Il conto, prego

Mi hanno insegnato da piccolo che se ti propongono qualcosa gratis, devi telefonare ai carabinieri (Umberto Eco, “Secondo Diario Minimo”)

Non sono certo della stessa generazione di Eco tuttavia, forse perchè entrambi apparteniamo a una popolazione (lui la piemontese e io la trentina) tradizionalmente diffidente e con i piedi per terra, anch’io come lui diffido di chi fa grandi promesse senza presentare il conto. Intendiamoci, preferisco Obama a quel pazzoide di McCain (e alla sua impresentabile candidata vicepresindente), del quale temo sia la politica estera che intende fare che più generalmente la condotta politica che, imprevedibile com’è, finirebbe per tenere; però vorrei qualcosa più di un’icona a capo del mondo. Probabilmente qualcuno si aspetta un pezzo lungo e dettagliato sulle elezioni americane, ma per una volta credo che passerò la palla degli esperti ad altri blogger più americofili e mi limiterò a qualche impressione personale.

Non che mi sia tenuto aggiornatissimo come tanti altri, ma tutto quello che ho trovato su obama sfoglicchiando le sue numerose biografie, parabiografe e interviste è un incarnazione più o meno artefatta del sogno americano. Capisco che uno dei problemi dei democratici (e forse della sinistra in generale, in Italia di sicuro) è l’aver perso la capacità di parlare con un elettorato che di fronte a una spiegazione un po’ dettagliata si spaventa e “grida all’intellettualoide” o nel migliore dei casi sbadiglia. Capisco anche che costruire un immaginario per i propri elettori è uno dei fondamenti del fare politica. Ma è davvero tutto qui? ci si può ridurre all’immaginario? Ecco, io credo che non si dovrebbe rinunciare del tutto alle spiegazioni e alle dichiarazioni di intenzioni, al massimo semplificarle (è possibile, davvero). Soprattutto nell’era in cui il divario tra gli informati e i malinformati è enorme, poichè da un lato internet permette di informarsi in maniera approfondita e soprattutto incontrollata, dall’altro si va parallelamente diffondendo un culto del disinteresse che ha del pericoloso. Insomma, ci sono due elettorati da soddisfare (e questo, se forse vale più a sinistra, è e sarà sempre maggiore anche a destra), uno dei quali chiede immagini sbrigative ed efficaci e l’altro chiarezza, coerenza e conoscenza dei progetti per cui vota; come conciliare questi due elettorati è forse la grande sfida del secolo appena cominciato, e sinceramente spero di non doverci mai metere le mani.

Il motivo per cui preferisco ancora Obama a McCain, nonostante tutto, è che come ho scritto tempo fa deve fare i conti con un elettorato giovane e informato, oltre al tradizionale elettorato che “prende in eredità” dal partito. Obama è stato anche il candidato di una certa maniera di vivere la Rete, e questo mi fa ben sperare. Mi fa sperare anche che i miei timori sulle sue intenzioni siano già stato fugati da torme di solerti internauti americani, d’altronde. Ad ogni modo prenderò come una buona notizia la sua eventuale elezione, una buona notizia di cui c’è un certo bisogno in questo sporco mondo, ultimamente.

Chiudo con la spiegazione del titolo e dell’ex ergo, spiegazione che è più che altro una mia fantasia ricorrente. In politica, e mi rendo conto che sarebbe una mossa suicida, mi piacerebbe che qualcuno osasse parlare anche dei sacrifici che si dovranno fare, ma non genericamente e dando la colpa a schemi generali, bensì chiarendo che a certi comportamenti corrispondono certe conseguenze. Per rimanere a Obama, mi piacerebbe che dicesse una cosa del tipo: “si, possiamo cambiare il mondo e portarlo in un’epoca di pace, ma per farlo dobbiamo, noi americani, smettere di vivere come stiamo vivendo ormai da decenni. Siete pronti a questo sacrificio? perchè è quello che vi chiederò se mi voterete, ed è quello che si deve fare se davvero si vuole un mondo nuovo“. Questo sarebbe sì suicida, ma finalmente chiaro, e se c’è una cosa di cui ha bisogno il mondo di questi tempi è la chiarezza, credo.

Link all'articolo originale: http://paguropagano.blogspot.com/2008/11/il-conto-prego.html