Piatto forte

Riso1Piero ha documentato la preparazione del Milchreis, il Riso e Latte alla tirolese, il piatto che ci prepariamo noi "maschi" Tagliapietra quando siamo soli a casa.

E' un piatto bello tosto e ipercalorico che appaga come pochi altri dopo una giornata nella neve ma che va bene anche in pianura: basta avere voglia di qualcosa di particolare.

 

 

Riso2PREPARAZIONE

(dosi per 4 persone ma noi in 3 non facciamo complimenti)

Versare un litro di latte (meglio se intero) e 4 bicchieri di riso da risotto un una pentola, aggiungere sale e lasciare cuocere mescolando di tanto in tanto fino a che il riso ha assorbito tutto il latte.

Quando diventa denso è facile che attacchi al fondo della pentola per cui fare attenzione  e mescolare più frequentemente.

La consistenza deve essere quella di un "pastone per le galline" e se dopo aver assorbito tutto il latte il riso risultasse ancora duro, si può aggiungere dell'acqua per ultimare la cottura.

Ora la sequenza più "delicata" perchè va svolta velocemente per evitare che il riso si raffreddi.

In un tegame mettere a sciogliere un etto di burro fino a che diventa scuro.

Mentre il burro è sul fuoco suddividere il riso nei quattro piatti e aggiungere a ciascun piatto un cucchiaio da cucina di zucchero bianco e mescolare in modo da distribuirlo bene all'interno.

Riso3Cospargere la superficie di cacao amaro (quasi un cucchiaio per piatto) e una spolverata di cannella, cospargere ancora zucchero bianco sulla superficie e quindi versare il burro fuso che dovrà sfrigolare caramellando qui e là il cacao e lo zucchero.

E' importante che il piatto non si raffreddi per cui i commensali devono essere pronti a tavola e si mangia bevendo latte freddo (o forse del vino vino bianco ma non l'acqua).

Non serve fare secondi piatti, contorni o altro: una dose sazia per le tre ore successive.

P.S. Marina ci guarda scuotendo la testa e lo ritiene un'aberrazione culinaria ma a noi piace così.

 

Link all'articolo originale: http://blog.gigitaly.it/2011/12/piatto-forte.html

Lascia un commento