Nasce il nuovo bosco urbano di Lonato del Garda: Rete Clima avvia un nuovo intervento di forestazione urbana nell’ambito del progetto Foresta Bresciana

A Lonato, in un’area di oltre 2500 mq in via Campagna di Sopra, verrà realizzato a partire da Mercoledì 4 Maggio 2022, in collaborazione con l’Amministrazione Comunale, Rete Clima e E.ON, l’intervento per la creazione del nuovo bosco urbano.

L’evento

La forestazione di Lonato promossa da Rete Clima, nell’ambito del progetto locale “Forestazione Bresciana” e del più ampio progetto “Foresta Italia”, coinvolgerà i 45 alunni delle classi 3A e 3B dell’istituto Comprensivo Ugo da Como, creando così l’opportunità didattica di parlare del cambiamento climatico e di conoscere attività e stili di vita più sostenibili.

L’evento, con l’accoglienza e l’introduzione curata da Rete Clima, a visto la presenza di numerosi amministratori lonatesi fra i quali l’Assessore all’Ecologia e Ambiente, Christian Simonetti.

Prima di dare il via alle operazioni, si è svolta la premiazione dei 3 vincitori del secondo concorso fotografico promosso dal Comune di Lonato in occasione della 52esima Giornata mondiale della Terra: “La natura si riprende la città”. Con il taglio del nastro è stato dato il via definitivo all’inizio delle attività di riforestazione.

Il progetto

L’impianto boschivo verrà realizzato secondo la struttura di querco-carpineto, che corrisponde alla vegetazione naturale planiziale e delle prime colline al di sopra della Pianura Padana. Nell’area individuata dall’Amministrazione Comunale di Lonato, verranno piantate circa 600 piante, tra alberi ed arbusti, di provenienza autoctona e coltivate nei vivai locali. L’intervento, sostenuto da E.ON, prevede la messa a dimora di esemplari di 2 anni, come suggerito dalle più moderne pratiche forestali.

“Le attività di Lonato — afferma Paolo Viganò, Presidente di Rete Clima -, nascono grazie dalla volontà di E.ON di contribuire, con azioni concrete ed efficaci, alla tutela ambientale, nell’ambito dei progetti di Rete Clima. Per noi è fondamentale coinvolgere attivamente aziende, cittadini e scuole: piantare un albero è un’occasione straordinaria per parlare di cambiamenti climatici e di cosa può fare ognuno per contrastarli, attraverso attività e stili di vita più sostenibili”.

Anche il Sindaco di Lonato Roberto Tardani, si è espresso sulla stessa lunghezza d’onda: “Il Comune di Lonato del Garda è da tempo attento e sensibile alla creazione di infrastrutture verdi per preservare e valorizzare il territorio comunale. Per questo motivo, iniziative come questa sono importanti per diffondere la cultura ambientale e promuovere la partecipazione alla vita delle aree verdi. Ottimo anche il coinvolgimento delle scuole e dei bambini per insegnare loro principi quali il rispetto e la cura dell’ambiente”. “La nostra Scuola da anni si occupa di sensibilizzare gli alunni al rispetto della natura partecipando ai progetti che ci vengono proposti da aziende ed enti locali. Fra le nostre iniziative abbiamo la Festa dell’Albero, il progetto “Comincio da me” in collaborazione con Garda Uno, la realizzazione dell’Ecocalendario con i disegni prodotti dagli alunni delle classi seconde dell’IC. Ugo Da Como sul tema “Il Parco Che Vorrei”. L’obiettivo principale è quello di sensibilizzare le giovani generazioni e le loro famiglie ad uno stile di vita più sano e rispettoso dell’ambiente”. “Qui a Lonato abbiamo un patrimonio arboreo importante. Negli anni passati abbiamo censito circa 3200 unità arboree e circa 4km di siepi, per non contare gli esemplari di piante monumentali di viale Roma, di Piazza Matteotti e di Lonato 2. Negli anni abbiamo cercato di sensibilizzare sia i bambini nelle scuole, sia la popolazione in generale attraverso tutti i progetti promossi dall’Ufficio Ecologia, come i progetti didattici con gli orti, i concorsi fotografici e progetti extra scolastici per far conoscere ai bambini le piante, i frutti, gli animali con diverse escursioni sul territorio”.

“Per noi la riforestazione urbana è stata una bella opportunità, ringraziamo Rete Clima per questo e siamo sicuramente pronti per altri interventi sul territorio” aggiunge l’Assessore Simonetti. Una volta raggiunta la maturità, questi esemplari saranno capaci di neutralizzare una quantità di CO2 pari a quella prodotta da circa 1.186.440 di km percorsi in macchina, 2.957.746 ore di navigazione web o 61.764.705 fogli di carta.

Foresta bresciana

Lo scopo del progetto Foresta Bresciana è quello di creare nuovi boschi urbani ed extraurbani: si tratta di “boschi diffusi”, che si sviluppano in tutta la provincia di Brescia. Il progetto prevede la naturalizzazione di aree urbane attraverso la realizzazione di foreste protettive gestite come carbon sink, con finalità di generazione di servizi ecosistemici sul territorio e di assorbimento e stoccaggio biologico della CO2 atmosferica. Gli interventi forestali del progetto vengono realizzati garantendo tracciabilità, concretezza ed efficacia: ad un livello tecnico-progettuale molto elevato si unisce infatti un’azione partecipata, pratica, concreta, che permette la partecipazione diretta alle attività da parte dei dipendenti e degli stakeholder delle aziende che sostengono gli interventi. Viene coinvolta anche la comunità locale attraverso le scuole: la forestazione diventa uno strumento per stimolare la comunicazione ambientale promuovendo il contrasto al cambiamento climatico con il coinvolgimento del territorio.

Foresta Italia

La campagna Foresta Italia sviluppa attività di forestazione attraverso il coinvolgimento di filiere e vivai locali che rispettano le normative fitosanitario e forniscono alberi autoctoni e di qualità, coltivati secondo le migliori tecniche agronomiche e certificati dal Passaporto fitosanitario che ne garantisce il controllo della salute e della tracciabilità. Le attività di Foresta Italia favoriscono il miglioramento della qualità del territorio grazie alla tutela del microclima e contrastano il cambiamento climatico globale attraverso l’assorbimento della CO2, la riduzione dell’inquinamento atmosferico, e l’incremento e mantenimento della biodiversità.

E.ON è un Gruppo energetico internazionale a capitale privato, con circa 78.000 dipendenti nel mondo e con sede principale a Essen, in Germania. Con il chiaro obiettivo di diventare un partner energetico per i clienti, E.ON, anche in Italia, si posiziona tra gli operatori leader nel mercato dell’energia, del gas e delle soluzioni, con oltre 900.000 clienti tra residenziali, imprese e pubbliche amministrazioni in tutto il Paese. www.eonenergia.com Rete Clima è un Ente non profit, che promuove azioni di Corporate Responsibility (CSR), di sostenibilità e di decarbonizzazione. La Rete accompagna le Aziende nello sviluppo di concreti progetti di economia circolare, di CSR, di forestazione nazionale, di sostenibilità, di comunicazione e di rendicontazione ambientale e sociale, di GPP e appalti verdi, di decarbonizzazione e di contrasto al cambiamento climatico (mediante carbon footprint, riduzione e compensazione di CO2). 

Link all'articolo originale: http://www.gardanotizie.it/nasce-il-nuovo-bosco-urbano-di-lonato-del-garda-rete-clima-avvia-un-nuovo-intervento-di-forestazione-urbana-nellambito-del-progetto-foresta-bresciana/

Lascia un commento