Portese: il porto sarà a misura di disabili in carrozzella

Il porto di Portese sarà tra i primi in Lombardia a permettere anche ai disabili in carrozzella di accedere al lago e fare il bagno, al cimitero è in arrivo un ampliamento ed è caccia ai finanziamenti per il via ai lavori al campo sportivo di Portese: davvero tante novità presentate all’assemblea pubblica voluta dall’amministrazione comunale per fare il punto a sei mesi dalle elezioni. Settore per settore, assessori e sindaco, Simone Zuin, hanno spiegato lo stato dell’arte al loro insediamento, cosa sia stato fatto dalle consultazioni a oggi e cosa di farà nel prossimo futuro: occasione per i cittadini, molto partecipata, di comprendere il funzionamento della macchina amministrativa.  Opere, turismo e cultura, organizzazione interna: molti i fronti passati in esame.

Il porto. E tra i progetti senza dubbio più interessanti c’è quello che a breve riguarderà il porto di Portese, per il quale è prevista una riqualificazione in collaborazione con l’Autorità di Bacino: sarà realizzato uno scivolo di accesso al lago che permetterà anche ai disabili in carrozzina di potersi bagnare. San Felice sarà tra i primi in Lombardia a dotarsi di una struttura del genere. Per quanto riguarda invece il cimitero, per il 2020 si renderà necessario ampliare i posti salma e già si sta pensando ad attuare il primo lotto. Altri interventi riguarderanno il problema delle «bombe d’acqua»: si sta redigendo un piano di interventi per le tre aree che risultano maggiormente colpite, ossia località Paradiso, via Benaco e via Boschette.

Piano attuativo. L’amministrazione comunale ha anche annunciato di voler rivedere la convenzione urbanistica sottoscritta dalla precedente per il Piano Attuativo Agrifoglio, modificando in primo luogo le opere compensative previste: niente centro anziani alle Paludi, niente belvedere in via Martiri, ma ristrutturazione del centro di via Garibaldi e opere di arredo urbano.  E nell’ambito del «riordino del bilancio, in sovradimensionamento di opere non previste chiaramente non finanziabili», come i 700 mila euro per l’adeguamento sismico della scuola primaria, qualcosa di quanto inserito la nuova amministrazione intende salvare: su tutti, il campo sportivo di Portese, per cui era previsto un investimento di 2,5 milioni di euro. Non sarà eliminato, ma si procederà a stralci. In tema bilancio, si sta anche procedendo con il recupero dell’evasione, che ammonta a un milione di euro: l’approccio, per ora, è bonario e ha consentito di recuperare 15 mila euro. L’amministrazione pensa anche alla valorizzazione del territorio: tra le diverse iniziative, da segnalare l’avvio quest’estate della rassegna Jazz in San Felice, ma pure l’intento dell’assessorato ad Agricoltura e Stili di vita di creare un evento dedicato all’olio di oliva, Oleum, da realizzarsi a giugno. A S. Felice, inoltre, arriveranno le Denominazioni Comunali: primo prodotto che sarà iscritto nel registro delle De.Co. sarà il «luccio alla portesina», messo in risalto con una manifestazione dedicata. Infine gli uffici comunali con un piano per sopperire le carenze di personale.

Link all'articolo originale: https://www.giornaledibrescia.it/garda/portese-il-porto-sar%C3%A0-a-misura-di-disabili-in-carrozzella-1.3426903

Lascia un commento