La bruttissima t-shirt di Wired

Qualche giorno fa mi è arrivata la mail che mi invita a rinnovare l’abbonamento a Wired per altri due anni a prezzo vantaggioso e con l’aggiunta di una “bellissima” maglietta targata Wired, che a me però fa schifo. Se anche non fosse che il mio abbonamento dura ancora circa un anno, non lo rinnoverei con questa promozione solo perché la maglietta è un insulto (a parer mio) a chi si sente parte attiva della community e non un semplice insulso “follower”.

Tra l’altro mi chiedo perché rifarla identica a quella che già hanno distribuito una volta. Così poi ne ho due uguali? Nasce il dubbio che si tratti di una promozione basata su avanzi di magazzino.

Oggi tra l’altro rileggevo l’articolo accademico di von Hippel e von Krogh (2003) e trovo conferma che le modalità di incentivazione a partecipare sono completamente fuori asse, rispetto a quello che dovrebbero.
Btw, di tutti gli articoli che sto ripassando per l’esame di martedì, quello citato sopra (dal titolo Open Source Software and the “Private-Collective” Innovation Model: Issues for Organization Science”) è tra i più interessanti e stimolanti.

PS: Vorrei precisare che resto (per il momento) un sostenitore del Wired nostrano.

Lascia un commento