Nuova stagione per l’Università Popolare a Lazise

Si apre la nuova stagione di studio e conferenze della Popolare di Istruzione e Formazione con il primo appuntamento alla lunedì 1 ottobre alle 20.30. L’apertura dell’anno accademico ha un approccio scherzoso ed ilare con Wainer Mazza e Roberto Guaiumi con una pièce umoristica intitolata “Dal Po al Garda: Canzoni e sberleffi”.

“Anche quest’anno siamo riusciti a mettere in programma 27 appuntamenti culturalmente di spessore – spiega Arturo Parolini, coordinatore di UPIF – che daranno sicuramente lustro all’università popolare e che sono un richiamo per tutti. Devo ringraziare per il sostegno l’amministrazione comunale e per la costruttiva collaborazione l’Associazione culturale Francesco Fontana nella scelta dei relatori e dei che verranno trattati.”

Due gli appuntamenti “invernali” legati al tema della salute, in particolare alla cardiologia, gestiti dal dottore Gaetano Zavateri in collaborazione con AIDO e con l’Associazione Anziani di Lazise.

Ancora in Dogana Venata, il 23 ottobre prossimo, la presenza della professoressa Paola Marini, storica dell’arte e dirigente delle Gallerie dell’Accademia di Venezia che presenterà un escursus sulle tracce del giovane pittore Tintoretto.

Il programma poi si snoda intorno alla storia della Repubblica Romana, del materialismo storico, le religioni, il cinema, internet fino alla storia degli inni nazionali. Chiude il calendario degli incontri, il 12 aprile 2019, sempre presso la Dogana veneta il giornalista de L’Espresso, laciseinse doc, Paolo Biondani con: la crisi della carta stampata: notizie vere e notizie false.

Tutte le lezioni, eccetto le calendarizzate alla Dogana Veneta, si svolgono nei pomeriggi di martedì, alle 17,00 presso la sala delle associazioni in viale Roma 3 o a Pacengo presso il Centro Polifunzionale di via Croce Papale 2.

La quota di iscrizione all’Università Popolare di istruzione e Formazione è di 20 euro.

Link all'articolo originale: http://www.gardanotizie.it/58752-2/

Lascia un commento