Jappo… Un uomo una realtà!

Ecco il simpatico commento di Jappo!

“Io a garda non ci vivo da qualche anno ma essendo Gardense nell’animo e
nel sangue, rivendico il diritto di scrivere perchè sono molto
preuccupato della situazione di questo paese che purtroppo non ha più
un’identitàVedo un paese abbandonato a se stesso è lo specchio della
nostra Italia in miniatura! Vedo un leader politico che gioca con
astuzia le sue carte impressionando i cittadini gonfi di pochezza
culturale (perdonate il gioco di parole) e una cittadinanza confusa ,
costretta a scegliere senza coerenza una leadership scontata e
terribilmente ambigua ,giustamente non avendo buoni giocatori dall’altra
parte del tavolo!Vedo un paese razzista che però non disdegna di avere
manodopera straniera durante la bella stagione!Vedo un paese di giovani
perdersi con alcool e droghe varie consumate con spudoratezza nei vari
esercizi pubbliciVedo albergatori benestanti che sputtanano la
professionalità non essendo in grado di gestire e non investendo in
qualità!Vedo il menefreghismo dei cittadini riguardo alla politica sia
di Garda che del nostro Paese!Potrei continuare ma credo che la
popolazione debba fermarsi un attimo ………….pensare confrontarsi
con le altre realtà del nostro Lago e ribellarsi ,agire ,trovare le
alternative giuste e concrete: le persone che credono in questa
cittadina i veri Gardesani con i controcoglioni !  Garda
era un piccolo diamante ma purtroppo ora è diventata uno zircone!!Jappo

Jappo, hai fatto una bella morale! Bravo! (Jappo si dice Gardesano nell’animo non Gardense…) Al contrario della morale che fai Jappo però tu dimostri come tutti i commentatori e millantatori che di coglioni proprio non ne hai, se così non fosse, visto che non sei più un GARDESANO, non dovresti avere problemi a scrivere nome e cognome, indirizzo foto e qunt’altro per farci vedere chi sei, TU che accusi e basta, tu che sicuramente non bevi un goccio di alcool, che non hai mai detto a nessuno uno sfottò o un commento razzista, tu che saresti un ottimo giocatore dall’ altra parte… Ne abbiamo piene le balle di gente come te caro Jappo che sa parlare bene e razzolare male, prima di fare commenti di quest’entità dove non accusi solo iddio, dovresti dimostrare chi sei, cosa fai e perchè puoi permetterti tanto, quel tanto che nessuno deve permettersi se non ne ha il diritto, il solo esser stato GARDESANO non implica che puoi scrivere di queste panzane che il blog dell’opposizione più politicamente scorretta al mondo pubblica senza preoccuparsi del fatto che con gente così perde la poca credibilità che ha.

Sapevate che Anna C. dispensa via posta privata su Facebook messaggi di spam a tutti per visionare il loro sito? Impressionante… Persino una persona che conosco si è ritrovato ad essere VIOLENTATO virtualmente da messaggi di posta di questa persona… Li incollo!

..leggi…tutto
su bendinelli..

Anna
C


http://salviamogarda.leonardo.it/blog


Tiago
L



non
ho bisogno di leggere…

non ce anche qualche sito su Anna
Codognola?

Grazie.

Occhio allo spam…


Anna
C


cosa
vuol dire? non sono candidata alle regionali, ma se hai qualche
problema caro fan sono qui a disposizione per qualsiasi chiarimento.


Tiago
L


Chiarimenti
suoi… no grazie.

E caro fan… mi viene da ridere.

Chiarimento
mio:
link sul mio profilo è spam.

La ringrazio di non
scrivermi più.

Distinti saluti.


Anna
C



ok

Poveretti… Se questi sono i vostri mezzi e poi stiamo apposto, secondo me non è molto corretta come strategia! Ora chi è che fa sotterfugi? Chi è che fa l’onesto? Chi è che è scorretto?

Magari ci è venuta la coda di paglia nel leggere sulla pagina FALSA di Bendinelli che avete creato su Facebook (vedere qui Molto corretto!!!) nel leggere quello che Tiago scrisse:

CIT.

“Lo scopo di un argomento non dovrebbe essere
la vittoria, ma il progresso. E questo profilo non sa cosè il
progresso.

Il progresso è la strada della verità.”

Magari vi ha ferito nei sentimenti…Saluti.



Link all'articolo originale: http://feedproxy.google.com/~r/Vivigardacomlagodigarda/~3/NnHxmKHLYcQ/jappo-un-uomo-una-realt%C3%A0.html

Lascia un commento