Tristezza

Ascolto buona musica per scacciare la tristezza che ho nel pensare alle ragazze uccise a Brindisi.

Provo a circondarmi di armonia e dolcezza per allentare il groppo in gola.

Portammo fiori dai giardini di Desenzano, chiedendoli casa per casa,
quando scoppiò la bomba di Piazza della Loggia,
il dolore e la rabbia allora ebbe la determinazione di un petalo che si oppone ai colpi della grandine.

Per darmi coraggio penso ai ragazzi che  ogni giorno vengono a suonare e cantare
e mi dico che questa è la via: coltivare fiori, aiutare a renderli forti di bellezza.

Camminammo in silenzio allora con la nostra tinozza ricolma
la gente capiva e regalava lacrime perchè le ripulissimo con il profumo della nostra giovinezza.

Questa sera alla Festa di San Zeno i ragazzi suoneranno per altri ragazzi:
asciugheranno lacrime con il vento del suono.

E sarà come allora.

Non cercheremo i colpevoli, già sappiamo chi sono,
cercheremo il coraggio di far sentire la nostra voce,
la forza di cantare il nostro dolore.

Troveremo la certezza che non è inutile guardare all'alba
quando la notte sembra non finire.

Non serve vedere il fiore per sapere che esiste: ti basta sentirne il profumo.
Non serve vedere il futuro per saperlo migliore quando ascolti i ragazzi suonare.

Link all'articolo originale: http://blog.gigitaly.it/2012/05/tristezza.html

Lascia un commento