Il buono, il brutto ed il cattivo nel tuning di Windows 7

Come utente (purtroppo) di Windows 7 mi trovo spesso a che fare con problemi di tuning. Sono pochi mesi che lo ho installato e già ci mette parecchio ad avviarsi, altro che il mio buon Mac OsX, 30 secondi e sono operativo!

Good practice Windows tuning

Per quanto riguarda Windows, esistono tantissimi programmetti che la gente fa semplicemente per potersi arricchire e tanti altri che invece servono veramente. In questa simpatica immagine sono mostrate delle “best practice” cui ogni buon utente di windows dovrebbe attenersi, mentre altre invece altamente sconsigliate.

Fra le pratiche sconsigliate troviamo primo fra tutti, utilizzare il disgustoso Windows Media player, ovvero il programma che si prende possesso dei nostri media, apre il nostro computer come groviera ad attacchi informatici e ci fa consumare risorse CPU in maniera avida.

Un’altra cosa altamente sconsigliata sembra la pratica di cancellazione dei file di prefetch di Windows. Questi dovrebbero in teoria aiutare l’avvio dei programmi a scapito del consumo di spazio su hard disk.

 PC dust, polvere

Una pratica invece diventata di fatto inutile è quella della deframmentazione dischi e soprattutto la disattivazione di processi apparentemente inutili.

Chiaramente non si fa riferimento alle famigerate X-bar , dove X={ google, ask, etc }. Queste sono applicazioni mangia RAM, mangia CPU ed inutili. Non installatele mai!

 

Un altro trucchetto per risparmiare energia e prevenire danni incredibili. Spolverare frequentemente l’interno del PC, non vorrete trovarvi in situazioni del genere

 

 

 

Link all'articolo originale: http://carlonicolini.altervista.org/index.php/Informatica-e-Web/Notizie-dal-web/Il-buono-il-brutto-ed-il-cattivo-nel-tuning-di-Windows-7.html

Lascia un commento