«Le bombe d’acqua? Per prevederle si deve usare il radar»

Prevedere le bombe d’acqua con una precisione maggiore si può e non è nemmeno così complesso come può sembrare. «Basta – secondo il professor Gianfranco Bertazzi, direttore dell’Istituto di Geofisica e Biologia sperimentale del Garda – sfruttare il radar h24». Tutto qui. Perché, dunque, non lo si sta già facendo? «Perché servono tempo e denaro: il servizio h24 necessita di risorse».

Ma presto potrebbe diventare realtà una forma di collaborazione tra la Regione e l’Istituto di Geofisica per sfruttare in maniera adeguata il potente strumento.

Il professor Bertazzi analizza il fenomeno con la lucidità dello scienziato: «Ultimamente si parla sempre di anomalie meteorologiche, di stagioni che non esistono più. Non è vero niente: il tempo, la normalità del tempo così come la intendiamo è l’eccezione. La regola, invece, è il tempo pazzo. Chiaramente le avversità non si possono fermare, ma prevedere sì».

Tutti i dettagli sull’edizione del Giornale di Brescia in edicola oggi, martedì 20 novembre, scaricabile anche in formato digitale

Link all'articolo originale: https://www.giornaledibrescia.it/garda/le-bombe-d-acqua-per-prevederle-si-deve-usare-il-radar-1.3317841

Lascia un commento