Il significato di Villari

Un po’ lo si intuiva dalla sua biografia politica, un po’ è un periodo un po’ così e certe cose ce le si aspetta, fatto sta che alla notizia di oggi si era tutti un po’ preparati. Ciò nonostante, forse non si è del tutto informati su cosa significhi, ecco quindi un ripassino:

La commissione di vigilanza Rai venne istituita nel 1975 con lo scopo di sorvegliare l’attività del servizio televisivo e radiofonico nazionale e pubblico italiano, o meglio di ereditare questo ruolo dal Governo che lo esercitava precedentemente. Le implicazioni di questo passaggio di testimone sono evidenti: dal controllo monocratico della maggioranza si è passati a un controllo teoricamente pluralistico che chiama tutti i partiti rappresentati in parlamento a gestire il sistema televisivo e radiofonico nazionale (qui il regolamento), ovviamente non in maniera diretta (c’è un consiglio d’amministrazione apposito), ma comunque in maniera sostanziale.

Ora, cosa succede da qualche anno a questa parte? siccome il presidente di questa commissione riveste un ruolo di garanzia, è consuetudine che, mentre i membri della commissione dovrebbero in teoria riflettere la composizione del parlamento, questi venga designato dalla coalizione di minoranza, con lo scopo di assegnare il ruolo più importante all’interno di questa commissione a chi ha più interesse a controllare che la Rai si attenga alle sue funzioni di informatore critico. Tutta questa bella teoria in Italia fa un po’ ridere, e difatti da sempre la Rai è stata di fatto “lottizzata” tra i vari partiti (storicamente: ra1 governativa, rai2 destra e rai3 sinistra, ora le cose sono un po’ più complicate ma lo schema di fondo è quello), e nessun presidente di commissione ha mai fatto davvero molto sotto questo punto di vista. Che sia per questo che la candidatura di Orlando è stata tanto osteggiata dal Pdl, tanto da far naugrafare 45 votazioni? non conosco bene le dichiarazioni d’intenti di Orlando a riguardo, ad ogni modo è forse più cruciale il fatto che sia un deputato dell’Italia dei Valori, un partito che fa dell’Informazione libera e critica una delle sue battaglie cruciali. Non che con Orlando la Rai sarebbe mutata di colpo nella Tv delle meraviglie, ma per l’importanza che il sistema radiotelevisivo riveste per Berlusconi e compagnia è chiaro che anche un canale così stretto per operare qualche cambiamento da parte di chi non si farebbe sfuggire l’occasione è in realtà troppo largo.

Ora, storicamente il centrosinistra ha sempre lasciato un po’ correre sulle pretese assolutistiche di Berlusconi in campo televisivo, dimenticandosi in continuazione del famoso conflitto d’interessi, ed è positivo che questa volta perlomeno Veltroni non sembri avere intenzione di lasciar correre questa nomina che, di fatto, rompe la consuetidine di cui sopra (essenziale è che sia l’opposizione a designare il candidato, non che questi sia membro dell’opposizione). Solo, spero che questa rivendicazione, che a mio parere può sfociare solo nell’espulsione di Villari dal partito, non sia solo parte del recente filone narrativo-veltroniano del “siamo in regime”. Non che sia del tutto fuori luogo come sirena d’allarme, ma per una volta vorrei vedere il Pd schierato con precisione su un tema cruciale come l’informazione libera e critica, anche a costo di lottare per assicurare a un partito con cui si ha rotto, l’Italia dei Valori, un posto che si merita.

Link all'articolo originale: http://paguropagano.blogspot.com/2008/11/il-significato-di-villari.html