La passeggiata a lago di Desenzano continua a fare discutere

Progetto pronto e inviato agli enti competenti per la valutazione entro la primavera del prossimo anno: il sindaco Guido Malinverno tira dritto con l’idea di far passare la passeggiata dietro la Lepanto. Se non dall’estate 2019, i due tronconi del camminamento saranno uniti si spera per quella 2020.

L’occasione per tornare sul discusso tema del completamento della passeggiata a lago la offre il Comitato ambiente e territorio, che nei giorni scorsi ha lanciato una campagna informativa (con tanto di volantinaggio) e inviato al primo cittadino, alla giunta e a tutti i consiglieri comunali una serie di domande: su tutte, il gruppo chiede lumi circa le sorti e le condizioni dell’officina realizzata dal concessionario della darsena Lepanto proprio all’imbocco del camminamento che dovrebbe diventare il prosieguo della passeggiata a lago, ostruendone di fatto il passaggio.

Il Comitato, inoltre, chiede cosa succederà alla scadenza della concessione, prevista nel 2019. La risposta. Il sindaco Malinverno replica categorico: «Gli occhi per vedere li ho e chiaramente ho messo in conto l’esistenza dell’officina: se serve il privato la demolirà, altrimenti ci passeremo in mezzo ricavando un percorso comunque fruibile. Passeremo, l’officina non è un problema».

Per quanto riguarda invece il secondo quesito, il primo cittadino specifica che «se cambierà d’uso, potremo passare dentro: avremo comunque riqualificato via Lario».

Dentro o dietro, insomma, la passeggiata finalmente sarà tutta unita, dalla Maratona fino al confine con Sirmione: sarà risolto il problema del pezzettino mancante (proprio a livello della Lepanto) che la precedente amministrazione aveva pensato di aggirare con l’ormai celeberrimo ponte da 1,1 milioni di euro scartato dopo l’elezione di Malinverno. 

 

 

Link all'articolo originale: https://www.giornaledibrescia.it/garda/la-passeggiata-a-lago-di-desenzano-continua-a-fare-discutere-1.3321716

Lascia un commento