«Ho ucciso Francesca, mi dispiace, ma tutti possono sbagliare»

«Sono stato io a commettere il reato e mi dispiace per quello che è successo. Tutti fanno cazzate, i giargianesi vengono in Italia e ne fanno tante. Io ho fatto questa che è la prima e l’ultima».

È la dichiarazione spontanea rilasciata prima dell’inizio dell’udienza da Andrea Pavarini, il 32enne che un anno fa a Bedizzole violentò e uccise a calci e pugni Francesca Fantoni, 39enne del paese affetta da un ritardo cognitivo che poi abbandonò dietro ad un cespuglio nel parco pubblico del paese.

EMBED [Leggi anche]Durante l’udienza, anche il racconto choc di Elisa Fantoni, sorella della vittima. «Ad aprile 2019, sei mesi prima dell’omicidio di mia sorella, Andrea Pavarini, il suo assassino, tentò di abbassarsi i pantaloni davanti a me con l’intenzione di avere un rapporto sessuale.

Pavarini si era presentato a mia dicendo di essere il fidanzato di Francesca e che avrebbe voluto avere un figlio da lei. Vedendo che non gli davo corda, diventò più aggressivo fino a quando tentò di calarsi i pantaloni dicendo che voleva avere un rapporto con me sul divano e sul tavolo. Riuscii a mandarlo via» ha spiegato in aula, sentita come testimone.

 

Link all'articolo originale: https://www.giornaledibrescia.it/garda/ho-ucciso-francesca-mi-dispiace-ma-tutti-possono-sbagliare-1.3564064

Lascia un commento