Perchè li scelgono così?

Ieri sera c'è stato il secondo "confronto a due" tra i candidati sindaci al ballottaggio e parlando con chi c'era mi diceva delle difficoltà del candidato della lista civica di destra a parlare in pubblico, ad argomentare, a mettere in fila il ragionamento.

Anche per il precedente sindaco Anelli, la cosa non era diversa, anche se era un Demostene al confronto di questo e di certo più affabile.

Come mai questa scelta? Come mai trovare un candidato indubbiamente "per bene" (almeno quello!) ma così impacciato nel parlare in pubblico, dote che comunque un futuro Sindaco deve avere e soprattutto così a disagio con la sintassi della cultura? (imbarazzante la sua risposta nel confronto precedente a proposito di visione culturale della città "Faremo i meeting delle auto, delle Porshe e delle Ferrari…")

Luca Sofri nel suo "Un grande paese" offre una risposta che sembra applicabile anche a Desenznao: se lo scegli troppo bravo, intelligente, istruito, in poche parole "meglio dei te", diventa pericoloso perchè non lo puoi controllare, magari ti frega e non te ne accorgi, come apparivano agli occhi dei popolani una volta le persone di cultura con il loro "latinorum".

Un sindaco così non farebbe certo i cartelli in dialetto e le feste della birra offerta anche ai minorenni, né le suffragette sculettanti e i gemellaggi per fare le scampagnate: troppo pericoloso, è capace che anzichè la sagra delle aole ti organizza un festival di letteratura.

Una volta chiesi ad un amico americano perchè fossero stati così inflessibili con Clinton per il "servizietto" che si era fatto fare e lui mi rispose "noi ci illudiamo che il Presidente sia meglio di noi, non abbia i nostri difetti, sia il simbolo di chi vorremmo essere, vogliamo avere il meglio alla nostra guida…"

Da noi pare l'opposto, preferiamo il compagno di merende, quello a cui puoi chiedere un piacere, perchè un piacere ai comuni amici non si rifiuta, anche se è una licenza edilizia.

E se poi il sindaco fosse una donna? E chi le capisce le donne?

 

Lascia un commento