – prosegue Zolezzi – è che la meritocrazia, e di conseguenza l’ottimizzazione di un servizio pubblico pagato anche con denaro pubblico, siano stati carenti». «Chiedo quindi chiarezza – conclude il deputato – anche perché, fra l’altro, ci troviamo di fronte a parenti di un sindaco (Carpenedolo), la cui campagna elettorale era stata sostenuta dall’attuale assessore allo Sviluppo economico regionale (ed ex sindaco di Sirmione, ndr)».

 

 

Link all'articolo originale: https://www.giornaledibrescia.it/garda/sirmione-farmacia-la-nomina-finisce-davanti-all-anticorruzione-1.3364723

Lascia un commento