Tag: Arte

Servizi Sociali

Questa mattina ho assistito ad una cosa che fa ridere, ma fa piangere! Una panda dei Servizi Sociali di Desenzano parcheggiata sulle striscie diagonali gialle a fianco del parcheggio riservato alle persone diversamente abili (che, se quelle due persone su quella panda non lo sapessero, fanno comunque parte della zona riservata).
Ho preso anche il numero di targa. Cosa ne devo fare?

Se vuoi leggere l’articolo originale, copia questo link:
http://todaymilk.blogspot.com/2008/05/servizi-sociali.html

Senza parole


Non ho ancora scritto un commento su Le fenicie, e intendo rimediare, dato che l’altro ieri ho assistito a qualcosa di bellissimo.
Era veramente inaspettato, non immaginavo proprio di vedere un lavoro del genere, anche perchè in effetti è la prima volta da 5 anni a questa parte che vedo lo spettacolo del Bagatta, dato che gli altri anni ero sul palco, e sul palco lo spettacolo non si vede…
Giulio qualche tempo fa mi aveva annunciato uno spettacolo noioso, evidentemente lo faceva per stupirmi!
La narrazione è stata abbastanza veloce, e molto ritmata, in puro stile faustiano. Non c’erano intervalli tra una scena e l’altra, non c’era neanche tempo di applaudire!
Ogni scena era curata, dai movimenti e dal comportamento del coro che legavano le varie scene, ai costumi veramente originali e azzeccati.
I ragazzi sono stati tutti bravissimi! fantastiche le 4 ragazze, Micaela, Giulia, Lucia e Martina nel ruolo di Giocasta, divini Giulio e Andrea nel ruolo dei due fratelli Polinice ed Eteocle; in particolare quest’ultimo aveva un’espressione da folle mentre parlava del suo potere che era assolutamente geniale.
Adesso la smetto con i nomi, altrimenti rischierei di dimenticare qualcuno, ma ripeto che sono stati tutti bravissimi.
Alla fine dello spettacolo io ed altri ex teatranti siamo andati con i teatranti attuali a mangiare e bere, ed è divertente scoprire tutti i retroscena, che quando partecipi conosci, ma quando sei un semplice spettatore ignori.
Per concludere non vedo l’ora di assistere alla replica in castello il 30 maggio, e devo dire che non è così male essere un ex se si può assistere a certi capolavori!

Se vuoi leggere l’articolo originale, copia questo link:
http://feeds.feedburner.com/~r/blogspot/HMeb/~3/297128674/senza-parole.html

Ritorno (macchizzato)

Era un po’ che non scrivevo. Un po’ perchè mi sono intrippato con twitter, un po’ perchè sono stato in cina un paio di settimana ed ultimamente per il cambio da PC a Mac.
Questo non è stato così traumatico come avrei potuto pensare. La cosa più complicata è stata ricostruire mentalmente la struttura del computer.

Non risuscire a capire dove si trovassero i files è stato un po’ frustrante all’inizio. Ora grazie a qualche stratagemma sulle visualizzazioni, ordine dei files e cambio icone sto meglio. Quando voglio aprire un file so esattamente dov’è. Anche se devo dire che lo “spotlight” è una funzione molto utile… ma comunque mi piace sapere che quell’offerta fatta a quel cliente relativa a quel progetto si trova nella sua bella cartellina! Sono paranoico? Mah … forse.

Però è quello che mi succede anche quando metto a posto la cantina/garage. Butto li roba per mesi … poi la mia frustrazione sale fino a cha un giorno mi rimbocco le maniche e rimetto tutto a posto. Nei giorni che seguono mi sento così tranquillo nel sapere che gli sci da fondo (usati una volta) sono belli imballati e messi sulla scansia; che la mia vespa è bella smontata ed i suoi pezzi riposti metodicamente da 10 anni per essere, chissà un giorno, rimessi insieme; i miei libri dell’università incatolati e catalogati, come se mi fossero di qualche aiuto o di qualche ispirazione. C’è uno psicologo alla lettura? Sono schizofrenico?

Se vuoi leggere l’articolo originale, copia questo link:
http://todaymilk.blogspot.com/2008/04/ritorno-macchizzato.html

… verso la verità


Ianua vera Christus est

Se vuoi leggere l’articolo originale, copia questo link:
http://nikithegrinch.blogspot.com/2007/10/verso-la-verit.html

Perchè una lettera aperta?

In Italia ci siamo forse assuefatti ad una condizione di sudditanza nei confronti di chi (mi riferisco a certi organi di informazione in primis), invece di raccontare le cose come realmente stanno, ci propone la sua visione dei fatti.
Ma non tutti fortunatamente sottostanno a questa condizione.
C’è ancora qualcuno che crede che non sia ammissibile far scomparire i fatti e sostituirli con le opinioni.

Ecco perché ho deciso di chiedervi un po’ del vostro tempo e della vostra attenzione per partire dai fatti.
Per raccontare alcuni fatti, che si sono verificati a San Felice del Benaco negli ultimi mesi (e anche prima), dei quali ritengo sia giusto mettere a conoscenza tutti, perché ciascuno possa poi riflettere e farsi una propria opinione.
Fatti che taluni hanno fatto sparire per non disturbare la gente. Sparire e basta. Meglio non parlarne.
Fatti che altri hanno fatto sparire per sostituirli con le loro opinioni, dicendo che è troppo complicato spiegare come stanno le cose e chiedendo a voi di informarvi, se ne avete voglia.

E allora io vi racconto cosa è successo.

Dal giugno 2004 al dicembre 2006 io sono stata vicesindaco e assessore nell’ambito della materia urbanistica del nostro comune, fino a quando il 20 dicembre 2006 mi sono dimessa dall’incarico, rimanendo però consigliere comunale.
Sono altresì uscita dal gruppo di maggioranza, per cui io oggi sono in consiglio comunale come consigliere di minoranza.
La mia decisione è maturata a seguito di avvenimenti che si sono susseguiti dal giugno 2004 in poi e di cui sicuramente la goccia che ha fatto traboccare il vaso è stato il modo in cui il sindaco e il resto della maggioranza hanno affrontato un attacco rivolto nei miei confronti da parte di alcuni consiglieri di minoranza.

Se vuoi leggere l’articolo originale, copia questo link:
http://cambiamoinsieme.blogspot.com/2007/08/perch-una-lettera-aperta.html