La fish pedicure con i pesci garra rufa vietata anche in UK

Le autorità britanniche, dopo indagini durate mesi, mettono al bando l’ultima tendenza d’oltremanica ovvero la pedicure fatta con i garra rufa, pesciolini dall’aria simpatica che si cibano, tra le altre cose, anche di pelle morta.
Una tecnica questa già da tempo utilizzata in diversi paesi del Medio Oriente come la Turchia, la Siria e la Giordania, dove i pesciolini presenti in speciali vasche termali, “curano” pazienti affetti da psoriasi ed altri tipi di dermatiti cibandosi delle scaglie di pelle morta.

Fish pedicure

Secondo l’Hpa (Health Protection Agency) questa pratica, già diffusa in centinaia di centri estetici britannici, potrebbe presentare rischi legati ad infezioni batteriche trasmesse dagli stessi pesci o dall’acqua della vasca che viene riutilizzata dai clienti; rischi, seppur remoti, potrebbero esserci anche per la trasmissione di virus come epatite o HIV qualora la persona malata sanguinasse in acqua.
Proprio per l’impossibilità di sterilizzare l’acqua e la vasca dove operano questi pesci, questo particolare trattamento estetico, noto anche con il nome di “fish pedicure“, è già stato messo al bando in paesi come gli Usa e il Canada.

RETTIFICA ALL’ARTICOLO

Le fonti dell’articolo citato apparse su numerosi portali italiani d’informazione prendono spunto dalle notizie pubblicate dal tabloid londinese “The Sun” a sua volta informato dalla più nota agenzia d’informazione Ansa. Il presidente della Lila (la Lega Italiana per la Lotta contro l’Aids) ha smentito però la notizia che attraverso questa pratica estetica si possa contrarre il virus dell’HIV.

Leggi il documento della Lila

Ringraziamo il signor Toni per la giusta segnalazione. 

Tag:,

Lascia un commento