Rafting sull’Isonzo (Soča)

Oggi siamo andati a fare rafting sull’Isonzo. Prima volta che ci sono andato, ma spero non ultima. Quella del rafting era una delle varie attività del weekend organizzate dalla Summer School di Lubiana.Per raggiungere la Top Extreme che ci ha dato barche, attrazzatura e guide ci abbiamo impiegato circa tre ore da Lubiana in pullman. Se si andava in macchina ci si sarebbe impiegato meno di due ore. Credo che avessimo il problema che il nostro pullman, per un motivo o per l’altro non poteva prendere l’autostrada. E quelle tre ore di pullman non è che dici che dormi e ti sembra che siano volate: a forza di tornanti e curve non sapevi dove appoggiare la testa, quindi solo i più esausti al ritorno si sono magistralmente riusciti ad abbioccare.A parte però il viaggio lungo e comunque sempre in un bellissimo panorama prealpino da esplorare in bici, la giornata è stata splendida. In barba alla temperatura sui 35 gradi, noi sguazzavamo nell’acqua che non ne aveva più di 15. Solo al ritorno uno dei nostri tutor mi ha detto che quello in cui abbiamo fatto il bagno, oltre che rafting, è il fiume più pulito d’Europa (fino a che non raggiunge Nova Gorica). E infatti, ci dicevano che potevamo anche bere dall’acqua (… senza che ci venisse il cagotto, perché tecnicamente, se c’hai il coraggio, puoi bere pure l’acqua del Pò).Noi abbiamo pagato € 35 includendo il viaggio, ma probabilmente ci hanno fatto qualche sconto in quanto eravamo 66 persone. In ogni caso se siete in zona, vi consiglio di provare. Noi ci siamo divertiti un casino. Eravamo una decina di gommoni. Appena uno si avvicinava all’altro diventava una guerra di spadellate d’acqua con i remi, sempre che non fosse il nostro timoniere (la guida, o chiamatela come volete) a far ribaltare la barca. Poi a un certo punto ci siamo fermati su due scoglioni 🙂 enormi da cui potevamo fare tutti i tuffi che volevamo.Forse ancora più figo è il kayak perché ti godi di più le rapide e sei tu da solo che le affronti. Comunque qualunque cosa vogliate fare in questa zona Top Extreme la offre (sembra una pubblicità, ma in realtà non mi danno niente per questo post). Credo che parlino anche italiano. Almeno uno dei tipi. Non è poi tanto lontano dall’Italia. Il posto è qui.[Quelli nella foto non siamo noi, ma non eravamo poi tanto diversi. L’immagine l’ho presa dal sito della Top Extreme]

Link all'articolo originale: http://feedproxy.google.com/~r/blogspot/SCne/~3/AKyzbLBjPL8/rafting-sullisonzo-soca.html

Lascia un commento