Ultraleggero precipitato, resta grave il pilota 79enne

Il decollo per il volo di prova dall’aviosuperficie intitolata ad Angelo Scaroni, asso dell’aviazione nella Seconda guerra mondiale. Poi l’ultraleggero che perde quota e in breve finisce nel cortile di una casa poco distante.

Restano gravi le condizioni del pilota – la cui abilità ha scongiurato il peggio -, il 79enne Franco Pasini, che attorno alle 17.30 di ieri era ai comandi del piccolo velivolo nella zona industriale dietro al Conad di Bedizzole, in via Ticino. L’ultraleggero si è schiantato a terra a ridosso dell’orto di un’abitazione, tamponando di fatto una Fiat Panda che vi era parcheggiata, prima di arrestarsi a ridosso di un muro.

Fortunatamente l’anziano, trasportato in elicottero al Civile con una serie di fratture e ora ricoverato in prognosi riservata nel reparto di Prima rianimazione, non verserebbe in pericolo di vita. Quanto alla sua passeggera, una 47enne amica di famiglia, è stata accompagnata alla Poliambulanza, con escoriazioni e contusioni.

 

Tutti i dettagli sull’edizione del GdB in edicola oggi, scaricabile in formato digitale

Link all'articolo originale: https://www.giornaledibrescia.it/garda/ultraleggero-precipitato-resta-grave-il-pilota-79enne-1.3306230

Lascia un commento