Il grido d’allarme del turismo sul Garda: siamo in ginocchio

Comparto turistico in ginocchio sul per l’emergenza coronavirus. Gli operatori invocano aiuto. «Ormai – dice Mauro Maccarini, presidente del Carg, associazione albergatori di e Riviera – arrivano disdette anche per luglio e agosto. Preoccupano le perdite economiche e la sorte dei nostri dipendenti, in particolare dei lavoratori stagionali. Se per il personale già assunto c’è la cassa integrazione, per gli stagionali non ci sono aiuti».

Tra Salò e Gardone si parla di un migliaio di occupati, a cui si aggiungono quelli dell’indotto, quasi tutti residenti sul territorio. Itimori. Le prospettive sono nerissime. «Forse – dice Maccarini – non potremo neppure garantire le aperture. Non per tornaconto, ma per salvaguardare le nostre aziende dal rischio di un suicidio finanziario…

 

Leggi l’articolo completo sul Giornale di Brescia in edicola oggi, scaricabile anche in formato digitale.

 

 

Link all'articolo originale: https://www.giornaledibrescia.it/garda/il-grido-d-allarme-del-turismo-sul-garda-siamo-in-ginocchio-1.3469487

Lascia un commento