Tag: ricami di parole

Musica in cucina, Cucina nella musica

2 gennaio 2014
Ero stata ingaggiata come volontaria dall’Associazione Mozart che gestisce la Scuola di Musica del Garda, come “cuoca” per il primo camp dell’orchestra giovanile a Eno 8 anni fa.

Da allora, con mansioni che nel tempo si sono modificate, dedico parte del mio tempo e delle mie competenze organizzative e di relazione, all’Associazione e ho trovato nella musica molte analogie con la cucina: tempo, ritmo, disciplina, gioia di condividere, ripetizione, stonature, fatica, entusiamo…

La composizione di un brano o la scelta del brano è esattamente come il preparare un proprio piatto oppure seguire la ricetta di qualcun altro. Il tempo delle prove è nella cucina l’andare a fare la spesa, il predisporre gli ingredienti. Il tempo dell’esecuzione di un brano è paragonabile al tempo del mangiare. Dopo aver suonato, c’è un tempo del sistemare gli strumenti, gli impianti esattamente come in cucina.

Se dovessi paragonare la mia cucina a dei generi musicali, inizierei con la musica italiana popolare e melodica che i miei genitori mi cantavano, per poi incontrare il soul/ blues, il funky, il progressive rock…. il tutto condito con il ballo perché la cucina è movimento in me e fuori di me,

Et voilá alcune composizioni:

Movimento lento: la polenta con la luganega, il minestrone, la pasta e fagioli, lo spiedo

Movimento d’amore: la torta di verdure, la torta delle rose sia dolce che salata

Movimento intimo: le zuppe coi fiori, la zucca al forno con pomodori e cipolle

Movimento con l’altro: il clam chowder, il cus cus

Movimento materno: il baccalà ripieno ai ferri (un inno ricevuto da mia nonna Argia), la frittata alta, il risotto

Movimento con moto: Brrrrr il semifreddo ai marron glacé di mia cognata Elena

Movimento danzante: Pane burro e acciughe con un bicchiere di lugana freddo!

Se vuoi leggere l’articolo originale, copia questo link:
http://marinabompieri.blogspot.com/2014/01/musica-in-cucina-cucina-nella-musica.html

Musica in cucina, Cucina nella musica

2 gennaio 2014
Ero stata ingaggiata come volontaria dall’Associazione Mozart che gestisce la Scuola di Musica del Garda, come “cuoca” per il primo camp dell’orchestra giovanile a Eno 8 anni fa.

Da allora, con mansioni che nel tempo si sono modificate, dedico parte del mio tempo e delle mie competenze organizzative e di relazione, all’Associazione e ho trovato nella musica molte analogie con la cucina: tempo, ritmo, disciplina, gioia di condividere, ripetizione, stonature, fatica, entusiamo…

La composizione di un brano o la scelta del brano è esattamente come il preparare un proprio piatto oppure seguire la ricetta di qualcun altro. Il tempo delle prove è nella cucina l’andare a fare la spesa, il predisporre gli ingredienti. Il tempo dell’esecuzione di un brano è paragonabile al tempo del mangiare. Dopo aver suonato, c’è un tempo del sistemare gli strumenti, gli impianti esattamente come in cucina.

Se dovessi paragonare la mia cucina a dei generi musicali, inizierei con la musica italiana popolare e melodica che i miei genitori mi cantavano, per poi incontrare il soul/ blues, il funky, il progressive rock…. il tutto condito con il ballo perché la cucina è movimento in me e fuori di me,

Et voilá alcune composizioni:

Movimento lento: la polenta con la luganega, il minestrone, la pasta e fagioli, lo spiedo

Movimento d’amore: la torta di verdure, la torta delle rose sia dolce che salata

Movimento intimo: le zuppe coi fiori, la zucca al forno con pomodori e cipolle

Movimento con l’altro: il clam chowder, il cus cus

Movimento materno: il baccalà ripieno ai ferri (un inno ricevuto da mia nonna Argia), la frittata alta, il risotto

Movimento con moto: Brrrrr il semifreddo ai marron glacé di mia cognata Elena

Movimento danzante: Pane burro e acciughe con un bicchiere di lugana freddo!

Se vuoi leggere l’articolo originale, copia questo link:
http://marinabompieri.blogspot.com/2014/01/musica-in-cucina-cucina-nella-musica.html

Parole che vanno, parole che vengono…

1 gennaio 2014


Mi è sempre piaciuto ascoltare. Sin da piccola chiedevo a mio papà, a mia mamma o a chiunque fosse nelle vicinanze: mi racconti la storia di quando eri piccolo/a, della guerra, dei nonni, di Desenzano… Le parole diventavano viaggi, film, emozioni, radici, senso di appartenenza, desideri.
L’aver vissuto sino ai due anni e successivamente frequentato assiduamente la casa paterna ha molto a che fare con la persona che sono. Ricordo soprattutto i pomeriggi d’estate passati nel cortile ombreggiato, dove la zia Mari, le donne del vicinato e le pro- zie Angelina da Lonato, Pierina da Brescia, Pasquina da Milano si e ci raccontavano, racconti discreti, misurati. Donne che avevano un tempo per il racconto, dove noi nipoti avevamo il privilegio di stare nel mondo degli adulti. Mi piace pensare di aver ereditato da loro la capacità della raccontastorie, dove le parole messe in fila danno il LA a ….C’era una volta, che diventa un C’è adesso, che diventa un Ci sarà…

Se vuoi leggere l’articolo originale, copia questo link:
http://marinabompieri.blogspot.com/2014/01/parole-che-vanno-parole-che-vengono.html

Parole che vanno, parole che vengono…

1 gennaio 2014


Mi è sempre piaciuto ascoltare. Sin da piccola chiedevo a mio papà, a mia mamma o a chiunque fosse nelle vicinanze: mi racconti la storia di quando eri piccolo/a, della guerra, dei nonni, di Desenzano… Le parole diventavano viaggi, film, emozioni, radici, senso di appartenenza, desideri.
L’aver vissuto sino ai due anni e successivamente frequentato assiduamente la casa paterna ha molto a che fare con la persona che sono. Ricordo soprattutto i pomeriggi d’estate passati nel cortile ombreggiato, dove la zia Mari, le donne del vicinato e le pro- zie Angelina da Lonato, Pierina da Brescia, Pasquina da Milano si e ci raccontavano, racconti discreti, misurati. Donne che avevano un tempo per il racconto, dove noi nipoti avevamo il privilegio di stare nel mondo degli adulti. Mi piace pensare di aver ereditato da loro la capacità della raccontastorie, dove le parole messe in fila danno il LA a ….C’era una volta, che diventa un C’è adesso, che diventa un Ci sarà…

Se vuoi leggere l’articolo originale, copia questo link:
http://marinabompieri.blogspot.com/2014/01/parole-che-vanno-parole-che-vengono.html

Lo stupore dei risvegli

Spesso mi capita di svegliarmi con delle frasi già pronte che vogliono uscire dalle mie labbra come fili. Questa mattina per esempio: “la creatività è il mio lusso”. Mi sono detta bella, vera! E meraviglia ho iniziato a ricamarci su e mi sono fatta compagnia.

Se vuoi leggere l’articolo originale, copia questo link:
http://marinabompieri.blogspot.com/2010/01/lo-stupore-dei-risvegli.html

Lo stupore dei risvegli

Spesso mi capita di svegliarmi con delle frasi già pronte che vogliono uscire dalle mie labbra come fili. Questa mattina per esempio: “la creatività è il mio lusso”. Mi sono detta bella, vera! E meraviglia ho iniziato a ricamarci su e mi sono fatta compagnia.

Se vuoi leggere l’articolo originale, copia questo link:
http://marinabompieri.blogspot.com/2010/01/lo-stupore-dei-risvegli.html

Lo stupore dei risvegli

Spesso mi capita di svegliarmi con delle frasi già pronte che vogliono uscire dalle mie labbra come fili. Questa mattina per esempio: “la creatività è il mio lusso”. Mi sono detta bella, vera! E meraviglia ho iniziato a ricamarci su e mi sono fat…

Se vuoi leggere l’articolo originale, copia questo link:
http://marinabompieri.blogspot.com/2010/01/lo-stupore-dei-risvegli.html