sulle leggi

Don Lorenzo Milani (wikipedia.it)

In quanto alla loro vita di giovani sovrani domani, non posso dire ai miei ragazzi che l’unico modo d’amare la legge è d’obbedirla. Posso solo dir loro che essi dovranno tenere in tale onore le leggi degli uomini da osservarle quando sono giuste (cioè quando sono la forza del debole). Quando invece vedranno che non sono giuste (cioè quando sanzionano il sopruso del forte) essi dovranno battersi perché siamo cambiate. La leva ufficiale per cambiare la legge è il voto. La Costituzione gli affianca anche la leva dello sciopero. Ma la leva vera di queste due leve del potere è influire con la parola e con l’esempio sugli altri votanti e scioperanti: E quando è l’ora non c’è scuola più grande che pagare di persona un’obiezione di coscienza. Cioè violare la legge di cui si ha coscienza che è cattiva e accettare la pena che essa prevede.
Don Lorenzo Milani – Da Lettera ai giudici

Anche se sono ancora convinto che una legge, per la sua stessa natura d’esser legge, va rispettata anche se non la condivido …. se avessi seguito queste parole, nella mia vita avrei commesso meno errori.

Link all'articolo originale: http://www.simonezuin.it/wordpress/?p=1542

Lascia un commento