La relazione del difensore civico Sirmionese 2011

“RELAZIONE DEL DIFENSORE CIVICO PER L’ANNO 2011

Signor Sindaco, Signori Consiglieri, Mi accingo conIa presente ad esporre l’attività svolta dalla Difesa Civica nel corso dell’anno 20 Il. Sono stati 83 i cittadini che hanno richiesto il mio intervento. Tra le questioni affrontate, nel corso dell’anno passato, sono da menzionare: le richieste di chiarimenti riguardo le sanzioni comminate per l’insufficiente od omesso pagamento di tribnti locali; il perdurare delle lamentele esposte dagli abitanti di Via Condominio, in relazione alla problematica convivenza con la esistente colonia felina, anche dopo il posizionamento in lo co di una struttura in legno con tetto, come da prescrizione del competente Dipmtimento di Prevenzione Veterinario, allo scopo di “migliorare le condizione di somministrazione del cibo, ed evitare la presenza di contenitori lasciati all’aria aperta”; le difficoltà segnalate per la viabilità in Via Mazzolari, anche per il camminamento in sicurezza dei pedoni, considerato il passaggio di autobus del servizio di linea della società concessionaria Apam e di alcuni autocarri; l’elevazione di contravvenzioni operate dagli agenti della Polizia Locale a carico di pubblici esercizi, per emissioni musicali eccessive durante l’estate 2011; la pronta risoluzione del problema verificatosi in Via Piemonte: rumori fastidiosi, soprattutto nelle ore notturne, provocati dal passaggio di automezzi sopra tombini in metallo. Considerata la crisi economica, nonostante il discreto benessere di cui gode il nostro territorio, una delle preoccupazioni più grandi è quella di trovare o mantenere un lavoro, soprattutto se pensiamo ai più giovani, gettando nello sCOliforto chi trovi grandi difficoltà nel raggiungere lo scopo. L’Amministrazione comunale deve essere sempre vicina ai suoi cittadini, ma nei momenti difficili deve esserlo ancora di più, offrendo un aiuto concreto, nello spirito di solidarietà nei confì’onti di persone in difficoltà; non potrà far mancare il suo sostegno materiale alle persone, alle famiglie più sfortunate, maggiormente colpite dall’attuale recessione economica. E’ proprio in questa situazione che diventa importante l’attuazione di un giusto ed efficace piano socio – assistenziale; ovviamente, compatibilmente con i vincoli imposti da un necessario assetto del bilancio comunale, in uno con il rispetto del  Patto di stabilità.
Per raggiungere il primario obiettivo di risolvere i problemi dei cittadini, profondendo il massimo
impegno per eliminare le criticità segnalate, è necessario che i nostri Amministratori comunali privilegino sempre e comunque un percorso di collaborazione e dialogo, favorendo un sereno e costruttivo confronto, la composizione bonaria delle eventuali vertenze, dimostrandosi sensibili e vicini ai quotidiani problemi della popolazione, cercando di avere una visone equilibrata dei problemi stessi. Fondamentale, aU riguardo l’organizzazione di momenti specifici di partecipazione, ovvero di assemblee pubbliche nelle frazioni e nel centro storico, al fine di poter ascoltare le esigenze dei cittadini e portarli direttamente a conoscenza delle iniziative, delle decisioni che il Comune intende intraprendere. E’ di tutta evidenza l’impoltanza del succitato coinvolgimento, proprio per contrastare la crescente disaffezione della gente alla vita pubblica. Invece, i cittadini devono assolutamente essere protagonisti della vita amministrativa di Sirmione.
Durante lo scorso anno, ho avuto modo di confrontarmi con il Comandante della Polizia Locale e con
il Sindaco, riguardo il sentito tema dell’impOttanza dell’espletamento del servizio garantito dal “Vigile di quartiere” sul nostro territorio. Ho ricevuto ampie l’assicurazioni sull’effettivo svolgimento del suddetto fondamentale controllo di polizia, affidato però, di volta in volta anche ad agenti diversi e tenuto conto delle deficienze di organico. Quanto alle proposte, segnalazioni demandate al Difensore Civico dallo Statuto comunale, al fine di mantenere un’identità storico-culturale forte, si raccomanda agli Amministratori comunali di impegnarsi ancora in operazioni di salvaguardia della nostra memoria collettiva, patrocinando ed incoraggiando manifestazioni, incontri culturali, mostre ed iniziative editoriali che promuovano Sirmione a livello nazionale ed internazionale. Considero il pubblico incarico affidatomi come occasione, opportunità di offrire un servizio alla comunità a cui orgogliosamente appartengo.

Sirmione, 31 gennaio 2012
Il Difensore Civico protempore, Dott. GianFranco Tosadori “

Link all'articolo originale: http://andreavolpi.blogspot.com/2012/03/la-relazione-del-difensore-civico.html

Lascia un commento