Il sogno di un uomo in carrozzina: vedere i fuochi d’artificio

La lettera è arrivata in redazione nei giorni scorsi. Un appello discreto ed elegante, come l’uomo che l’ha firmato. L’ex giornalista Sandro Rizzi, colpito da un ictus e costretto su una carrozzina, è in villeggiatura sul Benaco e desidera assistere allo spettacolo pirotecnico di Notte d’Incanto, in programma sabato 18 a Desenzano.

Semplice? Per nulla, soprattutto se dall’hotel ai fuochi d’artificio ci sono troppe salite e discese.

Ve lo riproponiamo nella sua interezza, nella speranza che tra i nostri lettori ci sia chi può realizzare il suo sogno, contattandolo alla sua mail sandrorizzi40@gmail.com.

«Ho un problema che sicuramente vi sembrerà del tutto sciocco. Eppure, per me, no lo è. Sono un vecchio giornalista del Corriere della Sera in pensione e da qualche anno disabile in seguito ad un ictus. Ho deciso di passare le vacanze a Desenzano, senza considerare le «piccole» salite e le «piccole» discese che tempo fa mi avrebbero fatto sorridere, ma che non fanno sorridere per nulla la mia carrozzina né chi la spinge.

Morale: sono quasi confinato in albergo. Non mi lamento, ci mancherebbe. Però un piccolo sogno ce l’avrei.

Qualcuno mi aiuta ad andare a vedere i fuochi d’artificio nella Notte d’Incanto di sabato 18? Magari da una terrazza per non essere travolto dalla folla? Offro in cambio fiori, cioccolatini, gratitudine»

 

Link all'articolo originale: https://www.giornaledibrescia.it/garda/il-sogno-di-un-uomo-in-carrozzina-vedere-i-fuochi-d-artificio-1.3293749

Lascia un commento