YouCatt, miglior webtv universitaria italiana 2011

Devo ammettere che è un vero piacere vedere una propria piccola co-creazione sbaragliare tutte le più grandi e blasonate università italiane (che sono e restano per me dei modelli), con le enormi risorse e società che hanno alle spalle; mi sono sentito un po’ un Davide contro vari Golia, è stato un bel colpo e una piacevole sorpresa.

1 dicembre 2011, sono a Bologna nel suggestivo auditorium Enzo Biagi in Piazza del Nettuno per la premiazione dei Teletopi 2011, l’oscar italiano delle webtv; siamo alla categoria webtv universitarie  … rullo di tamburi … and the winner is: youcatt.it!
La motivazione: «Per aver saputo veicolare cultura e formazione, uscendo anche fuori dal contesto universitario e utilizzando uno stile giovane e non convenzionale».

Il buffo nome Teletopi intende parafrasare la più nota competizione dei Telegatti, avendo però come riferimento l’animale simbolo della navigazione, il mouse.

YouCatt è la webtv della sede di Brescia dell’Università Cattolica, quindi tutto sommato una realtà molto piccola. Coscienti quindi che non potevamo competere sul piano della tecnica e delle risorse, noi ci siamo giocati il tutto e per tutto non solo con la tecnologia “easy” e “very very low cost”, ma soprattutto con la creatività e la freschezza ed è andata bene direi.

Noi in particolare abbiamo portato la nostra rubrica settimanale di libri “libri in pillole” e nello specifico questa puntata dedicata al giardinaggio:

La giuria era presieduta da Carmen Lasorella (Direttore Generale San Marino RTV, ex Rai) ed era composta da persone autorevoli come Luca De Biase (Nòva24-Sole24Ore), Marco Pratellesi (Conde Nast), Mirella Poggialini (Avvenire), Francesco Specchia (Libero), Piero Gaffuri (Rai Nuovi Media), Alessandra Comazzi (La Stampa), Carlo Infante (l’Unità), Riccardo Bonacina (Vita), Mariano Sabatini (Metro), Antonio Sofi (Rai3).

A dire il vero ho giocato un po’ d’astuzia facendo tesoro di alcune dichiarazioni che avevo sentito in passato in cui invitavano le webtv a non seguire i modelli e i format della tv generalista, ma ad idearne di nuovi, più immediati, freschi e disisntermediati, da qui la scelta del video con cui presentarci.

Stupefacente l’eco che ha avuto la notizia a livello locale e nazionale, con l’interessamento anche di grandi media nazionali e internazionali come youtube, alle produzioni delle webtv vincenti, tra cui anche la nostra. Anche i giornali locali ci hanno dato notevole visibilità …

Di tutta la giornata devo però dire che sono due i momenti che mi hanno particolarmente colpito e che sono merito del di piccole webtv:

  • Rita Levi Montalcini a colloquio con otto giovani ricercatrici sul prato di una università israeliana: splendida rigorosa semplicità e limpidezza …

     
  • SardiniaFarm, la storia di un pastore sardo e della sua famiglia di Gergei, nell’entroterra cagliaritano, che attraverso la stanno combattendo la crisi vendendo direttamente i propri prodotti online, dialogando con il mondo attraverso il web, anche in modo originale, pubblicando dei video online, inventandosi l’adozione di pecore a distanza con una quota annuale, ricevendo poi in cambio buonissime e genuine forme di pecorino, manufatti in lana, ecc., guardare questo servizio per credere: stupefacente ciò che può fare la rete con un uso creativo e sfruttando il suo potere di disintermediazione!

Link all'articolo originale: http://garda2o.wordpress.com/2011/12/12/youcatt-miglior-webtv-universitaria-italiana-2011/

Lascia un commento