Premessa

baby-nuoto.jpgNonostante il nuoto non rientri tra le discipline “interessanti” sotto un profilo “informativo” (mai nessuno che io sappia ha pensato di pubblicare un magazine o un portale quotidianamente aggiornato e ricco di novità), pubblico oggi il primo post di una nuova categoria “” dedicata proprio a questo mondo.  L’idea non è quella di inserire schede di allenamento, tecniche di bracciata, stili o quant’altro, ma riportare l’esperienza e il materiale didattico che abbiamo utilizzato negli ultimi mesi per inserire i nostri bimbi in questo mondo.

L’obiezione già sollevata è stata “Perché non li iscrivete ad un corso di nuoto? “. Già fatto, e l’esperienza non è stata proprio positiva, tanto che dopo 3 lezioni con il bambino abbracciato all’istruttrice (presa ad insegnare – giustamente- ad altri 7 ragazzini), mega raffreddore con febbre a seguito e rifiuto categorico di approcciare nuovamente l’acqua con altre persone, abbiamo deciso di intraprendere la via del “fai da te”.

Sbagliata o meno, al momento sta regalando parecchie soddisfazioni ad entrambi…. in fondo se a 3-4 anni non prendono il nuoto come gioco, con che approccio lo devono affrontare?!??!?! Non deve ricoprire il ruolo del nuotatore provetto ma favorire i movimenti in un ambiente nuovo favorendo lo sviluppo psico-motorio.

Premesso quindi che il nuoto rappresenta in questo momento un’attività ludica, è possibile suddividere il percorso in 5 macro fasi :

          Superare la paura dell’acqua

          Gestire gli stati stati d’animo (ansia, agitazione….)

          Imparare a galleggiare giocando e stimolando il bambino con attività ludiche.

          Approcciare i primi schemi motori ed i movimenti elementari

          Perfezionare il tutto

 

…e i benefici???

          Potenziamento dello sviluppo motorio

          Miglioramento della concentrazione e attenzione/valutazione del pericolo

          Miglioramento del controllo muscolare delle gambe

          Aiuto all’attività cardio circolatoria e all’apparato respiratorio

          … e perché no… notti più tranquille!

 

Una cosa che molti non sanno è che i bimbi -soprattutto i più piccoli- riescono a trattenere autonomamente il respiro quando sono sott’acqua grazie ad un riflesso istintivo sviluppato in gravidanza. -> Non ossessionarsi quindi per la paura di vederlo annegare!

Altra regola d’oro è essere pazienti, e non aspettarsi che in poco tempo riesca a diventare un nuotatore provetto! Fino ai 3 anni i bambini non sono in grado a livello psico motorio di effettuare i “movimenti di stile” ma solo movimenti che permettano di galleggiare e ricoprire piccole distanze in vasca.

 

Link all'articolo originale: http://imxfetto.myblog.it/archive/2011/09/05/premessa.html

Lascia un commento