La müsica del piöèr

L’è quasi sera,
là’n fond
sul èn ciarulì
le spetàl finì del dé,
i nigói i surna na somènsa
mesiada al stralüzèr
del sul chèl và,
e la müsica del piöèr
la canta
co le fòje del bosc
sö le erbe del téré,
e la vé sö
pià a pià
‘n d’èn vèspèr
dèn dè riat a có.
Scultà’l piöèr,
sentèr le gósse
a deéntà’n susür
‘n dèl postàs sö le fòje
dei piantù del bosc,
come sèl föss èn cantà,
lezér,
de na mèsa prima.
Le gosse,
le sbiöss sö l’ormadèl,
söl rùèr,
sö l’èrbisina del sentér,
fin söl paghér,
lé,
quasi’n mira al ciel.
Acàn sbesèt curius
sota na fòia, èl tas;
‘l s’è fermat
dré al tèmp chèl va,
sul per scultà
la müsica de le gosse
che le suna
èn dèl tasèr del dè.
È quasi sera,
là in fondo
solo un leggero chiarore
attende il finire del giorno;
le nuvole seminano sementi
mischiate col luccichìo
del sole che và,
e la musica della pioggia
canta
con le foglie del bosco
sulle erbe del terreno
e vien su
pian piano
nel vespero
di un giorno arrivato a fine.
Ascoltare il piovere,
sentire le gocce
diventare sussurro
nell’appoggiarsi sulle foglie
delle piantone del bosco,
come se fosse un cantare
leggero,
di una messa prima.
Le gocce,
scivolano sull’olmo,
sul rovere,
sull’erbetta del sentiero
fino sull’abete,

quasi di fronte al cielo.
Anche un pettirosso curioso
sotto una foglia tace;
si è fermato
nel tempo che va
solo per ascoltare
la musica delle gocce
che suonano
nel silenzio del giorno.

Prima pubblicazione il: 25 April 2020 @ 13:00

Link all'articolo originale: http://www.gardanotizie.it/la-musica-del-pioer/

Lascia un commento