Ma se il Vaticano non unhates?

Relativamente alla questione del papa che pare stia sguinzagliando avvocati contro Benetton per la campagna pubblicitaria che lo ritrae in un bacio sulla bocca con l’imam Ahmed Tayeb (fontomontaggio) (qui il comunicato del Vaticano), trovo che forse non è proprio una grande decisione quella di passare per le vie legali. Ovviamente non conosco i retroscena e se ci sono stati contatti privati tra le due la Chiesa e l’impresa in questione, ma mi sembra una scelta che può essere criticata sotto un paio di punti di vista:
– i danni cagionati nei confronti del Vaticano, nella persona del papa, non sussistono. Non ha ridotto vendite perché non vende niente, non ha intaccato l’onore o altro perché la foto è un fake (forse Benetton dovrebbe aggiungere una scrittina ai suoi manifesti in cui mette in chiaro la cosa, ma mica solo per rispetto del Vaticano ma anche di tutti gli altri ritratti, come Obama & Co. Che poi magari già lo fa e io non lo so);
– la missione del Vaticano, come riferimento per i cattolici nel mondo non viene colpita, a parer mio. È un fotomontaggio e anche se fosse vera non dimostra nulla. Certo, se consideriamo la cosa nel quadro della generale contrarietà alla pratica dell’omosessualità (con tutte le sfumature e giustificazioni dialettiche del caso) Benetton forse ha riacceso qualche discussione sull’argomento, ma questo genere di argomenti è bene che venga affrontato alla luce del sole e che venga fatta chiarezza;
– l’offesa ai credenti, alla loro sensibilità… beh, io non sono certo offeso. Per cosa poi? Non penso che un bacio omosessuale sia offensivo di un bel niente. La foto è solo una di una serie di foto che ritrae i vari potenti del mondo, non è dunque un attacco alla Chiesa. Mi avrebbe dato molto più fastidio se si fosse usata unicamente la foto incriminata per la campagna pubblicitaria, ma visto che qui non si parla del papa e delle sue posizioni, ma si vuole dichiaratamente solo attirare l’attenzione, allora non mi colpisce;
– il messaggio poi della campagna, Unhate, mi pare quasi vento in poppa al messaggio cristiano di Carità, intesa come Amore. Unhate significa rimuovo l’odio. Cosa c’è di più cristiano?
– ultima e poi smetto, un attacco frontale non è un atteggiamento conflittuale contrario all’abusato “porgi l’altra guancia”? Ovvio che vada chiarito quando una cosa non va bene… Ma in questo non voglio entrare nel merito perché appunto non conosco i retroscena.

Link all'articolo originale: http://feedproxy.google.com/~r/blogspot/SCne/~3/R_HryuS3eIQ/ma-se-il-vaticano-non-unhates.html

Lascia un commento