“Sì, ma prima mi mandi una mail”

Fortuna che ci sono quei professori che spronano gli a trovare le risposte da soli. Purtroppo finora posso dire questo solo di un prof, ma spero che molti seguano presto il suo esempio. Da noi alla Libera Università di Bolzano ce n’è uno così.

Finora se uno studente aveva dei dubbi non faceva altro che dare un’occhiata all’orario e vedere quando il professore di suo interesse era reperibile in quelle che vengono chiamate ore di ricevimento. Prendeva i suoi appunti che gli risultavano poco chiari e andava nell’ufficio del professore per farsi spiegare cosa non aveva capito.

E pensare che l’Università incentiva questo cattivo comportamento pagando (e non poco) i professori che perseverano in questo cattivo comportamento.

Come dicevo però, abbiamo un professore che spinge affinché gli studenti si abituino a ragionare da soli. Questi, infatti, ritiene controproducente farsi trovare in ufficio quando l’orario indica la sua presenza. Se proprio volete un ricevimento presso questo professore dovete mandargli una e-mail e accordarvi per vedervi a quattr’occhi.

E se il dubbio vi è venuto durante lo studio e non prima e senza un chiarimento vi è difficile continuare a studiare? Beh, o vi arrangiate, o la prossima volta vi fate venire i dubbi prima di aprire il libro! Altrimenti potete sperare che ci sia un altro professore che copra le spalle a quello assente e che sia così gentile da spiegarvi i dubbi che avete in una materia diversa da quella che insegna.

Intanto io ringrazio l’Uomo di Pietra per impiegare a favore degli studenti il suo acume!

Link all'articolo originale: http://danielcolm.blogspot.com/2008/12/s-ma-prima-mi-mandi-una-mail.html

Post navigation