Polpenazze, l’unico rivale di Maria Rosa Avanzini è l’astensione

Maria Rosa Avanzini non ha altro da temere se non l’astensione dei suoi concittadini: nessun’altra lista eccetto la sua, «Impegno per Polpenazze», correrà alle elezioni di ottobre. Nel 2016 le liste a Polpenazze furono addirittura tre e il sindaco Andrea Dal Prete, che all’epoca terminava il suo primo mandato, ne uscì con percentuali bulgare: raccolse oltre il 70% delle preferenze. Tutto un altro film questa volta.

Drasticamente ridotti gli «attori protagonisti», Avanzini e la squadra non dovranno far altro che convincere i loro compaesani a recarsi alle urne. L’unica candidata alla carica di sindaco di Polpenazze è in Amministrazione da dieci anni: prima come assessore (primo mandato Dal Prete), poi anche come vicesindaco. Che Andrea Dal Prete dopo dieci anni non si sarebbe questa volta ricandidato era cosa nota. E altrettanto noto, anche se mai confermato formalmente, era che il suo successore sarebbe stata proprio la Avanzini: in piena continuità con i dieci anni che stanno terminando.

E in piena continuità è anche la rosa dei candidati consiglieri: ci sono praticamente tutti i nomi noti dell’ultimo decennio. Di fatto manca solo Dal Prete. Presenti Luca Benedetti e Massimo Corazza, ai quali è già deciso andranno le cariche assessorili. Per Benedetti, che nel 2016 raccolse da solo la bellezza di 152 preferenze (più di tutti i voti raccolti da una delle altre liste in ), è previsto anche l’incarico di vicesindaco. Ma presenti anche gli «storici» Federico Riboni, Ivan Mazzacani e Alessandro Saottini. Quanto alle new entry, invece, questa volta sono quattro: Luca Capuccini, Massimo Avanzini, Giovanni Marchetti e Vanda Tironi.

 

Link all'articolo originale: https://www.giornaledibrescia.it/elezioni/amministrative-2021/polpenazze-l-unico-rivale-di-maria-rosa-avanzini-%C3%A8-l-astensione-1.3616996

Lascia un commento