San Felice, in memoria di un bel terreno

Qualche giorno fa, in una delle mie saltuarie corsette serali stavo come al solito percorrendo la ciclabile di San Felice; all’altezza del cimitero mi sono fermato ad ammirare la bellezza del terreno di fronte, con le spighe in piena vegetazione: una meraviglia, non ho potuto non scattare qualche immagine …

… anzi, già che c’ero ho realizzato due suggestive panoramiche da diverse prospettive:

Clicca per ingrandire

Clicca per ingrandire

Purtroppo questo suggestivo terreno è stato individuato dall’Amministrazione comunale di San Felice, presieduta dal Sindaco Paolo Rosa, come luogo dove far sorgere un centro sportivo, con campetti da calcio e una notevole colata di cemento per servizi accessori.

Io non sono d’accordo con questa decisione per vari motivi:

  • Morale: i luoghi intorno ad un cimitero dovrebbero essere il più possibile oasi di pace, silenzio e bellezza, tali da garantire ai parenti dei defunti la giusta intimità, il rispetto del loro dolore e un che li aiuti ad alleviare e conciliarsi con la sofferenza nella commemorazione dei propri cari.
    Purtroppo questo terreno si trova a poche decine di metri dal cimitero; posso solo immaginare lo sgradevole contrasto che si creerebbe con le urla festanti dei tifosi dopo un goal, mentre a pochi metri persone piangono i propri cari defunti.
  • Tutela del territorio: La bellezza del territorio è patrimonio di tutti e un enorme valore da tutelare, prima di tutto per il piacere e benessere che dona a tutti i cittadini, ma anche per il turismo che è l’attività economica primaria del nostro paese e per cui la bellezza del territorio è prioritaria fonte di attrattività.
  • Urbanistico: dovremmo imparare dai virtuosi esempi europei che è fondamentale la tutela dei consolidati urbani, in modo da mantenere  la struttura dei borghi compatta e identificabile. Il terreno invece si trova al di fuori dei centri urbani, in una posizione intermedia tra i borghi di San Felice e Portese e quindi tale centro sportivo contribuirebbe alla ulteriore frantumazione della struttura urbanistica del nostro comune e alla saldatura dei centri.
  • Socialità: A San Felice in paese esiste già un campo da calcio, così come uno a Portese. Certamente sarebbero da riqualificare, ma io ritengo importante mantenere i servizi all’interno dei centri urbani, in modo da tenerli vivi. Io immagino i ragazzi che dopo una partitella tornando a casa a piedi o in bicicletta, magari passano al bar a prendersi un gelato o un panino e si fermano in piazza un po’ a chiacchierare insieme.
    Il terreno invece si trova al di fuori dei centri urbani, in una posizione intermedia e quindi tutta l’attività si sposterebbe fuori dai borghi, già ora non molto vissuti.

Avrei alcune altre riflessioni, non ultime l’entità economica, un’analisi della reale necessità di tale infrastruttura e dei meccanismi burocratici con cui tale terreno è entrato in possesso dell’Amministrazione, ma non vorrei annoiare.

Intanto con il nuovo Piano di Governo del Territorio (PGT) il vecchio campo sportivo di San Felice è stato aimè già reso edificabile.

Ma cosa direbbero i nostri figli? Forse questo …

Grazie a DUDE per avermi concesso di fare questo collage del loro bellissimo video.

Se avete voglia di diffondere questa notizia, scaricate, distribuite, pubblicate, inviate liberamente le immagini sopra (se cliccate le trovate anche in dimensione originale), vi autorizzo a farne ciò che volete e nel modo che volete, senza citare alcuna fonte, se il fine è quello di parlare di questa situazione, l’importante è che più persone possibili vengano a conoscenza del destino di questo terreno.

EHI DICO A TE CHE FAI FINTA DI NIENTE!

Grazie …

Lascia un commento