Tag: html

Il pane di ieri

Viaggio di ritorno dalla Sardegna più che sufficiente per leggere questo bel libro di Enzo Bianchi “Il pane di ieri”, una riflessione semplice e affettuosa sul rapporto tra vita di campagna e mondo dei valori, con una accentuata attenzione finale all’essere anziani e come sia un passaggio non meno bello…

Se vuoi leggere l’articolo originale, copia questo link:
http://blog.gigitaly.it/2009/06/il-pane-di-ieri.html

Il mambo degli orsi

Dopo la delusione dell’ultimo libro di Lansdale, come mi ero ripromesso, gli ho dato la prova d’appello con questo vecchio “Il mambo degli orsi” e direi che è decisamente più fresco e originale, come nota anche Dazieri nella presentazione. Bello sì ma siamo lontani dai grandi giallisti moderni europei, Camilleri,…

Se vuoi leggere l’articolo originale, copia questo link:
http://blog.gigitaly.it/2009/06/il-mambo-degli-orsi.html

LiveBlogging sulle novità Apple

Seguo su tre live-blog (Wired, Macrumors e Cnet )le novità che la Apple annuncia oggi: miglioramenti ma nulla di non visto. Potenziamento dei MacBookPro, nuova versione di Leopard a settembre (upgrade da 29$ o 49$ per i family pack). Dettagli sulla versione 3.0 del software per iPhone (anche questo si…

Se vuoi leggere l’articolo originale, copia questo link:
http://blog.gigitaly.it/2009/06/liveblogging-sulle-novit%C3%A0-apple.html

Un commento al concerto

E’ bello leggere il commento di chi era al concerto di ieri e questo di Elena è davvero lusinghiero.

Se vuoi leggere l’articolo originale, copia questo link:
http://blog.gigitaly.it/2009/06/un-commento-al-concerto.html

Quando i discorsi possono cambiare il corso degli eventi

Il discorso di Obama all’Università del Cairo sui rapporti tra l’America e il mondo islamico, mi sembra uno di quei discorsi che potrebbero cambiare il corso degli eventi. Questa una sintesi da Repubblica.

Se vuoi leggere l’articolo originale, copia questo link:
http://blog.gigitaly.it/2009/06/quando-i-discorsi-possono-cambiare-il-corso-degli-eventi.html

Il gossip su Berlusconi? Un produzione Mediaset!

Vorrei spendere solo due parole sulla questione che sembra catalizzare l’attenzione di tutti a livello politico, che poi di politico non ha niente. Ovvero, l’affaire del nostro premier con Noemi Letizia.

Come giustamente afferma questo articolo, ma se ne sono accorti in tanti, è che «l’appassionante soap opera (?) sta tuttavia “aiutando” il premier a distogliere l’attenzione dell’opinione pubblica su temi ben piu scottanti».

Io non so chi aiuta effettivamente, ma sta di fatto che i giornali non parlano di altro. E Berlusconi se ne lamenta pure. Il problema è che lui non può lamentarsi dell’attenzione rivolta dalla gente a queste sciocchezze irrilevanti sul piano politico, per il semplice fatto che è lui ad aver educato il suo pubblico a questo. Non è forse su Mediaset che va in onda Beautiful? Non è forse sempre sulle sue reti che si mostra quello che succede nella casa del Grande Fratello? E ancora è su Rete4 che si mostra nel suo splendore Emilio Fede (che non fa direttamente gossip, ma certamente non educa all’osservazione critica ed analitica dei fatti)!

Io sono contrario a questo gossip. Ma che lo sia il “nostro Silvio” è veramente ipocrita. Una produzione Mediaset.

Se vuoi leggere l’articolo originale, copia questo link:
http://feedproxy.google.com/~r/blogspot/SCne/~3/DE61iXvgDsc/il-gossip-su-berlusconi-un-produzione.html

I soliti giornali comunisti

Uno scandalo che non riguarda più solo gli italiani, ma anche i paesi partner dell’Italia, nell’Unione Europea, nella Nato, nel G8 che l’Italia si prepara ad ospitare. E’ questo il severo giudizio di un editoriale del Times di Londra sulla vicenda che ruota da settimane attorno a Silvio Berlusconi, al…

Se vuoi leggere l’articolo originale, copia questo link:
http://blog.gigitaly.it/2009/06/i-soliti-giornali-comunisti.html

Nikon D90

Nuovo acquisto.

 

Subito in mano da una sensazione di compattezza, il telaio non è in magnesio ma la costruzione è ineccepibile. I tasti sono tutti robusti ed il monitor LCD luminosissimo e con una risoluzione di 920.000 pixel è protetto da uno speciale schermo di plastica.

Il sensore da 12 MP e passa è lo stesso della D300, quindi una qualità altissima, migliore anche rispetto alla concorrente Canon 40D. 

Devo dire che il D-Lightning ha il suo motivo d’esserci ed aiuta parecchio nelle situazioni con forti contrasti di luce.

Il menu è semplice ma molto completo, da la possibilità di mettere mano a qualsiasi parametro, addirittura controllare fino ad un gruppo di 3 flash esterni wireless oppure fare il bracketing di D-Lightning, una cosa davvero eccellente.

In dotazione con il 18-105 VR ed una scheda da SDHC Lexar da 4Gb il prezzo si aggira sui 1000 € ma devo dire che li vale tutti, considerato anche che la garanzia Nital è estendibile a 3 anni via internet senza nessuna spesa aggiuntiva!

 

Nikon D90 con il 18-200

 {jumi [adsense/adsense428.html]}

Se vuoi leggere l’articolo originale, copia questo link:
http://carlonicolini.altervista.org/index.php/Fotografia/Galleria/nikon-d90.html

Un articolo in inglese sui nostri spettacoli

Con la Enttec, la società che produce il software che usiamo nello spettacolo dell’orchestra avevo concordato di scrivere il nostro Case Study, ed eccolo qui sulla loro newsletter del mese di maggio.

Se vuoi leggere l’articolo originale, copia questo link:
http://blog.gigitaly.it/2009/06/un-articolo-in-inglese-sui-nostri-spettacoli.html

Sotto un cielo cremisi

Tanto mi era piaciuto Bad Chili (2005), tanto ho trovato scadente questo nuovo libro (2009) di Lansdale “Sotto un cielo cremisi”. Fiacca la storia, lento il procedere, il linguaggio inutilmente scurrile, mentre nel precedente aveva senso rispetto al ritmo del racconto. In viaggio domani leggerò Il mambo degli orsi, del…

Se vuoi leggere l’articolo originale, copia questo link:
http://blog.gigitaly.it/2009/05/sotto-un-cielo-cremisi.html

Festa della Scuola

Domani sera c’è una grande festa musicale a conclusione dell’ “anno accademico” della Scuola di Musica con due anteprime assolute : Il debutto dell’orchestra dei “Fuoriclasse” (i genitori e gli amici) e il gruppo vocale delle “Stonate” (con Marina e altre amiche) che poi si uniscono ai Fuoriclasse in un…

Se vuoi leggere l’articolo originale, copia questo link:
http://blog.gigitaly.it/2009/05/festa-della-scuola.html

La situazione delle associazioni alla LUB

Sono ormai passate tre settimane dalle elezioni per il nuovo direttivo dello S.C.U.B., l’associazione studentesca che raccoglie più iscritti tra quelle alla Libera Università di Bolzano. Il risultato è stato reso pubblico con questo ritardo a causa della perplessità lasciata ai membri del nuovo e vecchio direttivo dalla scarsa, se non assente, partecipazione degli altri membri dell’associazione alle elezioni.

Alberto Scaravilli, riconfermato presidente alla prima riunione del direttivo il 14 maggio, capitanerà i sei membri del nuovo team (precedentemente otto). Restano invariati due terzi del team. Si sono, infatti, ricandidati, oltre ad Alberto Scaravilli, anche Diana Sting, ex-vicepresidente, Felix Bausch, e Hannes Wisthaler. Nuovi entrati invece Marco Seravalli e Philip Klopfer. [Vedi il team aggiornato a questo link] In uscita Julian Börner, Fabian Dornoff, Rafaela Pittschieler e il sottoscritto, Daniel Colm.

La scarsa partecipazione degli studenti alla vita universitaria non è comunque una novità qui a Bolzano. Sono anni che sia sul lato attivo che passivo del voto si registra un flop dopo l’altro. Clamoroso esempio quello per la Commissione per le Pari Opportunità che ha riconfermato i vecchi membri data l’assenza di nuovi candidati.

Unica eccezione in controtendenza è la neonata AIESEC. Il comitato locale, infatti, offre ai suoi iscritti nonché membri dell’organo decisionale, visto che le parti coincidono, la possibilità di scambi all’estero, tirocini ed esperienze che più facilmente vendono prese in considerazione dai futuri datori di lavoro. Con questi incentivi forse non serve quello sprone alla gratuità indispensabile per l’impegno nelle altre associazioni, tanto snobbate sul CV.

Non vi è infatti alcun riconoscimento formale nei confronti degli studenti che si impegnano per la comunità, che giorno dopo giorno sacrificano enormi quantità di tempo messo a disposizione degli altri studenti, in un vero e proprio ministero di volontariato gratuito. Non solo l’impegno nell’organizzazione delle attività richiede tempo ed energie, che si spendono anche volentieri quando si vede la soddisfazione degli iscritti che partecipano numerosi, ma inevitabilmente il rendimento universitario ne risente.

Cosa sarebbe la LUB se non offrisse ai suoi studenti lo sport, il gruppo di dibattito, la Movienight, il coro, il giornalino studentesco, le feste studentesche per non parlare dei grandi eventi straordinari come gli Snowdays?

Se vuoi leggere l’articolo originale, copia questo link:
http://feedproxy.google.com/~r/blogspot/SCne/~3/cS1sHUlf_-o/la-situazione-delle-associazioni-alla.html

Ritorno: Bad Chili

Per il viaggio di ritorno ho letto Bad Chili di Lansdale ed è stata una scelta azzeccata: divertente, strampalato, esagerato e tenero nello stesso tempo. Marina lo aveva letto nel nostro weekend a Sesto e ogni tanto sobbalzava per la sconcezza greve del linguaggio ma a cui, con lo scorrere…

Se vuoi leggere l’articolo originale, copia questo link:
http://blog.gigitaly.it/2009/05/ritorno-bad-chili.html

Andata : Il sonaglio

I miei viaggi in Sardegna sono un’ottima scusa per leggere: l’attesa in aeroporto, il volo, magari qualche ritardo. Mi prendo sempre libri non troppo impegnativi e non grossi perchè so che poi nella settimana al Parco mi è difficile avere il tempo per leggere e vorrei finirli durante il viaggio…

Se vuoi leggere l’articolo originale, copia questo link:
http://blog.gigitaly.it/2009/05/andata-il-sonaglio.html

L’ago n. 2

Tornando a Desenzano mi ritrovo a casa L’ago, il mensile a distribuzione gratuita dell’Associazione Culturale De Benaco di Desenzano, e ovviamente me lo sono letto. Ho saltato solo quei due o tre articoli che dal titolo non hanno attirato la mia attenzione. Al contrario, non ho potuto fare a meno di leggere i due articoli firmati da Vladimiro: l’uno sulla matematica che ovviamente mi ha ricordato il mio ultimo spettacolo del laboratorio di teatro al liceo, l’altro sul world wide web (mi era saltato all’occhio il termine “blogger” nell’occhiello dell’articolo e non ho resistito). Complimenti a Vladimiro. Entrambi gli articoli sono interessanti sia nei contenuti che nello svolgimento del tema.

Altrettanto interessante ho trovato la rubrica liberalamente che parla del libro “Modus Vivendi” di Zygmunt Bauman. Non so se lo leggerò, ma mi manca quel genere di libri. La prossima volta che andrò in biblioteca penso che mi orienterò su qualcosa di simile.

L’articolo che merita però la medaglia d’oro per l’argomento che ha centrato i miei interessi è Si “pescano” più turisti se il Garda va in Rete nella rubrica contrappunto.
Il lago di Garda deve presentarsi come un’area uniforme ai turisti e non solo. Diviso tra Trentino, Lombardia e Veneto con le rispettive province di Trento, Brescia e Verona, in rete può trovare il luogo dove presentarsi unito per fornire agli interessati tutte le informazioni che possono interessarli. E non solo in rete. Fiere internazionali di promozione turistica e interventi per lo sviluppo dell’area esistono e maturano anche fuori dal web.

Nell’articolo vengono citati i seguenti siti/portali per chi si volesse godere il Lago in anteprima, anticipando le vacanze che in questo periodo sono in programmazione:
Visitgarda.com, Gardainforma.com, Rivieradeilimoni.it, Strada dei vini e dei sapori (ora in costruzione).

Complimenti a tutto il team per questo bel secondo numero di L’ago. Aspetto che escano con il loro blog e intanto penso a cosa potrei scrivere per loro, così da alternare allo studio per gli esami, qualcosa di più creativo.

Se vuoi leggere l’articolo originale, copia questo link:
http://feedproxy.google.com/~r/blogspot/SCne/~3/2h0nU5cFmPQ/lago-n-2.html