Tag: Cabaret

CONVENZIONE INTERNAZIONALE SUI DIRITTI DELL’INFANZIA Ad Arco la grande festa dei diritti dei bambini

In occasione del 20° anniversario dell’approvazione della Convenzione internazionale sui diritti dell’infanzia, la città di Arco propone per domenica 22 novembre una grande festa all’interno del percorso «Città dei bambini», voluto perché i più piccoli imparino a diventare cittadini e si sentano parte attiva della propria comunità. L’organizzazione è degli assessorati all’Istruzione e all’Ambiente del […]

TEATRO A GONFIE VELE Risate, Clownerie e musica

Si aprirà il 21 novembre il cartellone di spettacoli rivolti ai bambini «Teatro a gonfie vele», con 10 appuntamenti articolati fra Arco, Nago – Torbole, Riva del Garda e, per la prima volta, anche Dro. Un’edizione per tutti i gusti, con brivido e risate sotto l’attenta regia di Paola Ruffo. Rimane invariato il prezzo del […]

LA TOSA E LO STORIONE Natalino Balasso a Vezzano

Esordio col botto per la stagione culturale del Teatro della Valle dei Laghi  organizzata dalla Fondazione Aida Teatro stabile d’Innovazione in collaborazione con i Comuni della Valle dei Laghi e la Cassa Rurale Valle dei Laghi. Il 31 ottobre in scena il monologo interpretato e scritto da Natalino Balasso La tosa e lo storione. Un […]

SERGIO GIUFFRIDA Cabaret all’Alberti

Alle 22 al teatro Alberti di Desenzano prosegue la rassegna “Cabaret all’Alberti” del giovedì. Stasera è di scena lo showman e caratterista Sergio Giuffrida, comico poliedrico e con un repertorio ricco di mimica e di monologhi intelligenti. Ingresso 10 euro.

ARCOBURATTINIPirù Pirù

Sono i burattini più caratteristici, quelli a guanto in baracca, i protagonisti di Arco Burattini, al secondo appuntamento dell’edizione 2009. Giovedì 30 (nel cortile delle scuole di Bolognano) e venerdì 31 luglio (nel cortile di via Carducci a Vigne) la compagnia Walter Broggini di Varese propone uno spettacolo ispirato al teatro popolare dei burattini. Entrambi […]

LUNE DI TEATROClown in Libertà

Al Castello di Moniga la serata finale di  Lune di teatro con lo spettacolo “Clown in libertà“. Senza un racconto o una scaletta e senza alcuno scambio di battute, lo spettacolo si dipana attraverso la gioia e l’allegria dei tre pagliacci che proveranno a contagiare il pubblico. Ingresso a offerta libera.

RIDENDRO E SCHERZANDROFino all’ultima barzelletta

Torna a Dro in Piazza Repubblica RidenDro e ScherzanDro, gara di barzellette e spettacoli di cabaret, quarta edizione con in palio un montepremi di 6.000 euro in gettoni d’oro, lo spettacolo inzia il 16 Luglio e proseguira i giorni 17/18/19 con inizio dalle ore 20.00. Giovedì 16 Luglio serata con Max Pisu e Sergio Sgrilli, […]

NON E’ STATO FACILE CADERE COSI’ IN BASSO Momenti Catartici con Flavio Oreglio

Sabato 8 novembre a Concei alle 20 e 30 al Centro culturale di Locca, prende il via la stagione teatrale con lo spettacolo ddel comico di Zelig Flavio Oreglio “Non è stato facile cadere cosi in basso“. Flavio Oreglio nasce artisticamente negli anni ‘80 nei pub dei Navigli a Milano. Nel 1986 approda al cabaret “La Corte […]

SPROLOQUIANDO Cabaret con Roberto Stoppa

Stasera alle 22 al teatro Alberti di Desenzano serata comica con Roberto Stoppa che porta in scena il monologo-sproloquio “Sproloquiando” dove spazia su tutti i temi dell’attualità. Formatosi alla scuola di recitazione e mimica del C.T.A. di Milano, dopo una breve esperienza di coppia, Roberto Stoppa ha debuttato da solista al Derbino Cabaret di Milano […]

DANIELE RACO SHOW Il cabaret di Zelig a Desenzano

Alle 22 al teatro Alberti di Desenzano serata di teatro comico con Daniele Raco, altro cavallo di razza della trasmissione Zelig. Classe ‘72, comedian, autore ed attore, peso massimo della comicità, in 12 anni d’attività ha dato tanto al mondo del cabaret con moltissime esibizioni dal vivo e cinque spettacoli da solista.

Altri quindici minuti, per favore

Trova la stranezza

Roma, 7 set. – (Adnkronos) – ”Quella dell’espulsione e del braccialetto per i detenuti e’ una proposta e come ogni proposta va valutata, pesata e discussa a 360 gradi, tenendo in considerazione ogni posizione, stando attenti, pero’, alle tendenze giustizialiste di una certa opposizione”. Lo dichiara il segretario della Dca-Pdl, Gianfranco Rotondi.

Fatto? avete notato che Gianfranco Rotondi, ministro della Repubblica, viene chiamato per incarico di partito? Esatto, ministro della Repubblica. Già, nemmeno io ricordavo che ministero regge, ho dovuto controllare su Wikipedia. Probabilmente anche quel giornalista ha sofferto della stessa comprensibile amnesia e d’altronde stiamo parlando del Ministero per l’Attuazione del Programma, un ministero dalla quantomeno dubbia ragione sociale fin dalla sua creazione nel 2001 a opera del primo governo Berlusconi.

Entrato nella squadra di governo dopo aver strepitato settimane per un un ministero, Rotondi riflette un po’ lo stereotipo del più becero degli utenti di web 2.0 e di qualsiasi forum: un malato di protagonismo in cerca di costante visibilità, capace di fornire aborracciate opinioni in ogni campo dello scibile umano solo per marcare presenza. Ne sono riprova le sue continue dichiarazioni (peraltro apparentemente l’unico operato del suo ministero, se si eccettua un comitato dagli incarichi fumosi presieduta da Cirino Pomicino), mai più lunghe di 3-4 righe e costantemente in bilico tra l’ovvietà e la stronzata. Rotondi mi da l’impressione di cercare la polemica con la stessa verve con cui la Banda Bassotti cerca di svaligiare il deposito di Zio Paperone, e con gli stessi risultati; d’altra parte come si fa a infierire su Rotondi? è lo stesso motivo per cui la Banda Bassotti alla fine esce sempre dal carcere: gli sfigati vanno compatiti, non presi sul serio.

Eppure, nella sua costante ricerca di attenzioni, Rotondi ha un rivale altrettanto bisognoso di affetto ma decisamente più furbo: Renato Brunetta. Anche il mancato premio nobel per l’economia, chiamato affettuosamente “economico ergonomico” dagli amici più cari, si è buttato a pesce su un’ipotetica folla urlante, ma scegliendo meglio il suo repertorio si è assicurato la presenza effettiva della folla. Potere dei luoghi comuni: Rotondi annaspa cercando di fare l’onnivoro, Brunetta si è specializzato su un tema (scegliendone, sagacemente, uno che non smetterà di essere valido per qualche secolo ancora) e senza nemmeno dover dare un’apparenza di concretezza al suo operato si gode l’amore della gente semplicemente sparando cagate. Oddio, potrebbe anche essere il fascino del freak, ma funziona.

Sarà per questa comunanza di obiettivi che i due stanno preparando un’azione comune sulle coppie di fatto? Sinceramente non mi aspettavo che questo governo prendesse in considerazione il tema (e difatti la ministra deputata a un progetto di legge del genere Mara “competenza” Carfagna aveva più o meno chiuso le porte), quindi in teoria dovrei esserne contento (anche se sono per dare anche agli omosessuali il matrimonio e morta lì senza tante discussioni, Calderoli già che semplifichi pensaci tu!), tuttavia temo che dovrò guardare a questa situazione in chiave cabarettistica, se vorrò godermela davvero, senza false speranze.

Cinema al castello di Desenzano

Dal 27 luglio al 03 settembre 2008 saranno proiettati dei film all’aperto nel cortile del castello di Desenzano. Per orari e prezzi aspettate aggiornamenti (probabilmente per le 21.30).

27/07 – Irina Palm
28/07 – Into the Wild
29/07 – Ortone e il mondo dei Chi
31/07 – Spettacolo cabaret: Fichi d’India story
04/08 – Gomorra
05/08 – Elisabeth, the golden age
06/08 – Iron Man
07/08 – Il cacciatore di aquiloni
08/08 –
Il petroliere
09/08 –
Non pensarci
10/08 – La ragazza del lago
11/08 – Notte brava a Las Vegas
12/08 – Caos calmo
13/08 – Questa notte è ancora nostra
14/08 – Nella valle di Elah
15/08 – Grande, grosso e Verdone
18/08 – Racconti da Stoccolma
19/08 – Gli Acchiappafilm – be kind rewind
20/08 – Il divo
26/08 – La musica nel cuore
27/08 – Indiana Jones e il regno del teschio di cristallo
30/08 – Sex and the city
31/08 – In amore niente regole
01/09 – Persepolis
02/09 – Un amore senza tempo
03/09 – Colpo d’occhio

Rignrazio Lucia per i dati