«Sos» coregone: è guerra ai pescatori disonesti

Dov’è finito il coregone? Già tutto nelle reti, pescato a tonnellate in spregio a ogni norma civile e di buon senso. E i pescatori onesti non ci stanno e lanciano un appello alle istituzioni: «Controllateci, se necessario sanzionateci con multe anche più elevate, ma tuteliamo il nostro pesce».

«Ci sono persone che usano reti irregolari e che non seguono alcuna delle prescrizioni previste dal regolamento vigente». Insomma il coregone è finito vittima di una vera e propria razzia e ora rischia di scomparire dalle acque del lago di Garda.

Tutti i dettagli sull’edizione del Giornale di Brescia in edicola oggi, sabato 2 marzo, scaricabile anche in formato digitale.

Link all'articolo originale: https://www.giornaledibrescia.it/garda/sos-coregone-%C3%A8-guerra-ai-pescatori-disonesti-1.3343191

Lascia un commento