Tag: gnu

Giornata del Software Libero a Riva del Garda


Sabato 25 Aprile dalle ore 14.00 alle ore 18.00 , presso la sede del GNUcchi Lab ( Ex Colonia Sabbioni ) a Riva del Garda, si svolgerà la sesta edizione della festa del Patrono del Software Libero.

Sarà possibile provare installazioni Live del sistema operativo Linux, dimostrazioni pratiche e utili consigli per neofiti e utenti esperti.

Presentazioni in programma :

  • Progetto So.Di.Linux , progetto Piano Giovani per le scuole.
  • Linux per il software libero a scuola, Lavagna multimediale a basso costo.
  • Wordpress, scrivere un blog e non solo con il software libero.
  • Openstreetmap.org, le mappe geografiche finalmente libere.


Nasce un comitato dei commercianti a Gardone Riviera

Riportiamo in seguito la relazione della riunione avvenuta il giorno 25-03-09.

INCONTRO DEI COMMERCIANTI ED ESERCENTI
DI GARDONE RIVIERA

RELAZIONE
Il giorno 23 marzo 2009 alle ore 20.30 nella sala del ristorante “La Terrazza” in via Roma n. 45 si incontravano i commercianti e gli esercenti di Gardone Riviera (in numero di 25).
La riunione si sarebbe dovuta tenere, come da richiesta protocollata, presso una sala nel centro anziani adiacente il municipio ma questa era già occupata causa attività di un corso di decoupage evidentemente “dimenticato” dai preposti del comune, allorchè i partecipanti accettavano di buon grado l’invito immediato dei ragazzi della Terrazza che aprivano la loro bella sala e li ospitavano.
Lo scopo primario della riunione era quello di ritrovarci e rivederci (o conoscerci) all’alba di una nuova stagione lavorativa, darci un in bocca al lupo e un crepi il lupo prima di affrontarne le “insidie e i pericoli” e anche quello di renderci conto se si possa provare (di nuovo) da quest’ anno a fare gruppo e ad istituzionalizzarci come struttura riconoscibile nel nostro comune, data anche la congiuntura delle elezioni imminenti.
Si sono trattati così, in modo informale e a ruota libera alcuni dei temi più scottanti che influenzano la nostra attività di commercianti e esercenti, tra cui:
– la questione “Ex area esso”: il significato e la tempistica della bonifica in atto, l’effettiva apertura del cantiere nel corso del 2009, l’eventuale possibilità di ridiscutere i termini dell’appalto con la nuova proprietà.
– La carenza delle infrastrutture, dei parcheggi o quantomeno della segnaletica e dello sfruttamento dei parcheggi esistenti, la scarsa segnaletica turistica e la mancanza di punti informativi, l’ illuminazione non adeguata (lungolago), la non sviluppata accoglienza al turismo lacuale (attracchi e boe), l’ utilità di un servizio di mini-trasporto interno al comune (trenino), l’ attenzione al decoro urbano.
– Il Vittoriale e i modi di un possibile maggiore sfruttamento della sua presenza ai fini dell’economia cittadina.
– Le manifestazioni durante la stagione estiva e la possibilità di un totale o parziale apporto dei commercianti all’ideazione e all’organizzazione delle stesse.
Venivano anche contemporaneamente avanzate alcune proposte e idee, ma si conveniva che cosa migliore si facesse compilando ognuno una lista con le questioni da risolvere e con le idee da proporre e la comunicasse ai rappresentanti nell’arco della settimana seguente.
Si passava quindi alla nomina dei rappresentanti di questo nascente comitato dei commercianti, in numero di sei, i quali si incaricheranno di tenere viva e operante una struttura che può rivelarsi utile e importante: come organo di autocontrollo e comunicazione “interna”, per i rapporti con l’amministrazione e con altri enti come albergatori, comuni limitrofi, Navigarda, Vittoriale ecc. nonché come struttura organizzativa di eventi o manifestazioni promozionali. Di seguito i rappresentanti e i rispettivi contatti:
– Manni Andrea (
andrea@hoteldianagardone.it – tel 340 5066959)
– Menini Camillo (Ristorante Pizzeria Wimmer – tel 0365 20631)
– Tessoni Luigi (
luigi.tessoni@alice.it – tel 333 7256050)
– Erculiani Mario (
mario@lapensilina.191.it – tel 0365 290576)
– Rathert Ebba (Atelier Ebba Rathert – tel 335 6088240)
– Mezzadri Giovanni (Forneria “Al Vittoriale” – tel 347 7108776)
Siete quindi da subito tutti invitati a redigere la vostra lista di priorità e di suggerimenti e ad inviarla tramite mail all’indirizzo di Manni Andrea o di riporla nel raccoglitore adibito presso la Pensilina in via Zanardelli. I rappresentanti provvederanno a vagliare le vostre proposte e a creare un “cartello” a disposizione delle liste candidate all’elezione comunale.
Il comitato renderà nota la data di una prossima riunione plenaria, porgiamo a tutti gli auguri di Buona Pasqua e di un incoraggiante inizio di stagione!
Andrea Manni Gardone Riviera, il 25/03/2009

Associazioni Culturali : Riva del Garda

Elenco dei siti Internet delle Associazioni Culturali presenti nel Comune di Riva del Garda.

Vedere film gratis in streaming

Un sito su cui guardare film gratis in streaming in diverse lingue è

www.joox.net

si possono trovare diversi titoli (questi sono in lingua originale)

No registrazione, si possono anche scaricare (Download in formato flv)

llan Quatermain and the Temple of Skulls (2008)
American Psycho (2000)
Angel Heart (1987)
Beer for My Horses (2008)
Best in Show (2000)
Big (1988)
Bill & Ted’s Bogus Journey (1991)
Biloxi Blues (1988)
Blade Runner (1982)
Blind Eye (2006)
Blood Simple. (1984)
Bone Dry (2007)
Bringing Out the Dead (1999)
Casino Royale – Divx – Cam (2006)
Charlie Wilson’s War (2007)
Children of Men (2006)
Citizen Ruth (1996)
Cocaine Cowboys II: Hustlin’ with the Godmother – M.V. (2008)
Code 46 (2003)
Columbus Day (2008)
Courage Under Fire (1996)
Curtains (1983)
D-War (2007)
D2: The Mighty Ducks (1994)
Daddy’s Little Girls (2007)
Dark City (1998)
Dark Remains (2005)
Dead Clever: The Life and Crimes of Julie Bottomley (2007)
Dead Silence (2007)
Deal (2008)
Death at a Funeral (2007)
Death Proof (2007)
Death to Life – Divx (1)
Death Toll (2007)
Death Tunnel (2005)
Death Wish (1974)
Death Wish V: The Face of Death (1994)
Devil’s Diary (2007)
Doctor Detroit (1983)
Doctor Who (1996)
Dog Day Afternoon (1975)
Drumline (2002)
Eichmann (2007)
Elizabeth: The Golden Age (2007)
Escape from Sobibor (1987)
Eternal Sunshine of the Spotless Mind (2004)
Event Horizon (1997)
Fido (2006)
Fist of the North Star (1995)
Frankenstein (2004)
Friday After Next (2002)
Funny Farm (1988)
Ghost Lake (2004)
Glengarry Glen Ross (1992)
Gone Baby Gone (2007)
Good Time Max (2007)
Grace Is Gone (2007)
Hamlet 2 – Links (2008)
Happy Feet – MegaVid (2006)
Harrison Bergeron – In German – DivX (2005)
Harsh Times (2005)
Headless Horseman (2007)
Heat (1995)
Heaven Scent (1956)
Hell Ride (2008)
Henry Poole Is Here (2008)
High Art (1998)
High Fidelity (2000)
Hombre (1967)
Homegrown (1998)
Hood of Horror (2006)
Hot Fuzz (2007)
House of 1000 Corpses (2003)
House of Wax (2005)
Human Traffic (1999)
I Know What You Did Last Summer (1997)
I Know Who Killed Me (2007)
I Now Pronounce You Chuck & Larry (2007)
I Now Pronounce You Chuck And Larry – StreamPlug Needed (2007)
I Still Know What You Did Last Summer (1998)
I’ll Always Know What You Did Last Summer (2006)
I-See-You.Com (2006)
Idiocracy (2006)
Impulse (2008)
Jake’s Closet (2007)
John Q (2002)
Johnny Mnemonic (1995)
Just Friends (2005)
Keith (2008)
Kids (1995)
Lake Dead (2007)
Lake Placid (1999)
Last Hour (2008)
Lions for Lambs (2007)
Little Erin Merryweather (2003)
Living Hell (2008)
Lock, Stock and Two Smoking Barrels (1998)
Lolita – Works 23rd DEC 2008. (1997)
Lone Rider (2008)
Lords of Dogtown (2005)
Mad Money (2008)
Magnum Force (1973)
Marcus (2006)
Me and You and Everyone We Know (2005)
Meet The Spartens – Cam – DivX (2008)
Mobsters (1991)
Monty Python and the Holy Grail – DivX (1975)
My Blueberry Nights (2007)
Mystery Men (1999)
Narc (2002)
National Treasure: Book of Secrets – MegaVid (2007)
Next (2007)
Night Shift (1982)
Ninja Cheerleaders (2008)
No Man’s Land: The Rise of Reeker (2008)
No movie (2008)
No movie (2008)
Noëlle (2007)
Notes on a Scandal (2006)
Oligarkh (2002)
One, Two, Many (2008)
Otis (2008)
Pathology (2008)
Pineapple Express – DivX Link Below Video. (2008)
Ping Pong Playa (2007)
Pirates of the Caribbean: At World’s End – MegaVid (2007)
Pitch Black (2000)
Planet Terror (2007)
Player 5150 (2007)
Poltergeist (1982)
Poltergeist II: The Other Side (1986)
Poltergeist III (1988)
Postal (2007)
Pride and Glory (2008)
Puffball (2007)
Pulse III (2008)
Redbelt (2008)
Reeker (2005)
Reservation Road (2007)
Resident Evil:Extinction (2007)
Rest Stop: Don’t Look Back (2008)
Rigged (2008)
Ring of Death (2008)
Ripple Effect (2007)
Road to Perdition (2002)
Saving God (2008)
Scorched (2008)
Semi-Pro (2008)
Shred (2008)
Shrooms (2006)
Sicko (2007)
Signs (2002)
Slap Shot 3: The Junior League – MegaVideo (2008)
Snake Eyes (1998)
Snow Angels (2007)
Soul Men (2008)
Splinter (2008)
Stop-Loss (2008)
Sudden Impact (1983)
Superman Returns – DivX link (2006)
Surf’s Up (2007)
Sweeney Todd: The Demon Barber of Fleet Street (2007)
Take (2007)
Talladega Nights: The Ballad of Ricky Bobby (2006)
The Air I Breathe (2007)
The Amazing Screw On Head (2006)
The Amityville Horror (2005)
The Beautiful Ordinary (2007)
The Bourne Ultimatum (2007)
The Cannonball Run (1981)
The Covenant (2006)
The Dead Pool (1988)
The Departed (2006)
The Enforcer (1976)
The Express (2008)
The Fall (2006)
The Flock (2007)
The Flyboys (2008)
The Frighteners (1996)
The Girl Next Door – Cam – DivX (2004)
The Godfather: Part II (1974)
The Godfather: Part III (1990)
The Halloween Tree (1993)
The Hit (2007)
The Island (2005)
The Last Hit Man (2008)
The Last Mimzy (2007)
The Lazarus Project (2008)
The Little Mermaid: Ariel’s Beginning (2008)
The Longshots (2008)
The Lost Boys (1987)
The Lost City (2005)
The Lost Samaritan (2008)
The Lost World: Jurassic Park (1997)
The Man From Earth (2007)
The Man Who Came Back (2008)
The Marine (2006)
The Memory Keeper’s Daughter (2008)
The Mist (2007)
The Mummy – Links Below Video Player (2008)
The Mutant Chronicles (2008)
The One (2001)
The Tao of Steve (2000)
The Thirst: Blood War (2008)
The Union: The Business Behind Getting High (2007)
The Vanguard (2008)
The Visitor (0)
The Way of War (2008)
The Wind That Shakes the Barley – DivX – 2 parts (2006)
The Witches of Eastwick (1987)
Then She Found Me (2007)
Thir13en Ghosts (2001)
Thirteen Days (2000)
Throwing Stars (2007)
Tideland (2005)
Tombstone (1993)
Tomorrow Never Dies (1997)
Tora! Tora! Tora! (1970)
Total Recall (1990)
Training Day (2001)
Trainspotting (1996)
Transporter 3 – StreamPlug Needed – Link – Works Jan 24 (2008)
Twelve Monkeys (1995)
Unable to Delete Video – Don’t Report As Dead. (1990)
Unable to Delete Video – Don’t Report As Dead. (2007)
Unbreakable (2000)
Undisputed II: Last Man Standing (2006)
Unfinished Sky (2007)
Uptown Girls (2003)
Vacancy (2007)
Vice (2008)
Walker Payne (2006)
Wayne’s World (1992)
Waz (2007)
While She Was Out – M.V. (2008)
Zack And Miri Make A Porno – DivX Link – Works 24th Jan (2008)
Zoo (1543)
 

Trucchi Facebook: aggiornamenti di stato via Twitter

Mi capita spesso sentirmi dire dai miei amici: “Ma tu sei sempre su Facebook? Ogni volta che mi connetto ci saranno un migliaio (altre volte invece esagerano) di aggiornamenti di stato tutti tuoi!”
Ora, io in realtà su Facebook non ci passo le ore. L’aggiornamento così frequente è legato all’uso di due tre strumenti: Twitter, Thwirl e il collegamento tra Twitter e Facebook. Attraverso questi attrezzi posso cambiare il mio stato comodamente dal desktop del mio computer (Mac o pc che sia) con la massima comodità. Come funziona il meccanismo?

1) Per prima cosa serve un account su Twitter. Per sapere di cosa si tratta nel dettaglio basta cercare su internet. Troverete blog a chili che ne parlano, visto che i blogger non ne possono quasi più fare a meno. Io vi rimando a Wikipedia. Per iscrivervi a Twitter cliccate qui.

2) Scaricatevi Thwirl. Per farlo prima andate qui per installare Adobe Air. Poi, cliccando qui, partirà subito il download della l’ultima versione di Thwirl. Installatelo, impostate i vostri dati di Twitter così sarete già loggati ad ogni apertura del programma in futuro.

2 b) Se usate Firefox potrebbe interessarvi questa funzione di aggiornamento di stato semplicemente inserendo il testo nella barra di navigazione del browser. Molto comodo per chi usa spesso Firefox. È solo uno strumento di input e non di output, ma se vi interessa solo per Facebook è perfetto.

3) Collegare gli aggiornamenti di Twitter a Facebook è una cavolata. Dalla sezione “Settings” del vostro account Twitter potete accedere a questa pagina, che vi permette di scegliere se inserire i vostri aggiornamenti su varie piattaforme tra le quali FB. Adesso vi basta seguire le indicazioni e in un attimo avrete gli aggiornamenti di Twitter su FB.

Fatto! E come potete vedere, il tutto non richiede l’uso di colla vinilica o carta igienica!
Sotto potete vedere il risultato dell’operazione.


CONFRONTIFino all’8 dicembre alla Galleria Civica Gian Battista Bosio

L’Assessorato alla Cultura del Comune di Desenzano del Garda promuove la mostra collettiva Confronti, con opere degli artisti Alberto Cropelli, Cinzia Bevilacqua, Claudio Filippini, Elio Gnutti, Brescianini da Rovato, LeRond (Giovanni Lamberti), Giulio Mottinelli, Marco Manzella, Guido Moretti, Piero Tramonta. L’evento è allestito negli spazi della Galleria Civica Gian Battista Bosio fino all’8 dicembre. I […]

Idee per un regalo

E’ scattata l’operazione Santa Lucia – Natale – Befana 2008/2009. Ormai siamo tutti alla ricerca del regalo giusto per la persona giusta.
Le domande ricorrenti: Cosa regalo a mia moglie? Cosa posso regalare a mio padre? Che regalo faccio alla mia fidanzata? (è per dire eh?) Cosa posso regalare ad una persona che ha tutto?
Quest’anno mi viene […]

a Bologna tutti assieme contro la 133

Bologna, assemblea congiunta studenti-presidenza della facoltà di Lettere e Filosofia, 23/10/2008

Arrivare tardi alle assemblee ti costringe ad arrangiarti per trovare l’ultimo posto disponibile e a volte questo significa scoprire cose nuove, ad esempio che il posto giusto non è su uno dei banchi ma davanti alla cattedra, col viso rivolto al “lato sbagliato”: una marea di facce attente e interessate che non cambieranno espressione fino alla fine. Tanta gente che il “padrone di casa” esordisce chiedendo se per piacere si può uscire a fumare per evitare intossicazioni di massa, una folla eterogenea (tanto che un novello Lombroso, nel suo intervento, potrà dire di vedere rappresentata ogni tipologia ed estrazione politica di studente) che dopo una risata riesce quasi miracolosamente, visto il numero, a mantenere un clima di ascolto e a far scorrere via bene o male* lisci tutti gli interventi (rigorosamente aperti a chiunque si volesse prenotare).

Innanzitutto quello su cui sono tutti (ricercatori, docenti, preside e membri del consiglio di facoltà, studenti e rappresentanti degli studenti) daccordo: la riforma Gelmini è semplicemente inguardabile, a dire il vero non è nemmeno una riforma: solo una collezione di tagli. Chiaro, ognuno valuta più grave l’aspetto che sente più vicino, ma tutti in quell’aula erano concordi nel bocciare in toto la 133. Fa bene Tommaso del Vecchio, ricercatore e membro del consiglio di facoltà, a sottolineare come questa legge segni un punto di discontinuità persino con la famigerata riforma Moratti, poichè in questo caso non si sta decidendo una svolta culturale, non c’è un progetto, un’idea o anche solo una vera intenzione sotto la 133: soltanto la chiara decisione che la scuola non costituisce una priorità di spesa per questo governo (e per chi l’ha votato, data l’ottica populista con la quale governa Berlusconi). E sulla stessa linea è Grandi, un docente che parlando ancora più chiaro fa capire come la Scuola sia vista dal governo alla stregua di un serbatoio di tagli per recuperare soldi da smistare altrove: un progetto per un paese senza futuro, certo, ma questo paese ha deciso l’harakiri da tempo e non lo scopriamo oggi.

È il monito del preside Sassatelli, che spinge a fare autocritica e a modificare l’immagine che la gente ha dell’università e di chi la vive, da qualsiasi parte della cattedra egli si trovi, è il successo delle lezioni in piazza, momenti di trasparenza dell’università verso l’esterno oltre che di protesta simbolica (come ricorda Anna Borghi, docente e membra della rete “ricercatori precari”), è la necessita più volte ricordata dagli studenti di far vedere all’esterno, non solo nelle parole che ci si scambia tra compagni di viaggio, che il fronte è comune e che comprende, o dovrebbe comprendere, anche i cittadini. Uno dei punti più chiari è proprio questo: facciamoci capire dalla gente là fuori. Ed è su questo che le posizioni cominciano a divergere (ma meno di quanto sarebbe pericoloso per la lotta, a mio avviso).

Prima di andare più sullo specifico va segnalata un’altra cosa: l’università (nella misura in cui questo corso di laurea ne è indicazione) ha una gran voglia di cambiare. Ne hanno voglia gli studenti, che sognano spazi di autoformazione, maggiore libertà nella scelta del percorso di studi, ma soprattutto hanno la grande voglia di essere loro i motori di questo cambiamento, una riforma che possa finalmente partire dal basso. Ne hanno voglia anche professori e presidi, che sognano un’università che funzioni finalmente bene, che permetta di portare avanti seriamente sia la didattica che la ricerca senza gli sprechi e i clientelismi di cui anche la maggior parte di loro è spesso vittima. Ignorare questa voglia di cambiare e pensare alla rivolta come a una semplice difesa dei propri diritti o supposti privilegi di fronte a un taglio radicale dei fondi è un errore fatale, che non consente di leggere a fondo dentro la massa incredibile di persone che si sta muovendo in questi giorni.

Venendo alle proposte, i “fronti” si fanno contrapposti praticamente solo su un punto: la sospensione della didattica (sulle altre questioni le posizione sono più sfumate, vedremo dopo). Quello che molti studenti, ed è anche la posizione dei rappresentanti in quota “Rosso Malpelo” (componente di sinistra) ma non solo, vogliono non è certo un blocco ad oltranza fino alla revisione della legge ma bensì un’azione simbolica il cui significato sarebbe chiaro: anche il corpo docenti è dalla nostra parte, siamo tutti contro di te, Gelmini; è la necessita di far fronte comune in maniera visibile a spingere questa richiesta (che, ripeto, non si spingerebbe oltre i due giorni, da utilizzare per lezioni pubbliche e assemblee). Di contro, se pure chi vi si oppone riconosce la necessità del fronte comune, si ritiene che un’azione del genere sarebbe controproducente: un appiglio troppo semplice per screditare la lotta e un metodo veloce per perdere del tutto la possibilità che la gente là fuori possa appassionarsi alla nostra lotta; molto meglio organizzare assemblee serali per spiegare la riforma (e il professor Donati, docente a giurisprudenza, si è già detto disponibile) e continuare con le lezioni in pubblico, tenendo però separati i metodi di critica (in soldoni: la protesta più “aggressiva” è roba da studenti). In breve: una parte consistente degli studenti chiede ai professori di esporsi di più e una parte consistente dei professori (tra cui la maggioranza del consiglio di facoltà) risponde che non è esponendosi in questa maniera che si sistemeranno le cose, ma al contrario un’azione del genere potrebbe solo far naufragare il tutto. Non che sia una diatriba così importante: per quello che mi riguarda credo che si possa lasciar cadere (per ora ) questa richiesta, in fondo non è ancora così vitale, e se non si riescono a convincere i professori dubbiosi a prendere un provvedimento del genere allora tanto vale andare avanti senza questo tipo di protesta (che avrebbe avuto, è vero, un gran peso, ma di fatto avrebbe veramente esposto il movimento a delle critiche).

Un altro punto delicato è la questione (che poi è centrale nella mozione votata dal senato accademico) della valutazione e del conseguente finanziamento differenziale delle varie università. Intendiamoci, qui è una questione di enfasi: nell’ipotetica frase “No ai tagli previsti dalla 133, ma è giusto razionalizzare le spese e punire gli atenei che non riescono (o non vogliono) spendere entro i limiti” alcuni credono sia più importante la prima parte, gli altri la seconda (e capite da soli quali sono le parti in causa), ma nessuno si azzarda a negare la frase nel suo complesso. Non si può dire insomma, e qui torna il discorso di prima, che si voglia semplicemente salvare un’università che è colma di problemi non solo didattici ma anche economici, ma anzi che un cambiamento è necessario e deve passare per forza da una razionalizzazione delle spese che tenga ovviamente conto delle esigenze imprescindibili di un ateneo (e non, pertanto, da un taglio indiscriminato che servirebbe solo a distruggere gli ultimi sprazzi di buona università).

Per ora l’appuntamento è a martedì, quando i professori volenterosi saranno chiamati a decidere assieme agli studenti le prossime iniziative (lezioni in pubblico eccetera), ma l’impressione è che, pur chiarendo le reciproche posizioni su alcune questioni, si sia usciti da questa assemblea ancora compatti in un unico fronte di lotta. In attesa di altre lezioni pubbliche e delle prime assemblee serali.

In chiusura, vorrei linkare un illuminante pezzo di Calamandrei che una docente ha voluto leggere a tutti durante l’assemblea: lo trovate riportato qui.

* non è mio costume aggiungere delle note ai post, ma in questo caso voglio tenere ben distaccato dal resto l’unico episodio (al di là di qualche fischio) fastidioso della seduta. Quando uno dei rappresentanti di Student Office (diciamo la parte ciellina dei rappresentanti degli studenti, o comunque filodestrorsa), che peraltro potrei anche indicare come secondo episodio fastidioso della seduta, ha preso la parola per esprimere la sua opinione e, in coda, una piccola provocazione, si sono levati fischi e boati (prevalentemente da una parte dell’aula). Per scansare successive strumentalizzazioni preciso che, nonostante un paio di minuti di interruzione per far tornare il silenzio, il ragazzo ha potuto concludere il suo intervento.

Qui una volta era tutto film

Parte il film, e ci vogliono solo poche scene per capire dalla colonna sonora in palese dissonanza con le scene che stanno passando sullo schermo che qualcosa non va come dovrebbe andare, una sensazione che man mano si fa più concreta finchè, alla fine, si capisce la verità: Burn After Reading è molto più del film comico che ti hanno consigliato. La dissonanza è la chiave del film, e va oltre il suo aspetto più evidente, ovvero la già segnalata colonna sonora che è, ad esempio, da film d’azione in sequenze da commedia. Ma Facciamo un passo indietro.

Il cinema americano, da quando gli statunitensi, più lungimiranti di altri, hanno cominciato a investirci massicciamente (la prima cattedra di cinema ad Harvard è del 1914, per dire), ha un nome e una ragione sociale: “fabbrica dei sogni”, ovvero produttore dell’immaginario di una nazione. Se vi sembra niente, pensate a quanto negli ultimi sessantanni questa fabbrica abbia esportato anche in Europa (senza contare il cinema non-americano e la televisione negli ultimi anni, che perlomeno da noi ha spodestato il cinema), e a quanto abbia contribuito a formare il vostro, di immaginario. Non è un caso se quasi tutti, dittature e non, abbiano investito e investano massicciamente nella propaganda, nel secolo scorso e in questo che sta cominciando; tuttavia non si tratta solo di una questione che riguarda solo film puramente “di propaganda”, ma di un fenomeno più diffuso che contribuisce a stabilire i confini dell’immaginazione. Tolkien si lamentava che gli illustratori castrassero i lettori di buone fiabe con disegni che diventavano una normativa del fantastico personale, mutatis mutandis il “problema” è sempre quello, se di problema, propriamente, si può parlare.

E oggi? se da un lato l’America di oggi non è più un paese per vecchi, dall’altro non è nemmeno più la terra della libertà di sognare (con buona pace di Obama), e i Cohen ci hanno voluto girare un film. I personaggi del film (di cui gli unici realmente comici, i due agenti FBI, sono poco più che comparse) sono difatti ognuno immerso nel proprio film personale, con tanto di dialoghi pesantemente influenzati dalla propria storia di cinefili (al giorno d’oggi siamo tutti, più o meno volontariamente, cineili); il problema è che ognuno sta su un registro filmico diverso e i momenti di attrito sono frequenti e dirompenti: vedi ad esempio la scena del bar, dove lui sta per far partire la tirata da vecchio saggio con tanto di foto di quando era prete e lei risponde con una puntata di Sex & the City (oppure la più clamorosa, quella dove Pitt e Clooney sono uno in una commedia degli equivoci, l’altro in un thriller e…[mi censuro per evitare spoiler]). Il film dei fratelli Cohen è in realtà lo scontro di persone che provano a vivere la vita come nel loro film preferito; oppure, più sottilmente, lo scontro di quel coacervo di immaginari che ha sostenuto l’ideologia americana negli ultimi sessantanni (di qui il tragicomico riferimento alla Guerra Fredda del vendere segreti o supposti tali a un ambasciatore russo che, giustamente, non sa che farsene), per metterli tutti nello stesso calderone e decretarne la decadenza oppure, e a me piace pensarla così, semplicemente giocarci con fare irriverente (ma qui si dovrebbe fare una telefonata ai registi).

Inoltre, dall’inevitabile brutta fine di (quasi) tutti i film personali il messaggio sembra essere: “qui non è più come una volta, che c’era il lieto fine”, oppure se preferite “qui non è un film, è la vita reale dell’America fine anni ’00, adeguatevi”. Tutto questo è chiaro, lampante quasi, quando si vede il film; a patto di non farsi distrarre dalla trama, che qualcuno spaccia ancora come comica (ma le risate si fanno lo stesso, non vi preoccupate).

Da Urbino: ricevo ed inoltro

Egregio signor P.,
nel ringraziarla della Sua disponibilità e cortesia durante il mio recente soggiorno presso la foresteria, vorrei gentilmente farle presente un piccolo problema che io ed alcune colleghe abbiamo riscontrato nelle stanze nr. 12, 13, 14, 15 e 17. Non si tratta di nulla di grave, ma al fine di rendere il soggiorno migliore […]

FESTA DELLA CASTAGNA Fino al 2 novembre a San Zeno

Si apre il 19 ottobre a San Zeno la 36° Festa delle Castagne e la 5° del Marrone DOP . Si tratta di un appuntamento da non perdere, che prevede un susseguirsi di eventi e assaggi gastronomici all’insegna del marrone. Per tre fine settimana di seguito (18-19 Ottobre, 25-26 Ottobre e 1-2 Novembre), sarà possibile […]

Bilance e scatole

Siamo in una prigione dove gli aguzzini si divertono a porci tranelli per prendersi gioco di noi.

L’aguzzino ci propone un enigma:

Abbiamo dieci scatole, contenenti ognuna 10 pezzi di pane. 9 Pezzi di pane pesano 100 gr, uno di questi 10 pezzi invece pesa 105 gr.

Possiamo avere il nostro pasto solamente se con una sola pesata a disposizione siamo capaci di determinare quale scatola contiene il pezzo da 105 gr.

Maledetti aguzzini…cosa diciamo?

CIOTTOLANDO CON GUSTO A caccia di sapori per le vie di Malcesine

A Malcesine torna un appuntamento immancabile: il 29 e 30 settembre si svolgerà infatti Ciottolando con Gusto, una vera e propria “caccia al tesoro” fra i sapori del Lago dedicata a tutti i gourmet ed appassionati di enogastronomia.
Un evento che vedrà coinvolti circa venti locali del centro storico e dei dintorni di Malcesine, ognuno dei […]

Ancora tanto rumore, ancora tanto nulla

Finalmente la Lega rompe gli indugi e impone qualcosa a questo governo foriero, per ora, solo di specchietti per le verdi allodole padane. Finalmente si fa per dire, ovvio, ma forse non è tutto oro quel che luccica, nè pallottola quel che esce da bocche di fuoco più metaforiche che reali.

Da capo: finalmente la Lega impone il federalismo fiscale! “basta dar via schei ai teroni che poi i se li magna con quella roba unta che usa lì, zioboia! Da ancoi ognuno se rangia con quel che l’è bon da far su e amen, ziocan!” (il mio dialetto trentino è un po’ claudicante, perdono) basta con l’assistenzialismo, la cassa del mezzogiorno e i soldi a pioggia ai tenutari di clientele politiche varie, anzi, basta soldi fuori dalla regione, no?

Esatto, no.

Bossi ha spiegato ai militanti leghisti radunati in riva dei Sette Martiri che il federalismo fiscale «cerca di mettere a posto uno Stato che non ha un soldo come l’Italia», e poi ha aggiunto che il senso e il principio del federalismo è quello che le regioni più ricche aiutino quelle più povere, perchè «la Costituzione garantisce che scuola, sanità e assistenza siano uguali in tutte le regioni del Paese. L’aiuto va bene ma questo non deve essere fatto attraverso la spesa storica, ma attraverso quella standardizzata. (fonte ilCorriere.it)

Lasciamo perdere che il concetto non dovrebbe essere tanto “le regioni ricche aiutano quelle povere” ma “si deve fare in modo che le regioni povere raggiungano il livello di sviluppo di quelle ricche” (non chiedo tanto alle capacità linguistiche del Senatur), quanto vi suona “leghista” questo periodo? a me, niente. Il testo è passato solo dal consiglio dei ministri quindi non è ancora consultabile, ma azzardo la previsione che sarà decisamente molto poco soddisfacente per un elettorato leghista che si aspetta la Luna, e rischia di vedersi recapitare una forma di grana. Meglio così? certamente, ma sarà interessante vedere come verrà descritta (male) dai media una riforma tanto importante, anche solo da un mero punto di vista elettorale.

Il significato dell’intera vicenda, se le mie previsioni sono azzeccate, è però già abbastanza chiaro: la Lega e il Pdl hanno trovato un nuovo accordo, ovvero un testo ad un tempo spacciabile per la vittoria dell’eterna battaglia leghista e innocuo per le clientele meridionali berlusconiane. Staremo a vedere.

Ecchecavolo Andrea!

Sabato sera ero a cena con gli itachiani, riuniti nuovamente, ed ho avuto modo di intavolare una bella discussione con Roberto e Andrea sugli errori che la sinistra ha commesso negli ultimi vent’anni.
Io e Roberto, forse, troppo critici. Andrea eccessivo giustificazionista.
Andrea mi accusa di aver abiurato il Comunismo.
Non so se sia così. Quello che so […]