Tag: marketing

cardio marketing per conquistare i clienti: un libro ricco di suggerimenti

Lo ha scritto Patrizia Menchiari che conosco ormai da qualche anno e stimo moltissimo sia come amica che come professionista. Patrizia si occupa di marketing, lo insegna e ne diffonde “il verbo” positivo e di lei mi ha sempre colpito la trasparenza, la cura, la passione e la capacità di guardare oltre al cliente, vedendo […]

Se vuoi leggere l’articolo originale, copia questo link:
http://www.giornaledelgarda.info/cardio-marketing-per-conquistare-i-clienti-un-libro-ricco-di-suggerimenti/

Salute? Stiamo Benissimo. Grazie!

Ricordo che ad uno dei tanti corsi motivazionali a cui ho partecipato, ci avevano fatto notare quanto sia poco utile e per nulla produttivo parlare della propria salute con i nostri interlocutori …. tranne che per sottolineare come sia buona.
Questo perchè di sicuro non porta alcun beneficio alla salute, ma allo stesso tempo crea imbarazzo a chi ci sta davanti e potrebbe addirittura demotivarlo.

Credo che in questo momento dobbiamo fare lo stesso per quanto riguarda la salute della nostra economia. Anche l’altra sera all’evento a cui ho partecipato il direttore generale ha sottolineato due o tre volte la situazione di crisi.
Tanto ormai ne siamo tutti consapevoli … non è il caso di sottolinearlo di continuo. Per non parlare del fatto che qualcuno potrebbe approfittarsi di questa situazione per chiedere sacrifici agli altri per arricchirsi personalmente…. ma questa è un’altra storia.

Se vuoi leggere l’articolo originale, copia questo link:
http://feedproxy.google.com/~r/CorsaEdAltro/~3/l97WQxyafYI/salute-stiamo-benissimo-grazie.html

SRAM pART PROJECT

Mi piace l’iniziativa della SRAM di fare un concorso dove i componenti di una biciclietta diventano parte di un oggetto d’arte… con tanto concorso e gala finale con premiazioni.Messaggio: cerchiamo talenti che utilizzino i nostri componenti di orolog…

Se vuoi leggere l’articolo originale, copia questo link:
http://feedproxy.google.com/~r/CorsaEdAltro/~3/XTlOS4JbLlE/sram-part-project.html

Salve! sono CRISS e vorrei parlarle di AIDA

Vi ricordate del Salvismo Vespiano? No?!? Allora vuol dire che il saluto  ”Salve!” non vi da molto fastidio oppure (peggio) che siete fra quanti lo usano abitualmente. Io non lo sopporto.. lo trovo stonato, poco professionale, molto da saloon… mi urta i nervi!! Sono un po’ fissato,  lo ammetto! Se vogliamo ottenere un risultato (qualsiasi) […]

Se vuoi leggere l’articolo originale, copia questo link:
http://feedproxy.google.com/~r/PensieriSuRuote/~3/ukL3WuPnJME/

da ING a TE (è sempre market ma è più etico)

Basta poco.. sono solo 3 lettere ma fanno davvero la differenza.
Da oggi questo blog avrà una nuova categoria dove parlerò di marketing ‘indotto’ o ’sollecitato’.
Sarà il contenitore di tutti quei post che vengono in qualsiasi modo ‘richiesti’ da terze parti, dove tratterò gli argomenti più svariati (possibilmente in ‘linea’ con i contenuti generali di questo […]

Se vuoi leggere l’articolo originale, copia questo link:
http://feedproxy.google.com/~r/PensieriSuRuote/~3/-IFtS3AoNW8/

MarketingTube TV

Link all’articolo originale: http://blog.gigitaly.it/2009/05/marketingtube-tv.html ———————Tag: Desenzano———————

Se vuoi leggere l’articolo originale, copia questo link:
http://blog.gigitaly.it/2009/05/marketingtube-tv.html

ho preso un pesce grande così

Share and Enjoy:

Se vuoi leggere l’articolo originale, copia questo link:
http://feedproxy.google.com/~r/PensieriSuRuote/~3/2NMIjcUvMvM/

Premio Fiducia nell’e-commerce

Il Premio Fiducia nell’e-commerce vuole dare visibilità a quelle aziende che lavorando correttamente sono riuscite ad individuare metodi innovativi per abbattere le barriere della diffidenza e ad avvicinare il consumatore all’acquisto on-line.
Infatti, oltre qualche recente studio della comunità europea e l’importante impianto normativo (però spesso incomprensibile) che tutela il consumatore, molta parte dello sviluppo del commercio […]

Se vuoi leggere l’articolo originale, copia questo link:
http://feedproxy.google.com/~r/PensieriSuRuote/~3/ztnVdvo3ui4/

La guida perfetta a google adsense

Simone Carletti, collaboratore di html.it ha creato la guida gratuita perfetta per iniziare con google adsense.

La guida è disponibile e visionabile all’indirizzo

http://webmarketing.html.it/guide/leggi/142/guida-google-adsense/

Se vuoi leggere l’articolo originale, copia questo link:
http://carlonicolini.altervista.org/index.php/Informatica-e-Web/Varie/la-guida-perfetta-a-google-adsense.html

vatti a fidare del parere dei bloggers

Paul The Wine Guy, blogger che ancora non conoscevo, ha avuto una bella pensata: scoprire i mercenari della rete.
Ha pescato in rete 10 nomi di bloggers tendenzialmente puri&crudi – (8 uomini, 2 donne)  e chiesto loro “Quanto vuoi per scrivere un articolo sul succo di frutta?”
Il risultato è a dir poco ‘interessante’: tutti i blogger (eccetto Gianluca che invece […]

Se vuoi leggere l’articolo originale, copia questo link:
http://feedproxy.google.com/~r/PensieriSuRuote/~3/lIG-DB-JDgM/

microsoft tag: questione di timing

Shotcode non ha mai preso piede mentre Microsot Tag parte adesso. 
Roberto mi dice che il successo è solo una questione di ‘timing’…. 
Mha vedremo, per ora rispolvero il mio shotcode e lo metto vicino al nuovo Microsoft Tag:

   

Se vuoi leggere l’articolo originale, copia questo link:
http://feedproxy.google.com/~r/PensieriSuRuote/~3/iSy1IJ3bajI/

Marketing

Link all’articolo originale: http://blog.gigitaly.it/2008/12/marketing.html ———————Tag: Desenzano———————

Se vuoi leggere l’articolo originale, copia questo link:
http://blog.gigitaly.it/2008/12/marketing.html

Gongolandomicisivici

Questa settimana:
– Gianluca mi chiede consigli di fotografia;
– Biccio mi lusinga con parole di lode;
– Blogosfere mi cita e mi pubblica una foto.
– La mia piccola creatura, il twitterer©, va sulla Rai (con Semerssuaq* come babysitter).
Qua va a finire che mi monto la testa.
Prometto di restare la persona umile di sempre, e se nudo deve […]

Se vuoi leggere l’articolo originale, copia questo link:
http://www.lapaoly.net/2008/gongolo/

era meglio morire da giovani, lasciando un bel cadavere

Fan di Vasco, lasciate perdere. Suoi detrattori, seguite i fan e passate oltre.

Io da piccolo ricordo che mio padre ascoltava tre cantanti: Zucchero, Battisti e Vasco Rossi. Diavolo, mi sembrava dannatamente figo solo quest’ultimo, un po’ per quel modo di fare da americano, un po’ per canzoni che spaccavano davvero, e spesso irridevano l’italian way of sing. Attenzione, parlo da nato a metà degli ’80, quindi da uno che i ’90 non solo li ha vissuti: ci è cresciuto.

Gli anni ’90, un decennio irrimediabilmente sputtanatosi in ogni sua potenzialità: muoiono Dc e Psi ma nasce Forza Italia, si afferma Internet come strumento di comunicazione di massa ma non ne esce poi granchè (la televisione sta ancora là e nessuno la scalfisce, anzi, in un certo senso fà scuola), compare la New economy e tutti sono pronti ad arricchirsi ma si scopre che è una bufala. E via dicendo per una lunga, lunga lista (un giorno qualcuno dovrà preoccuparsi di stilarla).In mezzo a tutto questo, la musica, in mezzo alla musica lui, il Blasco.

Rossi Vasco nato il 7 febbraio 1952 ha, se leggete la sua voce wiki, vissuto la vita dell’artista si può dire fin da quando era un ragazzino. Non vi annoierò raccontandovela, ma leggerla riserva alcune sorprese: sapevate che era iscritto all’università a Bologna nel ’68? (probabilmente si, se avete sentito “Stupendo“) che ha aderito al gruppo “ilManifesto“? (a proposito, chissà cosa pensa della situazione in cui si trova il giornale) e che ha fondato una delle tante radio libere? (Punto Radio). Tutte cose che non sapevo, ma che non mi hanno stupito; in fondo, per me Vasco è uno che canta ridendo del mondo, gridando al Re che è nudo in uno stile grezzo ed efficace, semplice in quel senso positivo che rispecchia il Bar, la saggezza popolare ancora non coniugata in semplicismo. Il Vasco che conosco io ha alternato sì principalmente canzoni-icona di una maniera di interpretare la vita (Gli Spari Sopra, Siamo solo noi, C’è chi dice No…) e canzoni d’amore o di sentimento (Sally, Albachiara, Senza Parole…) ma il suo pezzo forte sono sempre state le canzoni irridenti. Il Vasco che ho amato davvero cantava Fegato Fegato Spappolato, Coca Cola, Colpa d’Alfredo, il Vasco che ho amato davvero beveva un cicchetto, saliva sul palco e prendeva per il culo il mondo. Se ci fate caso, è questo Vasco a essere davvero scomparso dalle scene; si certo, fa ancora quei pezzi ai concerti, ma più come biglietto da visita o cadeau per le vecchie generazioni. E quella vena irridente non si limitava a quest’ultimo tipo di canzoni ma sconfinava in tutta la sua opera e nel suo personaggio, che in qualche modo, pur cercando continuamente di diventare una rockstar americana, sapeva anche prendersi in giro, mantenere almeno un piede per terra. In fondo non voleva nemmeno diventarla, una rockstar, solo poter arrivare al Roxy Bar con un buon bagaglio di storie da raccontare.

Mi chiedo se uno dei tanti ragazzini che ascolta Vasco oggi, il Vasco che è uscito dagli anni ’90 coi connotati cambiati, sappia chi era Vasco appena quindici anni fa. Nel frattempo il Blasco ha deciso di prendersi più sul serio, di seguire i propri fan (o meglio, la parte di fan che non vedeva l’uomo accanto al personaggio) lungo la china che l’ha portato da un lato a diventare uno degli intoccabili per l’opinione pubblica italiana, dall’altro a perdere di vista quell’ironia che gli permetteva di mantenere un distacco tra sè e il suo personaggio. Un distacco che si vedeva sul palco e si sentiva nelle canzoni, e lo rendeva davvero unico. Ora, tutt’altro che unico, vende sempre lo stesso prodotto, infiocchettandolo al meglio e facendosi più giovane di quello che è, per poter rimanere nel personaggio. Ha rinunciato a salire sul palco ed è diventato marketing, e da lui mi aspettavo una vecchiaia diversa.

Se vuoi leggere l’articolo originale, copia questo link:
http://paguropagano.blogspot.com/2008/09/era-meglio-morire-da-giovani-lasciando.html

per favore non chiamateli ‘Negozi’

Secondo una loro ricerca, sarebbero 20.000 gli Italiani con un negozio on-line aperto su eBay.
E’ un dato interessantissimo sotto molti aspetti:
– significherebbe che eBay ha circa il 400% di negozi in più rispetto all’intera Italia ( dati ufficiali Camera Commercio Milano negozi on-line nel nel 2007) ;
– significherebbe che in eBay potrebbero esserci circa 17.000 […]

Se vuoi leggere l’articolo originale, copia questo link:
http://www.spedale.com/e-commerce/613-per-favore-non-chiamateli-negozi/