Tag: scuola

Voglio una Scuola così!

Grazie a Serena ho scoperto questo bel progetto, ”Il cinema a scuola“, e in particolare questo emozionante videoclip su Ora di Jovanotti, realizzato con gli studenti dell’ISS “Algeri Marino” di Casoli dal regista Walter Nanni, mettendo in pratica le tecniche e i trucchi insegnati nel suo corso di cinema, usando facebook come metafora. Che bello quando la […]

Se vuoi leggere l’articolo originale, copia questo link:
http://garda2o.wordpress.com/2013/01/23/voglio-una-scuola-cosi/

TERZA ELEMENTARE

Ore 7.55. Panico pre-scuola! Pianto disperato del mio bambino di 8 anni con “aggrappaggio” alla ringhiera delle scale per poter rimanere a casa da scuola!
Chiaramente qualcosa non quadrava  perché non  si trattava di un suo comportamento usuale  e quindi, come mamma apprensiva, ho pensato alle situazioni più brutte che possa aver subito a scuola. Il primo pensiero è stato il bullismo, anche perché se ne parla in modo particolare ultimamente. 
Alla fine lo sfogo: non si sentiva pronto per l’interrogazione di religione!
MA RASENTIAMO LA PAZZIA???!!!!!!
Tutti i giorni materie da studiare con annesse verifiche e interrogazioni. Week-end consumati tra libri di scuola. Tanti compiti da svolgere durante la settimana.
E’ vero che la terza elementare è un anno difficile, di cambiamento, di crescita ed è anche vero che siamo alla fine del primo quadrimestre ma generare questo panico mi sembra eccessivo. 
Mi chiedo se e quali siano le mie colpe. Eppure non credo di essere esageratamente esigente. Cerco di fargli capire che la scuola è impegno e serietà ma anche  occasione speciale per imparare tutto ciò che ci circonda.  Mi piace studiare con il mio bambino anche se non nascondo che in certi momenti non sia semplice soprattutto alla domenica quando la voglia manca ad entrambi. Lui sa però che io ci sono sempre e comunque e per me è la gratificazione più grande!

Se vuoi leggere l’articolo originale, copia questo link:
http://adh-laura.blogspot.com/2013/01/terza-elementare.html

TERZA ELEMENTARE

Ore 7.55. Panico pre-scuola! Pianto disperato del mio bambino di 8 anni con “aggrappaggio” alla ringhiera delle scale per poter rimanere a casa da scuola!
Chiaramente qualcosa non quadrava  perché non  si trattava di un suo comportamento usuale  e quindi, come mamma apprensiva, ho pensato alle situazioni più brutte che possa aver subito a scuola. Il primo pensiero è stato il bullismo, anche perché se ne parla in modo particolare ultimamente. 
Alla fine lo sfogo: non si sentiva pronto per l’interrogazione di religione!
MA RASENTIAMO LA PAZZIA???!!!!!!
Tutti i giorni materie da studiare con annesse verifiche e interrogazioni. Week-end consumati tra libri di scuola. Tanti compiti da svolgere durante la settimana.
E’ vero che la terza elementare è un anno difficile, di cambiamento, di crescita ed è anche vero che siamo alla fine del primo quadrimestre ma generare questo panico mi sembra eccessivo. 
Mi chiedo se e quali siano le mie colpe. Eppure non credo di essere esageratamente esigente. Cerco di fargli capire che la scuola è impegno e serietà ma anche  occasione speciale per imparare tutto ciò che ci circonda.  Mi piace studiare con il mio bambino anche se non nascondo che in certi momenti non sia semplice soprattutto alla domenica quando la voglia manca ad entrambi. Lui sa però che io ci sono sempre e comunque e per me è la gratificazione più grande!

Se vuoi leggere l’articolo originale, copia questo link:
http://adh-laura.blogspot.com/2013/01/terza-elementare.html

ROSA LESO: scuola ed istituti comprensivi, come siamo messi a Desenzano …

Rosa Leso, candidata del Partito Democratico alle elezioni amministrative 2012 di Desenzano del Garda, interviene al convegno organizzato dal PD Desenzano per discutere di SCUOLA ed ISTITUTI COMPRENSIVI: “ritorniamo a pensare, ad elaborare, perché fare una buona scuola è presupposto per fare una buona comunità.”

Se vuoi leggere l’articolo originale, copia questo link:
http://andreavolpi.blogspot.com/2012/02/rosa-leso-scuola-ed-istituti.html

Desenzano a macchie

Il prossimo sindaco dovrà (non perché sia più urgente del solito, ma perché sempre va fatto così) definire Desenzano a zone, così da dare una direzione chiara di sviluppo che possa accontentare tutti i 25.000 abitanti e le varie migliaia di turis…

Se vuoi leggere l’articolo originale, copia questo link:
http://feedproxy.google.com/~r/blogspot/SCne/~3/DrtqJ_eGWTs/desenzano-macchie.html

DESENZANO: iniziativa sulla scuola VENERDI’ 21

Link all’articolo originale: http://andreavolpi.blogspot.com/2011/10/desenzano-iniziativa-sulla-scuola.html ———————Tag: Sirmione———————

Se vuoi leggere l’articolo originale, copia questo link:
http://andreavolpi.blogspot.com/2011/10/desenzano-iniziativa-sulla-scuola.html

Imparare divertendosi

Penso che le scuole elementari dovrebbero diminuire le ore passate in classe incrementando le ore di insegnamento pratico.
Ad esempio sarebbe facile insegnare scienze facendo degli esperimenti ludici adatti ai bambini.
Oltre a questo un importante strumento sono i software didattici. Se ne trovano numerosi, anche gratuiti: ad esempio Edubuntu è addirittura un intero sistema operativo dedicato alla scuola.
Esistono sicuramente programmi, spesso sotto forma di videogioco, adatti a tutte le materie. In questo modo i bambini oltre ad imparare prenderebbero familiarità col computer (non è vero che tutti lo sanno già usare da soli), e allenerebbero anche i riflessi.
Gli alunni dovrebbero essere incoraggiati a “giocarci” anche a casa.
Mi ricordo che quando ero alle elementari, e i computer erano poco diffusi, qualche volta la maestra di matematica ci faceva giocare a un videogioco matematico. Spero che il mio non sia un caso isolato.
Ovviamente si trovano software didattici per tutte le età, e la cosa potrebbe essere fatta dalla prima elementare alla quinta superiore.
Non c’è dubbio che questo aiuti a capire, o capire meglio certe cose.

Anche all’università può essere utile: ad esempio io studio ingegneria, e ho trovato questo programmino che mostra graficamente i vari passaggi per calcolare la convoluzione tra 2 segnali:
http://www.jhu.edu/~signals/convolve/index.html

Se vuoi leggere l’articolo originale, copia questo link:
http://filisetti.blogspot.com/2010/12/imparare-divertendosi.html

Imparare divertendosi

Penso che le scuole elementari dovrebbero diminuire le ore passate in classe incrementando le ore di insegnamento pratico.
Ad esempio sarebbe facile insegnare scienze facendo degli esperimenti ludici adatti ai bambini.
Oltre a questo un importante strumento sono i software didattici. Se ne trovano numerosi, anche gratuiti: ad esempio Edubuntu è addirittura un intero sistema operativo dedicato alla scuola.
Esistono sicuramente programmi, spesso sotto forma di videogioco, adatti a tutte le materie. In questo modo i bambini oltre ad imparare prenderebbero familiarità col computer (non è vero che tutti lo sanno già usare da soli), e allenerebbero anche i riflessi.
Gli alunni dovrebbero essere incoraggiati a “giocarci” anche a casa.
Mi ricordo che quando ero alle elementari, e i computer erano poco diffusi, qualche volta la maestra di matematica ci faceva giocare a un videogioco matematico. Spero che il mio non sia un caso isolato.
Ovviamente si trovano software didattici per tutte le età, e la cosa potrebbe essere fatta dalla prima elementare alla quinta superiore.
Non c’è dubbio che questo aiuti a capire, o capire meglio certe cose.

Anche all’università può essere utile: ad esempio io studio ingegneria, e ho trovato questo programmino che mostra graficamente i vari passaggi per calcolare la convoluzione tra 2 segnali:
http://www.jhu.edu/~signals/convolve/index.html

Se vuoi leggere l’articolo originale, copia questo link:
http://filisetti.blogspot.com/2010/12/imparare-divertendosi.html

Imparare divertendosi

Penso che le scuole elementari dovrebbero diminuire le ore passate in classe incrementando le ore di insegnamento pratico.
Ad esempio sarebbe facile insegnare scienze facendo degli esperimenti ludici adatti ai bambini.
Oltre a questo un importante strumento sono i software didattici. Se ne trovano numerosi, anche gratuiti: ad esempio Edubuntu è addirittura un intero sistema operativo dedicato alla scuola.
Esistono sicuramente programmi, spesso sotto forma di videogioco, adatti a tutte le materie. In questo modo i bambini oltre ad imparare prenderebbero familiarità col computer (non è vero che tutti lo sanno già usare da soli), e allenerebbero anche i riflessi.
Gli alunni dovrebbero essere incoraggiati a “giocarci” anche a casa.
Mi ricordo che quando ero alle elementari, e i computer erano poco diffusi, qualche volta la maestra di matematica ci faceva giocare a un videogioco matematico. Spero che il mio non sia un caso isolato.
Ovviamente si trovano software didattici per tutte le età, e la cosa potrebbe essere fatta dalla prima elementare alla quinta superiore.
Non c’è dubbio che questo aiuti a capire, o capire meglio certe cose.

Anche all’università può essere utile: ad esempio io studio ingegneria, e ho trovato questo programmino che mostra graficamente i vari passaggi per calcolare la convoluzione tra 2 segnali:
http://www.jhu.edu/~signals/convolve/index.html

Se vuoi leggere l’articolo originale, copia questo link:
http://filisetti.blogspot.com/2010/12/imparare-divertendosi.html

Imparare divertendosi

Penso che le scuole elementari dovrebbero diminuire le ore passate in classe incrementando le ore di insegnamento pratico.
Ad esempio sarebbe facile insegnare scienze facendo degli esperimenti ludici adatti ai bambini.
Oltre a questo un importante strumento sono i software didattici. Se ne trovano numerosi, anche gratuiti: ad esempio Edubuntu è addirittura un intero sistema operativo dedicato alla scuola.
Esistono sicuramente programmi, spesso sotto forma di videogioco, adatti a tutte le materie. In questo modo i bambini oltre ad imparare prenderebbero familiarità col computer (non è vero che tutti lo sanno già usare da soli), e allenerebbero anche i riflessi.
Gli alunni dovrebbero essere incoraggiati a “giocarci” anche a casa.
Mi ricordo che quando ero alle elementari, e i computer erano poco diffusi, qualche volta la maestra di matematica ci faceva giocare a un videogioco matematico. Spero che il mio non sia un caso isolato.
Ovviamente si trovano software didattici per tutte le età, e la cosa potrebbe essere fatta dalla prima elementare alla quinta superiore.
Non c’è dubbio che questo aiuti a capire, o capire meglio certe cose.

Anche all’università può essere utile: ad esempio io studio ingegneria, e ho trovato questo programmino che mostra graficamente i vari passaggi per calcolare la convoluzione tra 2 segnali:
http://www.jhu.edu/~signals/convolve/index.html

Se vuoi leggere l’articolo originale, copia questo link:
http://filisetti.blogspot.com/2010/12/imparare-divertendosi.html

Rimosso il cigno di Legambiente dalla scuola

Nostro malgrado dobbiamo tornare sulla paradossale vicenda che il 25 ottobre u.s. ha visto i Carabinieri intervenire per far rimuovere la bandierina di “LegaAmbiente” dal cancello delle scuole medie di Sirmione, dove alcuni studenti l’avevano …

Se vuoi leggere l’articolo originale, copia questo link:
http://andreavolpi.blogspot.com/2010/11/rimosso-il-cigno-di-legambiente-dalla.html

Il cigno verde e "il sole delle alpi"

Mentre ad Adro i simboli leghisti sono tollerati, a Sirmione i Carabinieri hanno rimosso, dopo soli 2 giorni, una bandiera di Legambiente che era stata collocata sul cancello della scuola primariaTrebeschi.L’associazione ambientalista, con l’aiuto del …

Se vuoi leggere l’articolo originale, copia questo link:
http://andreavolpi.blogspot.com/2010/10/il-cigno-verde-e-il-sole-delle-alpi.html

Napolitano su Adro. Era ora.

“Il capo dello Stato ha apprezzato il passo compiuto dal ministro dell’Istruzione Maria Stella Gelmini, invitando il sindaco di Adro a rimuovere quelle esibizioni”: cosi’ scrive il segretario generale della presidenza della Repubblica ai genitori di Ad…

Se vuoi leggere l’articolo originale, copia questo link:
http://andreavolpi.blogspot.com/2010/09/napolitano-su-adro-era-ora.html

Hai Paura Del Buio? 2010-09-16 22:55:00

boh sinceramente adesso vorrei essere del 1993 e credere di non avere ancora tutta la vita davanti.
fra 365 giorni vorrei essere pronto a quello che mi aspetta, avere ancora un anno per pensare
desideriamo tanto le cose e quando le otteniamo ci rendiamo conto che non siamo poi così preparati
che forse non le vogliamo poi così tanto.

Se vuoi leggere l’articolo originale, copia questo link:
http://giuseppev.blogspot.com/2010/09/boh-sinceramente-adesso-vorrei-essere.html

Hai Paura Del Buio? 2010-09-16 22:55:00

boh sinceramente adesso vorrei essere del 1993 e credere di non avere ancora tutta la vita davanti.
fra 365 giorni vorrei essere pronto a quello che mi aspetta, avere ancora un anno per pensare
desideriamo tanto le cose e quando le otteniamo ci rendiamo conto che non siamo poi così preparati
che forse non le vogliamo poi così tanto.

Se vuoi leggere l’articolo originale, copia questo link:
http://giuseppev.blogspot.com/2010/09/boh-sinceramente-adesso-vorrei-essere.html