La malva cilìstina

La malva cilìstina

Lé, sö la rìa del stradèl
asé consàt
dei pass de töcc i dé,
l’à bötat en fiur celèst,
timid,
bas du dì,
suràl teré de n’erba strösiada.
Na malva cilistina,
ignìda sö de sula,
la fa na macìtina,
de daga sul n’öciadina
söl sèc del sentér.
I suna i pass,
i suna
söl dür dei sass,
söl sèc de le prede,
söl sfàlt del stradù,
söl surd nà dei dé.
Sensa parì,
ste fiur nasìt del sèc,
el ciama i öcc che pàssa
sul per fas véder,
e magare, apena apena,
smorsà
i pàs frissus del nà.

La malva celestina

Lì sul bordo della stradina
abbastanza conciata
dai passi di tutti i giorni
è sbocciato un fiore celeste
timido,
basso due dita,
sopra il terreno dell’erba affaticata.
Una malva celestina,
venuta su da sola,
fa una macchiettina
da darle un’occhiatina
sul secco del sentiero.
Suonano i passi,
suonano
sul duro dei sassi
sul secco delle pietre,
sull’asfalto dello stradone
sul sordo andare dei giorni.
Senza apparire
questo fiore nato sul secco,
chiama gli occhi che passano
solo per farsi vedere
e, magari, appena appena,
smorzare
i passi frettolosi dell’andare.

Prima pubblicazione il: 8 May 2020 @ 13:00

Link all'articolo originale: http://www.gardanotizie.it/la-malva-cilistina/

Lascia un commento