You ain’t seen nothing yet

Stamattina, facendo prove di collegamento video tra il mio mac e l'iPad, ho riguardato il filmato di Zander su Ted in cui dice: ci sono quelli che dicono che la musica classica sta scomparendo e quelli che dicono cheancora non avete visto nulla: "You ain't seen nothing yet!"

Quello che avete visto non è ancora nulla rispetto a quello che ancora accadrà, lo dicevo ieri a cena con Alberto e Massimo quando parlavamo dei nostri sogni con Onde e della rivoluzione di YouTube e di Facebook.

Oggi, su suggerimento di Flavia, ho scaricato un nuovo browser, RockMelt, e non so se sarà davvero fantastico o no (Flavia di solito ha fiuto) ma mi stupisce vedere una startup da trenta persone che si lancia per realizzare…. un nuovo browser: ma come non ci sono già Explorer e Safari e Firefox e Opera e Chrome? Con giganti alle spalle come Microsoft e Google e Apple e…

Eppure è proprio qui il messaggio: you ain't seen nothing yet.

E' stupefacente quanto spazio ci sia ancora per inventare nuovi modi di usare la rete di cambiare le interfacce, di proporre nuovi servizi e solo chi ha vista corta crede che ormai si sia scoperto tutto ciò che c'era da scoprire.

"L'uomo non è predestinato a raggiungere queste velocità" dicevano gli scettici che guardavano le prime sferraglianti automobili sfrecciare a venti kilometri all'ora, "Se l'uomo potesse volare il buon Dio gli avrebbe fatto le ali" dicevano quelli che non credevano nei tentativi dei fratelli Wright e ora sorridiamo di tanta stupida cecità verso l'innovazione.

Ancora non abbiamo visto nulla di cosa potremo fare grazie allo sviluppo della rete e soprattutto di come noi potremo imparare, conoscere, scambiare, dialogare, capire, migliorare ciò che ci circonda.

Eh ma da noi… è un problema culturale… è una questione organizzativa… non ci sono le risorse… noi con Berlusconi… figuriamoci… si ma la Silicon Valley…. certo ma i Cinesi e gli Indiani sono un'altra cosa… e mentre i timorosi del futuro continuano a vedere l'impossibilità c'è chi vede l'opportunià anche nelle bidonvilles di Nairobi.

You ain't seen nothing yet.

Link all'articolo originale: http://blog.gigitaly.it/2011/01/you-aint-seen-nothing-yet.html

Lascia un commento