Piuisnì

Piuisnì

Sota na pianta
lé’n banda àl stradù,
no pasa nisù.
Del gran gris del ciel
che l’à pirdit i culùr
en piuisnì lezér,
ignit isé’n sa,
adess el fa na sunada:
quasi’n sussür,
‘n del tocà sul na foja:
sota la pianta
lé’n banda àl stradù.
La bagna la gossa,
la bagna la fòja,
la suna la gossa,
la suna na òja:
na òja de nà
‘n del piöèr del sintiment,
a fermal dèn rügament
sota na pianta,
sotàn gris de ciel
sota n’acqua che cor
che postàl sunà sö la foja,
sö’n moment de netà
en banda àn stradù
en do pasa nisü.

Piovigginio

Sotto una pianta
lì in fianco allo stradone
non passa nessuno.
Dal gran grigio del cielo
che ha perso i colori
un piovigginio leggero
venuto in qua
adesso fa una suonata
quasi un sussurro,
nel toccare solo una foglia
sotto la pianta
li in fianco alla stradone.
Bagna la goccia,
bagna la foglia
suona la goccia,
suona una voglia
una voglia di andare
nel piovere del sentimento
a fermarlo da un turbamento
sotto una pianta,
sotto il grigio del cielo
sotto un’acqua che corre
che appoggia il suonare sulla foglia,
su un momento da pulire
in fianco a uno stradone
dove non passa nessuno.

Premio Scaramella (II° ex aequo) – premio Mirka Bertolaso Nanin maggio 2009

Prima pubblicazione il: 3 May 2020 @ 13:00

Link all'articolo originale: http://www.gardanotizie.it/piuisni/

Lascia un commento