Gruppo Feralpi e La Climate Strategy: 100 milioni per un mix energetico a minore impatto

PRODUZIONE OLTRE I LIVELLI PRE-COVID POSITIVI I PRIMI MESI DELL’ANNO

  • Produzione di acciaio (ton): +7% nei primi 8 mesi rispetto al 2019
  • Ricavi (Consolidato Feralpi Holding): +56,9%% 6 mesi 2021/6 mesi 2020

Entro i prossimi cinque anni il Gruppo investirà per produrre energie rinnovabili. Per il Gruppo Feralpi, la riduzione dell’impatto ambientale e lo sviluppo del business passano attraverso un mix energetico più verde.

L’obiettivo a cinque anni è raggiungere una potenza installata di oltre 100 megawatt destinata all’autoconsumo per arrivare a coprire il 20% del fabbisogno energetico delle aziende del Gruppo in Italia. L’investimento sarà nell’ordine dei 100 milioni di euro.

Grazie al nuovo investimento, il Gruppo Feralpi si prefigge di ridurre le emissioni di CO2di circa 85.000 tonnellate l’anno a progetto concluso. L’investimento avrà anche un impatto economico positivo grazie ad un costo dell’energia elettrica competitivo rispetto ai valori di mercato.

L’investimento è parte della strategia ESG (Environment, , Governance) che integra nelle direttrici di sviluppo un percorso di carbon neutrality. Contribuire alla transizione ecologica, dando sempre maggiore rilevanza alle energie pulite ed attivando soluzioni volte al miglioramento dell’efficienza energetica, è un obiettivo del Gruppo Feralpi, così come lo è continuare a sviluppare modelli di economia circolare in linea con i target Ue al 2030 e 2050.

«L’energia è una risorsa strategica per il nostro business. E il nostro piano di sviluppo – commenta Giuseppe Pasini, presidente del Gruppo Feralpi — integra tra gli obiettivi anche la volontà di contribuire attivamente alla decarbonizzazione dei processi industriali e alla transizione energetica. Ciò significa anche dare una sempre maggiore rilevanza alle energie pulite. L’investimento va in questa direzione. Non solo: coniuga virtuosamente i tre aspetti ESG. L’ambiente, perché vogliamo produrre energia verde ed utilizzarla. Il capitolo sociale, perché creeremo valore sul territorio poiché gli investimenti saranno realizzati in Italia. Non da ultimo, genereremo un impatto economico positivo sul Gruppo grazie a minori costi dell’energia. Inoltre, è un investimento così importante e strategico da avere un impatto sulla governance stessa del Gruppo».

Technical Graduate Program, la sfida delle competenze Questo investimento va ad integrare quelli già definiti per il periodo 2021–2026 che superano i 300 milioni di euro per interventi strategici finalizzati a raggiungere l’eccellenza tecnologica.

L’accelerazione richiede nuove competenze altrettanto evolute per guidare il cambiamento. Per vincere la sfida delle competenze nasce il Technical Graduate Program, il programma di Feralpi dedicato a giovani tecnici, volto a sviluppare competenze specialistiche per ricoprire ruoli chiave nelle funzioni tecniche, sia a livello di Gruppo che di Operation. È un progetto strutturato, definito e replicabile che prevede l’inserimento di giovani ingegneri per implementare lo sviluppo tecnologico nei prossimi anni. Il progetto si inserisce nel percorso di Technical Excellence del Gruppo Feralpi e fa capo alla Direzione Tecnica di Gruppo che coordina le competenze tecniche-tecnologiche a livello corporate.

Le produzioni (8 mesi 2021 vs 8 mesi 2019)

Il gruppo Feralpi ha chiuso i primi otto mesi dell’anno con una produzione di acciaio superiore ai livelli pre-Covid. Infatti, la crescita è stata del 7% rispetto allo stesso periodo del 2019 raggiungendo quota 1,73 milioni di tonnellate.

I risultati economici (6 mesi 2021 vs 6 mesi 2020)

Nei primi sei mesi dell’anno 2021, i ricavi (Consolidato Feralpi Holding) sono cresciuti del 56,9% rispetto al pari periodo dell’anno 2020, raggiungendo il valore di 879 milioni di euro.

Aver investito sull’integrazione a valle con le lavorazioni a freddo dell’acciaio, destinate alle grandi opere e infrastrutture, ha rafforzato ulteriormente Feralpi nel core business degli acciai per l’edilizia. Nei primi otto mesi dell’anno, Presider (società specializzata nella prelavorazione dell’acciaio prodotto dalle acciaierie del Gruppo) ha incrementato i volumi di vendita del +27,4% rispetto ai primi otto mesi del 2019, anno pre-Covid. Unifer, società partecipata dal Gruppo, ha segnato, nei primi otto mesi dell’anno, una crescita delle vendite pari al +22,4% rispetto al corrispondente periodo del 2019.

Al tempo stesso, si registrano performance in miglioramento anche per la business unit specialties grazie alla sinergia industriale tra Acciaierie di Calvisano e Caleotto che segnano rispettivamente, volumi di vendita in aumento del +22,1% e del +49,6% (rispetto ai primi otto mesi del 2019).

«Dal 2019 ad oggi – ricorda Giuseppe Pasini — la siderurgia ha vissuto un intero ciclo economico che, in passato, avrebbe richiesto oltre 10 anni. Gestire queste rapidissime fasi richiede aziende sempre più strutturate. Il Gruppo Feralpi ha affrontato la volatilità dei mercati grazie a una struttura industriale e finanziaria solida che, organizzata per business unit, ha consentito di gestire ogni singolo mercato in modo verticale per rispondere sia al mercato dell’edilizia sia al comparto della meccanica».

Il Gruppo Feralpi

Il Gruppo Feralpi è tra i principali produttori siderurgici in Europa (1,24 mld € di fatturato, oltre 1700 dipendenti diretti) ed è specializzato nella produzione di acciai destinati sia all’edilizia sia ad applicazioni speciali. Dalla capogruppo Feralpi Siderurgica, fondata nel 1968 a Lonato del Garda (Brescia), un percorso di crescita ha dato vita ad un Gruppo internazionale, diversificato e verticalizzato a monte e a valle della filiera produttiva e di commercializzazione. Il Gruppo Feralpi è tra i leader sul mercato nazionale ed europeo nella produzione di tondo per cemento armato in barre, vergella liscia e nervata, tondo ribobinato, trafilato e rete elettrosaldata. La missione che si propone Feralpi non è soltanto quella di produrre i migliori acciai per l’edilizia, ma di farlo nel modo più sostenibile possibile, ovvero abbattendo i consumi e le emissioni utilizzando le migliori tecnologie disponibili grazie ad un’intensa attività interna di innovazione e ricerca.

Link all'articolo originale: http://www.gardanotizie.it/gruppo-feralpi-e-la-climate-strategy-100-milioni-per-un-mix-energetico-a-minore-impatto/

Lascia un commento