Partita da Lazise la 52a edizione del Palio delle Bisse “Bandiera del Lago 2019”

E’ tornata in acqua sabato sera a Lazise la champions del remo della Lega Bisse del Garda: proprio nel paese dove nell’ormai lontano 1967, grazie ad una iniziativa del presidente dell’azienda di soggiorno e turismo Gaetano Rossetti, venne commissionata ad un artigiano locale una bissa, la “Lacisium”. Da quell’idea prese slancio a Gargnano, al termine di una riunione con i locali Andrea Castellani e Gianni Badinelli ed Evaristo Magagnotti, presidente dell’ente provinciale del turismo di Verona, la tradizione remiera della voga alla veneta accantonata nei decenni precedenti.

L’ouverture della 52^ edizione della Bandiera del Lago si è disputata in condizioni meteo ottimali tra le boe del campo di gara (353 metri da percorrere 4 volte per tre giri di boa) allestito nello specchio d’acqua antistante il lungolago Marconi, come da tradizione gremito di folla.

Ad aprire le danze è stata la batteria riservata agli equipaggi femminili in lotta per il trofeo “Coppa del lago”. Le ragazze di Preonda di Bardolino detentrici del trofeo, Stefani Castillo De Almonte, Monica Peretti, Irene Zucchetti e Alexandra Jais hanno dettato legge dal primo giro di boa imponendosi con il tempo di 7’68”65 sulle rivali di Torricella di Cassone giunte al traguardo con il tempo di 8’20”91 e Regina Adelaide di Garda con il tempo di 8’39”27.

Nella batteria “C” dell’armo maschile (da regolamento la composizione delle tre batterie nella gara d’apertura è effettuato tramite sorteggio), l’equipaggio Arilica di Peschiera composto da Alan Di Caprio, Marco Dolza, Raffaele Barbieri e Stefano Mazzurega regola con il tempo di 6’35”66 l’equipaggio gargnanese di Villanella giunto sul traguardo con il tempo di 6’46”29. Terzo posto per la bissa San Filippo di Torri del Benaco che completa il tracciato in 6’51”82. Chiude Iole di Monte Isola con il tempo di 7’16”09.

Combattutissima la batteria “B”. Al termine di una incertissima manche caratterizzata da passaggi boa alla pari, i campioni in carica di Clusanina Stefano Bracchi, Luca Bettoni, Cesare Bosio e Gianluca Cancelli innestano il turbo sul rettilineo finale precedendo con il miglior tempo di serata 6’34”14 gli ambiziosi rivali di Peschiera (6’37”90) e Berengario di Torri (6’41”80). Quarto posto per Sebina di Clusane con 7’23”09 e quindi Betty di Cassone con il tempo di 7’31”01.

Nella batteria “A” vittoria della bissa di Garda. Mauro Battistoli, Fabio Brunelli, Luigi Girelli e il re del remo Alberto Malfer (vincitore di ben 14 titoli in carriera) mettono la prua davanti a tutti con il tempo finale di 6’46”53 precedendo al temine di una lotta fratricida la seconda imbarcazione di Garda, San Vili (per loro 6’54”23 al traguardo) e gli iseani di Paratico con 6’59”61. Chiudono Gardonese con 7’09”33 e la terza bissa di Garda, La Sengia, con 7’17”49.

A chiusura delle regate si sono svolte le premiazioni degli equipaggi partecipanti alla presenza di Luca Sebastiano, Sindaco di Lazise ed ex rematore della Lega Bisse del Garda, magistralmente dirette dall’assessore allo sport e manifestazioni del Comune di Lazise, Elena Buio.

Per effetto di questi piazzamenti, la composizione delle tre batterie maschili nella seconda tappa del campionato sarà la seguente:

Batteria A – Clusanina, Arilica, Garda, Peschiera, Villanella.

Batteria B – San Vili, Berengario, San Filippo, Paratico, Gardonese

Batteria C – Iole, Sebina, La Sengia, Betty.

Quella di Lazise è stata la prima di nove emozionanti tappe che assegneranno il Palio della Bandiera del lago. Detentore del trofeo è l’equipaggio iseano di Clusanina, in un albo d’oro guidato dalla società di Garda con 13 Bandiere, seguita a breve distanza da Torri con 12 e Clusane con 10. Seguono più distanziate Peschiera con 5, Gardone Riviera con 4, Gargnano con 3, Bardolino 2, Lazise e San Vigilio con 1 bandiera ciascuna.

Prossimo appuntamento sabato prossimo, 22 giugno, a Peschiera del Garda.


 

Link all'articolo originale: http://www.gardanotizie.it/partita-da-lazise-la-52a-edizione-del-palio-delle-bisse-bandiera-del-lago-2019/

Lascia un commento