Torna a Sirmione la Coppa Franco Mazzotti

La Coppa Franco Mazzotti, per la sua decima edizione, è pronta a tornare nella penisola di Sirmione con una carovana di oltre 170 auto. La celebre gara di regolarità, la terza per importanza, per numero di iscritti in Italia, appassiona da tempo professionisti e amatori e trascinerà pubblico e partecipanti in una intensa due giorni dedicata alla vera passione per le .

Il viaggiante giungerà in Piazzale Porto alle 17:15 di sabato 20 ottobre, dopo aver attraversato la Franciacorta, visitato la splendida Villa Mazzotti, essere transitato, tra gli altri, da Gussago, Collebeato, Vallio e Gavardo e aver raggiunto il Lago di Garda passando per Desenzano e Pozzolengo. Non sono previste prove cronometrate in penisola, pertanto la non subirà modifiche.

“Anche per il 2018 abbiamo scelto di far tappa nella perla del Garda” racconta Paolo Mazzetti, Consigliere Delegato Club e organizzatore “memori della splendida accoglienza che l’Amministrazione Comunale ci ha riservato lo scorso anno. A Sirmione gli equipaggi ceneranno e pernotteranno. Per questa decima edizione abbiamo pensato ad una particolare cena per i nostri 400 ospiti, che avranno la possibilità di godere delle bellezze Lago di Garda da un diverso punto di vista; una cena in crociera su piroscafo fluttuando tra le acque del Benaco”.

Alle 8:30 di domenica 21 ottobre è prevista la ripartenza alla volta di Parco Sigurtà, per poi proseguire verso Volta Mantovana e giungere alla sede dell’Aerobase Militare di Ghedi, dove avranno luogo le ultime prove cronometro e le premiazioni di questa edizione.

L’appuntamento con il “museo viaggiante” della Coppa Franco Mazzotti è per sabato 20 ore 17.15, per ammirare le moltissime vetture anteguerra iscritte a questa edizione. Tutti i cittadini potranno godere di questo splendido spettacolo, mentre Sirmione farà da scenario, ancora una volta, ad una delle carovane di auto storiche più celebri d’Italia.

 

Link all'articolo originale: http://www.gardanotizie.it/torna-a-sirmione-la-coppa-franco-mazzotti/

Lascia un commento