Oceani sempre più acidi, addio coralli e conchiglie…

Si è svolto ad Okinawa, dal 17 al 19 Gennaio 2011, il Workshop sull’acidificazione delle acque organizzato dall’ IPCC (Intergovernmental Panel on Climate Change) del cui gruppo di scienziati fa parte anche l’italiano Riccardo Valentini. In attesa che venga prodotto il quinto rapporto IPCC sui cambiamenti climatici, emerge chiaramente una progressiva e costante acidificazione degli oceani che oggi assorbono circa 1/3 delle emissioni di  CO2 del pianeta.  Si tratta di un problema grave, strettamente connesso ai cambiamenti climatici in atto, che potrebbe avere pesantissimi impatti su tutti gli ecosistemi marini: l’abbattimento del ph dell’acqua dovuto all’acidificazione ha infatti effetti sulla fotosintesi e sui processi di assorbimento, sviluppo e riproduzione. Serissimi i prevedibili effetti sui gusci dei molluschi e sullo scheletro dei coralli:  il sistema di assorbimento dell’anidride carbonica, chiamato ciclo dei carbonati, è infatti essenziale per la creazione degli ioni bicarbonato che sono i mattoni di base per la costruzione di gusci e scheletri. Non è nota la capacità di adattamento dei diversi organismi ma di certo ci saranno vincitori e vinti e la vita negli oceani è destinata a cambiare.

Link all'articolo originale: http://www.aolamagna.it/2011/02/oceani-sempre-piu-acidi-addio-coralli-e-conchiglie/

Lascia un commento