push tack by fabio calò

pushtack.jpg

Fonte : WINDNEWS (www.windnews.it

Si inizia andando al traverso con una discreta velocità, se siete in piena planata e troppo veloci allora aprite leggermente la vela per rallentare.
Iniziate la manovra come se doveste fare una normale strambata, quindi togliete il piede posteriore dalla straps e premete sul bordo sottovento per far girare la tavola.Una volta che avete raggiunto l’andatura di gran lasco, quasi poppa, allora
dovete contemporaneamente sfilare il piede anteriore dalla strap e posizionarlo appena dietro, mentre il piede posteriore dovete portarlo davanti al piede d’albero iniziando a spingere la bugna verso il vento, da cui nasce il nome di push tack.

 


Ora dovete rimanere in questa posizione con il passo dei piedi bello largo continuando a spingere la bugna nel vento e premendo con il nuovo piede posteriore sulla poppa per far orzare la tavola. Ovviamente per non essere catapultati all’indietro dovete sbilanciarvi molto sopra la vela all’interno della curva, ricordatevi che ora avete la vela controvento.

Continuando a premere sulla poppa e spingendo la bugna arriverete con la prua esattamente nella direzione da cui soffia il vento e, a questo punto, dovete ancora spingerla leggermente fino a quando la vela non prende vento sulle nuove mura. Non vi resta ora che appoggiarvi sul boma in quanto la vela prende il vento dalla parte giusta, facendo ancora una piccola pressione sulla poppa, giusto per direzionare la tavola al traverso, poi strambate la vela… e pronti per altre moves!

http://www.windnews.it/wp-content/uploads/2007/10/push-tack.pdf

 

Link all'articolo originale: http://imxfetto.myblog.it/archive/2011/01/03/push-tack-by-fabio-calo.html

Lascia un commento